Accesso più facile ai dati Sentinel grazie al nuovo ecosistema spaziale dei dati di Copernicus

Accesso più facile ai dati Sentinel grazie al nuovo ecosistema spaziale dei dati di Copernicus

Copernicus è il più grande fornitore al mondo di dati di osservazione della Terra e il suo lancio ha segnato un momento significativo, non solo per la comunità del telerilevamento, ma per tutti gli scienziati, imprenditori e cittadini nell'UE e oltre.

La sua politica in materia di dati aperti, completi e gratuiti, insieme alle caratteristiche di alta qualità e frequente aggiornamento, ha portato al suo uso diffuso da parte delle autorità pubbliche, delle aziende, comprese le piccole e medie imprese, e persino dei singoli cittadini.

Le grandi quantità di dati generati dai satelliti Sentinel di Copernicus, combinate con le informazioni accessibili tramite la componente in situ di Copernicus, forniscono informazioni aggiornate sullo stato della Terra e sono utilizzate in molti campi come la scienza, l'industria e la politica -fabbricazione.

Ad esempio, il radar di Sentinel-1 è in grado di mappare le inondazioni, monitorare terra e mare e rilevare fuoriuscite di petrolio, mentre con Sentinel-2 è possibile osservare i cambiamenti nella vegetazione e nella copertura del suolo. Inoltre, gli aerosol degli incendi boschivi e le temperature della superficie terrestre possono essere valutati con Sentinel-3, mentre Sentinel-5 monitora la composizione dell'atmosfera e tiene traccia degli inquinanti. Questa enorme quantità di dati ha dato origine ad un'ampia gamma di applicazioni, come il monitoraggio di condizioni meteorologiche estreme o la valutazione dell'impatto dei cambiamenti climatici e dei disastri naturali. Pertanto, Copernicus ha acquisito una posizione centrale a sostegno di un processo decisionale consapevole e sostenibile.

È quindi ovvio che un facile accesso ai dati e alle informazioni di Copernicus è una priorità per la Commissione europea, alla luce dei numerosi vantaggi che offre ai cittadini globali.

In tale contesto, il commissario per il Mercato interno, Thierry Breton, ha affermato che "Copernicus deve puntare all'eccellenza digitale. Vogliamo che i dati di Copernicus siano facilmente accessibili e utilizzabili, affidandoci allo stesso tempo a un potente ambiente di analisi dei dati per attrarre nuovi utenti, in particolare dai settori non spaziali." Queste parole hanno fatto da sfondo all'annuncio, lo scorso dicembre, di una nuova piattaforma per accedere e sfruttare i dati satellitari di Copernicus. Ha preso vita il 24 gennaio 2023 con il lancio ufficiale del portale Copernicus Data Space Ecosystem e dei servizi iniziali; ulteriori servizi verranno continuamente aggiunti nei prossimi mesi. Questo è l'inizio di un nuovo viaggio nell'esplorazione del nostro superbo pianeta.


Che cos'è il nuovo ecosistema spaziale dei dati di Copernicus

Il Copernicus Data Space Ecosystem è una nuova infrastruttura basata su cloud per accedere ai dati di Copernicus, fungendo da gateway per Sentinel, per le missioni di contributo di Copernicus e per i dati di terze parti. Ospitando già 34 petabyte di dati di osservazione della Terra, il Copernicus Data Space Ecosystem mira ad andare oltre il successo del Copernicus Open Access Hub e dei DIAS, che hanno servito una comunità che ora conta più di 600.000 utenti registrati. Tuttavia, non si tratta di un semplice restyling o di un semplice cambio di nome di un servizio esistente.

Oltre a garantire la continuità dell'accesso aperto e gratuito ai dati di Copernicus Sentinel, il Copernicus Data Space Ecosystem rappresenta un vero passo avanti, contribuendo all'evoluzione e alla modernizzazione della componente di osservazione della Terra del programma spaziale dell'UE. L'accesso ai dati è reso più semplice che mai rendendo immediatamente disponibili gli archivi di dati completi e aggiornati. Un'unica piattaforma dedicata consente ora di cercare tutti i dati disponibili per un'area geografica di interesse da un giorno specifico o entro un periodo di tempo specificato. I dati possono essere visualizzati tramite un'applicazione basata sul Web basata sull'eredità dello standard de facto EO Browser, scaricati direttamente o accessibili nel cloud tramite API standard. Questo nuovo servizio consente anche la creazione di video time-lapse per una visualizzazione semplificata dei dati delle serie temporali.

Il Copernicus Data Space Ecosystem non si ferma qui, tuttavia, e offre ancora più funzionalità. Una forte attenzione è posta sulla tracciabilità dei dati, consentendo di verificare l'origine dei dati e quali operazioni di elaborazione o calibrazione sono state eseguite su di essi. Inoltre, man mano che gli archivi di dati crescono, diventa sempre più conveniente elaborare le informazioni dove sono originariamente memorizzate. Pertanto, per gli utenti interessati all'elaborazione dei dati, Copernicus Data Space Ecosystem include strumenti integrati dedicati. I processori cloud su richiesta ottimizzati per le applicazioni di osservazione della Terra semplificheranno l'estrazione e l'analisi dei dati su larga scala e consentiranno nuove e ambiziose applicazioni per attività pubbliche, private o commerciali. Tutte queste caratteristiche andranno a vantaggio degli utenti istituzionali, della comunità di ricerca, del settore commerciale e di ogni cittadino del pianeta. E sono disponibili gratuitamente (anche se verranno applicate delle quote, mentre lo scale-up sarà offerto a pagamento), grazie ai finanziamenti forniti dall'Unione Europea.

https://dataspace.copernicus.eu/

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/{sh404sef_shurl}

Pin It

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione mediaGEO società cooperativa
Via Palestro, 95 00185 Roma.
P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 Email: info@mediageo.it
www.mediageo.it
Testata telematica registrata al
Tribunale di Roma
n° 231/2009 del 26-6-2009.