Il Galileo Emergency Warning Satellite Service dimostrato in Francia e Germania.

#EUSpace Galileo EWSS

Che si tratti di incendi in Canada o di un terremoto mortale in Turchia, i disastri naturali e causati dall'uomo evidenziano l'importanza di disporre di strumenti e soluzioni innovativi per una gestione e una risposta resilienti al rischio.

Con gli utenti finali sempre al centro, il programma spaziale dell'UE continua a evolversi offrendo servizi che contribuiscono alla sicurezza e al benessere dei cittadini europei.

Sviluppato dalla Direzione generale per l'industria della difesa e lo spazio (DEFIS) della Commissione europea, il servizio satellitare di allarme di emergenza supporterà e integrerà gli attuali servizi di protezione civile sfruttando la disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7, dei segnali di Galileo e la resilienza delle sue infrastrutture.

Come funzionerà questo nuovo servizio salvavita?
L'Emergency Warning Satellite Service (EWSS) utilizza la funzione di messaggistica di Galileo per trasmettere un avviso agli smartphone con le istruzioni da seguire a seconda dell'area in cui si trova l'utente. Il servizio non si basa sulla rete mobile, può raggiungere qualsiasi smartphone dotato di GNSS chip in un'area target specifica con copertura satellitare. Questa funzione consente al servizio di raggiungere le persone nelle regioni rurali con scarso segnale mobile e può essere disponibile anche durante un disastro che colpisce l'infrastruttura di terra.

Il direttore operativo di EUSPA, Pascal Claudel, spiega: "L'EWSS fornisce alle autorità nazionali di protezione civile un canale "satellitare" 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che consente loro di trasmettere allarmi alla popolazione. Questo si aggiunge ai molteplici servizi di allerta nazionali esistenti come reti mobili, TV, radio, sirene, internet o social network, ed è completamente indipendente dalle reti mobili terrestri”.

Questo futuro servizio di allerta Galileo è progettato per essere ricevuto direttamente su qualsiasi dispositivo in grado di elaborare i segnali Galileo: smartphone, navigatore per auto, ricevitore fisso sui tetti degli edifici per la visualizzazione su cartelloni pubblici, ecc.

L'EWSS non è l'unico servizio di emergenza di Galileo. Il servizio di ricerca e soccorso (SAR) di Galileo contribuisce a salvare vite umane in circostanze di emergenza. Di recente, un velista in una regata intorno al mondo in solitaria è stato salvato grazie al posizionamento dato ai soccorritori dal suo sistema di emergenza dopo che le onde hanno distrutto la sua imbarcazione.

Due manifestazioni basate su un vero disastro
La dimostrazione dell'EWSS è stata effettuata nell'ambito di un progetto Horizon Europe STELLAR che ha ricevuto finanziamenti dall'Unione europea. La prima dimostrazione mirava a replicare l'esplosione mortale avvenuta presso le strutture AZF nel settembre 2001 a Tolosa, in Francia, che ha causato la morte di 31 persone.

Questo esercizio si è svolto in tre diversi siti:

R: Il centro operativo della prefettura dell'Alta Garonna, responsabile dell'emissione dell'allerta

B: Il centro di servizi di ricerca e soccorso Galileo con sede presso le strutture del CNES a Tolosa

C: Nella città di Tolosa, dove gli utenti di telefoni cellulari hanno ricevuto i messaggi di avviso.

La dimostrazione EWSS condotta dal consorzio STELLAR è stata accolta con grande successo ed entusiasmo. Il servizio ha trasmesso in modo efficiente messaggi di soccorso ai telefoni cellulari dei cittadini entro pochi secondi dall'attivazione. Grazie all'accuratezza superiore di Galileo, gli utenti finali sono stati in grado di visualizzare con precisione l'area interessata.

La manifestazione si è svolta alla presenza del Ministero dell'Interno francese, della Prefettura dell'Alta Garonna e delle autorità di protezione civile (SAMU, Municipio, Vigili del Fuoco/SDIS).

Un'esercitazione simile si è svolta il 30 giugno 2023 a Leverkusen, in Germania, replicando l'esplosione di Chempark avvenuta due anni fa.

STELLAR riunisce un consorzio unico di aziende dell'UE con esperienza nella navigazione satellitare e nella gestione delle emergenze. È guidato da Telespazio France, insieme a CNES, EENA, F24 e Thalès Alenia Space.

(Fonte #EUSpace  http://www.euspa.europa.eu).

 

 

 

---

Pin It

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione mediaGEO società cooperativa
Via Palestro, 95 00185 Roma.
P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 Email: info@mediageo.it
www.mediageo.it
Testata telematica registrata al
Tribunale di Roma
n° 231/2009 del 26-6-2009.