Harris
3D Target

Il celebre T2 immortalato su una app per i 100 anni di Wild Heerbrugg

Usato e apprezzato da più generazioni di tecnici del rilievo, il teodolite Wild T2 è stato lui stesso un caposaldo di riferimento per i topografi di tutto il mondo fino alla fine del millennio. Un recente progetto ha celebrato 100 anni di innovazione geodetica e fotogrammetrica digitalizzando in 3D un iconico teodolite WILD T2 della serie 1927. È stata inoltre sviluppata un'app per dispositivi Android, iOS e Windows.

WILD Heerbrugg, oggi di proprietà di Leica Geosystems, parte di Hexagon, ha celebrato il suo centenario all'inizio di quest'anno. Tutto iniziò nel tardo autunno 1920 con un telegramma di Heinrich Wild, a quel tempo capo del dipartimento di strumenti geodetici di Carl Zeiss, Jena, in Germania, al dottor Robert Helbling, alpinista, cartografo di montagna e proprietario di un ufficio topografico a Flums, Svizzera: “Ho ideato un nuovo autografo per la produzione fotogrammetrica di mappe, che sarà molto più economico del modello attualmente in commercio”.

Alla ricerca di uno sponsor per fondare una nuova azienda, il dottor Helbling ha contattato Jacob Schmidheiny, un imprenditore influente e molto rispettato della Valle del Reno alpino. Dopo lunghe trattative contrattuali, il 26 aprile 1921 fu firmato l'accordo di partnership per la nuova società denominata "Heinrich Wild, Werkstätte für Feinmechanik und Optik, Heerbrugg". La nuova società iniziò con circa 30 dipendenti.

Oltre a disegnare l'autografo, Heinrich Wild ha iniziato a progettare e costruire un teodolite fotografico e, contemporaneamente, la famosa serie T: T1, T2 e T3. Il WILD T2 è stato progettato come un teodolite universale, con una precisione di misurazione angolare di 1 secondo d'arco e caratteristiche rivoluzionarie. I precedenti teodoliti del secondo d'arco o cosiddetti "ripetitivi" erano grandi e difficili da usare, quindi il T2 divenne presto popolare. In effetti, più di 90.000 unità sono state vendute in sette decenni. 
Nel 1923 furono consegnati i primi 24 strumenti, nonostante le avverse condizioni della produzione in serie. Le difficoltà includevano la produzione dei cerchi orizzontali (d=90mm) e dei cerchi verticali (d=70mm). Questi erano fatti di vetro, che era una novità in quel momento poiché in precedenza erano stati fatti di ottone. I primi dispositivi sono stati consegnati in nobile nero/bianco (circa 1.800 pezzi). Il passaggio al classico verde WILD avvenne nel 1927. In risposta alla forte domanda mondiale, il WILD T2 ha continuato a essere prodotto fino al 1995 ed è stato adattato al progresso tecnologico nel corso dei decenni. 

Nell'estate del 2020, è stato deciso di sviluppare un'app 3D interattiva che presentasse l'iconico WILD T2 con un modello animato e dinamico che aiutasse a favorire una migliore comprensione degli elementi di design, ad aprire digitalmente le informazioni e ad ispirare i giovani su possibili aree di studio. E' stato pensato come un "intrattenimento educativo" o "edutainment". Questa forma di presentazione e visualizzazione aiuterà quasi sicuramente a suscitare l'interesse e il fascino dei giovani per la tecnologia di digitalizzazione 3D, le attività di conservazione del patrimonio tecnologico e forse anche la strumentazione geodetica. 

L'app racconta 15 storie in totale, tra cui la fondazione dell'azienda, le caratteristiche del WILD T2 e gli elementi interni del teodolite. Nel testo storico sono incorporati messaggi audio, immagini e modelli 3D statici e animati. Le animazioni sono generate da computer grafica interattiva 3D, per mantenere gli utenti interessati alle varie storie e per evidenziare alcune caratteristiche importanti. L'app è disponibile in tedesco, inglese e cinese (mandarino)

Per gli appassionati le app sono disponibili qui:

Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=net.sreasons.WILDT2

iOS: https://apps.apple.com/us/app/wild-t2/id1564103981

(Fonte: Bringing History to Life Using 3D Interactive Computer Graphics. App Celebrates 100 Years of Innovation at Heerbrugg. By Dieter Fritsch, Michael Klein, Jürgen Dold • GIM International October 21, 2021)

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kyx86

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

rilievo 3d posizionamento satellitare copernicus reti tecnologiche in cantiere autocad realtà virtuale ricevitori territorio apr scansione 3D ambiente remote sensing realta aumentata rischio smartphone topografia webGIS Epsilon Italia misurazione sensore CAD infrastrutture ict ortofoto cosmo skymed microgeo asi open source osservazione dell'universo uav arcgis oceanografia sar asita progettazione INTERGEO teorema vidalaser dati GNSS storytelling droni catasto geomatica modellazione 3d autodesk app technologyforall mappe monitoraggio dati geospaziali esri leica geosystems FOIF galileo open data ingv monitoraggio satelitare drone nuvole di punti smart city codevintec cantiere geomax catasto europeo informazione geografica terra e spazio esri italia cnr osservazione della terra top spazio intelligenza artificiale mare uso del suolo stazione totale beni culturali big data utility telerilevamento gestione emergenze mobilita tecnologie avanzate hexagon INSPIRE osservazionedella terra termografia flytop sicurezza geologia servizi geofisica cartografia scienze della terra coste formazione open geo data Harris qgis archeologia geospatial mobile mapping slam internet of things digital geography planetek faro terremoto fotogrammetria protezione civile lidar agricoltura GIS trasporti metadati ISPRA 3DTarget tecnologia BIM leica esa gps 3D openstreetmap energia topcon meteorologia sinergis interferometria Stonex pianificazione Toponomastica aerofotogrammetria rilievo smart mobility Digital Twins rndt urbanistica GTER trimble dissesto idrogeologico geodesia satelliti geolocalizzazione laser scanner geoportale sentinel dati geografici terrelogiche
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy