itzh-CNenfrdeptrues
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Harris
3D Target
Approvato in via definitiva dal Senato della Repubblica il terzo Decreto Terremoto

Approvato in via definitiva dal Senato della Repubblica il terzo Decreto Terremoto

Completata la conversione in legge del Decreto Terremoto Tris con la definitiva accettazione del Senato. Le principali novità concernono l'istituzione del nuovo dipartimento di Casa Italia, il danno indiretto, le schede Aedes senza nessun tetto, le nuove spese tecniche, la delocalizzazione delle imprese del cratere semplificata e la responsabilità comunale sui piani di ricostruzione.

Tags:

Consumo di Suolo:

Sospeso

 

IN SEI MESI, CONSUMATI 5 MILA ETTARI DI SUOLO


Da novembre 2015 a maggio 2016, nonostante la crisi economica che ne ha rallentato la velocità, l’Italia ha consumato quasi 30 ettari di suolo al giorno, per un totale di 5 mila ettari di territorio. Come se in pochi mesi avessimo costruito 200.000 villette.

Pur con una velocità ridotta, che si attesta quest’anno sui 3 m2 al secondo, il consumo di suolo continua inesorabilmente ad aumentare cancellando, al 2016, 23 mila km2 (pari alla dimensione di Campania, Molise e Liguria messe insieme), il 7,6% del territorio nazionale. E il futuro non è roseo. Le previsioni dell’ISPRA, che ha ipotizzato gli scenari di trasformazione del territorio italiano al 2050, parlano, nel migliore dei casi (interventi normativi significativi e azioni conseguenti che possano portare a una progressiva e lineare riduzione della velocità di cambiamento dell’uso del suolo), di una perdita di ulteriori 1.635 km2, di 3.270 km2 in caso si mantenesse la bassa velocità di consumo dettata dalla crisi economica e di 8.326 km2 nel caso in cui la ripresa economica riportasse la velocità al valore di 8 m2 al secondo registrato negli ultimi decenni.

A fornire le stime del fenomeno, sia al 2016 che in previsione al 2050, è l’ISPRA che presenta oggi in conferenza stampa presso la Camera i dati del rapporto sul consumo di suolo del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), una raccolta di dati aggiornati, prodotti con un dettaglio a scala nazionale, regionale e comunale, grazie all’impegno del SNPA, che vede ISPRA insieme alle Agenzie per la protezione dell’ambiente delle Regioni e delle Province Autonome, in un lavoro congiunto di monitoraggio.

Dal Rapporto emerge che dagli anni ‘50 al 2016, il consumo di suolo nazionale è passato dal 2,7% al 7,6%, con una crescita del 184%.
Le colate di cemento continuano ad interessare zone a pericolosità sismica (oggi è ricoperto oltre il 7% nelle aree a pericolosità alta e quasi il 5% in quelle a pericolosità molto alta), idraulica (oltre 257.000 ettari, l’11% del totale del suolo artificiale nazionale) e da frana (circa l’11,8% del totale nazionale, con un incremento medio dello 0,2%), fascia costiera (con un aumento dell’impermeabilizzato nella fascia sotto i 300 metri, pari allo 0,15% a livello nazionale) aree protette (32.800 ettari di territorio consumato ed un aumento di ulteriori 48 ettari tra il 2015-2016) e parchi nazionali (nell’Arcipelago di La Maddalena e nel Parco nazionale del Circeo).

