Stantec utilizza i ROV Deep Trekker per la modellazione archeologica 3D

Stantec utilizza i ROV Deep Trekker per la modellazione archeologica 3D

Il dipartimento archeologico di Stantec Markham è stato incaricato di valutare la strutura di una diga a Nassau Mills, Peterborough, in Ontario. Questo sito ospitava una diga attiva che si stava avvicinando alla fine della sua vita utile, nonché i resti storici di una precedente diga del 1800. L'obiettivo di questa indagine era quello di esaminare i resti storici, identificando anche i metodi di costruzione utilizzati nelle dighe del passato per i nuovi progetti di costruzione.

Atrezzatura utilizzata I ROV REVOLUTION e PIVOT di Deep Trekker sono stati utilizzati insieme per garantire una maggiore durata della batteria per tuta la giornata lavorativa. Entrambi questi dispositivi sono dotati di sei propulsori, nonché di telecamera tiltabili e piataforme portautensili. Quatro dei sei propulsori sono vetori, mentre i restanti due sono verticali, consentendo movimenti laterali e verticali omnidirezionali.  L’unico altro equipaggiamento utilizzato è una fotocamera GoPro, utilizzata in combinazione con la fotocamera del veicolo per otenere immagini aggiuntive. La videocamera GoPro veniva semplicemente afferrata tra gli artigli del ROV durante l'uso.

Fase 1: imaging La prima fase della modellazione fotogrammetrica di Stantec è stata la raccolta di immagini ad alta risoluzione. La prima sfida che questo progeto ha dovuto affrontare è stata il tempo. L'indagine doveva essere condota durante l'inverno canadese, con temperature minime medie di -11 gradi Celsius per l'area. L'invio di subacquei a queste temperature richiederebbe un'atrezzatura di alto livello e comporterebbe comunque tempi di immersione più brevi per limitare il rischio di esposizione alle basse temperature. In secondo luogo, lavorare vicino alla strutura di una diga espone gli operatori umani a possibili correnti e rischi dovuti a pressioni differenziali.

L'archeologo del progeto Mike Maloney ha dichiarato: "Se avessimo dei sommozzatori a terra, essendo molto vicini a una diga, ci sarebbero molti problemi di sicurezza per portare a termine il lavoro". Per affrontare questi problemi, Mike, insieme a Darren Kipping, un altro archeologo della Stantec, ha deciso che l’utilizzo di un ROV Deep Trekker fosse la soluzione migliore per l'imaging. Dotando il ROV di una videocamera GoPro impostata per acquisire immagini JPEG ogni due secondi, i due sono stati in grado di pilotare il ROV secondo uno schema a griglia per un'ampia copertura fotografica da diverse angolazioni.

Questa tattica è stata in grado di caturare immagini quasi continue scambiando il campo tra due veicoli. I due hanno spiegato di essere stati in grado di condurre l'indagine subacquea molto più rapidamente del solito. Notando che: "Normalmente, se avessimo dei subacquei, noi, come archeologi, istruiremmo loro cosa cercare, cosa registrare, e poi sarebbero tornati su e ci avrebbero informato di ciò che hanno visto." In un solo pomeriggio, il team è riuscito a caturare tute le immagini necessarie per passare alla seconda fase: la modellazione.

Fase 2: Modellazione Una volta acquisite le immagini necessarie, Mike e Darren sono stati in grado di caricare i loro risultati, insieme ad alcuni precedenti file da SideScanSonar, per generare modelli utilizzando un software di fotogrammetria. Il software di modellazione esegue l'elaborazione fotogrammetrica di immagini digitali e genera dati spaziali 3D da utilizzare in applicazioni GIS per documentare il patrimonio culturale e produrre effetti visivi ma anche per effetuare misurazioni indirete di oggetti di varie scale.

La figura sopra dimostra le capacità di misurazioni precise trovate nel processo di modellazione. Le immagini caturate sono state in grado di restituire modelli interattivi con precisione millimetrica. Una volta finalizzati, Stantec ha potuto confrontare i rendering fotogrammetrici con i documenti storici per monitorare l’impato che i fatori ambientali hanno prodoto nel tempo. Punti chiave Utilizzando i ROV Deep Trekker, Stantec è stata in grado di caturare in modo rapido, sicuro e semplice tute le foto necessarie per la modellazione in un solo giorno.

La velocità con cui due membri del team sono riusciti a completare un compito come questo è stata notevole. Utilizzando i ROV, la coppia di archeologi è stata in grado di dirigere personalmente i veicoli esatamente dove dovevano essere, invece di comunicare avanti e indietro con una squadra di sub. Consentendo all'utente finale di acquisire le immagini richieste, è stato possibile creare con successo modelli fotogrammetrici 3D altamente detagliati della diga di Nassau Mills, senza rischi o costi ripetuti.

I migliori pacchetti Deep Trekker per la fotogrammetria Quando si trata di sfrutare tuto il potenziale dei ROV Deep Trekker per la fotogrammetria, selezionare il paccheto giusto può fare la differenza. Deep Trekker offre una gamma di pacchetti specializzati, ciascuno su misura per soddisfare esigenze e applicazioni specifiche. La scelta migliore è ovviamente il paccheto NAV dei vari modelli ROV, completo di una suite di strumenti e funzionalità che migliorano le capacità dei ROV Deep Trekker, rendendoli ideali per l'imaging subacqueo e l'acquisizione di dati. Con Deep Trekker, ottieni l'accesso a droni subacquei portatili, intuitivi ed economici dotati di fotocamere 4K di alta qualità, potenti proietori a LED e stabilità eccezionale, ideali per progetti di fotogrammetria.

Fonte: ( Deep Trekker )

Pin It

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione mediaGEO società cooperativa
Via Palestro, 95 00185 Roma.
P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 Email: info@mediageo.it
www.mediageo.it
Testata telematica registrata al
Tribunale di Roma
n° 231/2009 del 26-6-2009.