In tutto sono 15 le regioni che hanno perso una percentuale di suolo superiore al 5%; tra queste Lombardia, Veneto (entrambe con oltre il 12%) e Campania (oltre il 10%), mentre gli incrementi maggiori in valori assoluti, sono avvenuti in Lombardia (648 ettari di nuove superfici artificiali), Sicilia (585 ettari), e Veneto (563).
Quella di Monza e della Brianza è la provincia con la percentuale più alta di consumo di suolo rispetto al territorio amministrato (oltre il 40%), con una crescita ulteriore, tra il 2015 e il 2016, di 22 ettari. Seguono Napoli e Milano (oltre il 30%), Trieste, Varese, Padova e Treviso. Tra queste, l’incremento maggiore si registra nella provincia di Treviso (186 ettari tra il 2015 e il 2016, il valore più alto a livello nazionale).
Nei comuni italiani la crescita percentuale maggiore delle superfici artificiali è avvenuta a Calcio (in provincia di Bergamo, cresciuto del 9,5%), Oschiri (Olbia-Tempio, 7,4%), Altivole (Treviso, 6,9%), confermando che sono spesso comuni piccoli o medio piccoli che mostrano una maggiore tendenza a consumare suolo.
Montalto di Castro (in provincia di Viterbo, con 65 ettari di nuovo consumo di suolo tra il 2015 e il 2016), Eboli (Salerno, 57 ettari), Roma (54 ettari) e Alcamo (Trapani, 52 ettari) sono i comuni dove l’incremento è stato maggiore in valore assoluto. Tra i comuni con più di 150.000 abitanti, gli incrementi maggiori sono a Roma, quindi a Torino e Bologna.

Ogni italiano ha a disposizione una percentuale di suolo “sano”. Il picco di suolo libero per abitante si ha nel comune di Briga Alta (provincia di Cuneo) con oltre 1.300.000 m2 disponibili per ognuno dei suoi 39 abitanti, e in altri comuni montani poco abitati e con vasti spazi naturali. La maglia nera del 2016 va invece ad alcuni comuni della Provincia di Napoli, che registrano dagli 8 m2/ab ai 23 m2/ab di suolo non consumato.


Il Rapporto è disponibile sul sito web dell’ISPRA (www.isprambiente.gov.it). Nella sezione “Ufficio stampa – Dossier”, sono inoltre scaricabili video, immagini ed altra documentazione utile alla stampa.


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq6ra

Gestione del Suolo: il caso di Roma

Gestione del Suolo: il caso di Roma

Consumo di suolo a Roma: 650 mila tonnellate di CO2 in atmosfera a causa delle trasformazioni previste. Le emissioni sono una delle conseguenze. Non parliamo di una città qualunque: un territorio vastissimo si estende attorno all’area metropolitana dell’Urbe e dal punto di vista del consumo di suolo avvenuto negli ultimi anni, la Capitale rappresenta davvero “il caso Roma”.

Tags:
Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

geospatial catasto dati cantiere geodesia open geo data rndt autonomous vehicle uso del suolo SIFET modellazione 3d smart city top galileo oceanografia spazio planetek infrastrutture sinergis esri italia protezione civile open data webGIS termografia internet of things copernicus codevintec Toponomastica scansione 3D asi sar topcon dissesto idrogeologico geofisica ISPRA esa meteorologia archeologia formazione intelligenza artificiale progettazione sentinel mare realta aumentata rilievo 3d osservazione della terra faro numerazione civica smart mobility terrelogiche gps eGEOS BIM territorio servizi GIS apr leica teorema realtà virtuale nuvole di punti beni culturali Bentley mobilita pianificazione gestione emergenze geomax 3D osservazione dell'universo smartphone terremoto Stonex geologia geoportale GTER rilievo sensore telerilevamento topografia ambiente cosmo skymed esri big data utility interferometria catasto europeo CAD flytop INTERGEO ingv monitoraggio microgeo metadati digital geography open source fotogrammetria posizionamento satellitare autocad reti tecnologiche dati geografici trimble misurazione storytelling cartografia Harris agricoltura geolocalizzazione app ortofoto autodesk scienze della terra e-geos cnr in cantiere hexagon Epsilon Italia qgis technologyforall top world mappe terremoti aerofotogrammetria openstreetmap FOIF mobile mapping tecnologia energia Here droni terra e spazio asita trasporti stazione totale remote sensing coste leica geosystems arcgis ricevitori satelliti sicurezza INSPIRE uav lidar laser scanner urbanistica ict geomatica GNSS rischio tecnologie avanzate
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
Technology for All

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps