L'Open Geospatial Consortium (OGC) ha approvato CityGML v3.0 per integrazione anche con il BIM

Stampa

CityGML definisce una "Città" in modo ampio per comprendere non solo le strutture costruite, ma anche l'elevazione, la vegetazione, i corpi idrici, l'arredo urbano e altro ancora. Nello Standard sono incluse le gerarchie di generalizzazione tra classi tematiche, aggregazioni, relazioni tra oggetti e proprietà spaziali. Nonostante il nome, CityGML è utile per grandi aree e piccole regioni, non solo per le città, e può rappresentare il terreno e gli oggetti 3D in diversi livelli di dettaglio contemporaneamente. Poiché possono essere rappresentati sia modelli semplici a scala singola senza topologia e poca semantica, sia ricchi modelli multiscala con topologia completa e differenziazioni semantiche a grana fine, CityGML consente la rappresentazione coerente di oggetti urbani 3D attraverso diversi sistemi di informazione geografica e utenti .

Dalla sua prima pubblicazione da parte di OGC nel 2008, CityGML è stato uno standard aperto utilizzato per l'archiviazione e lo scambio di modelli di città virtuali 3D. CityGML consente l'integrazione di geodati urbani per l'uso in una varietà di applicazioni, inclusa la pianificazione urbana e paesaggistica, il Building Information Modeling (BIM), le telecomunicazioni mobile, la gestione delle catastrofi, il catasto 3D, il turismo, la navigazione veicolare e pedonale, la guida autonoma e assistenza alla guida, la gestione della struttura e simulazioni energetiche, di traffico e ambientali.

CityGML 3.0 è un'evoluzione delle precedenti versioni 1.0 e 2.0 di CityGML che consente ulteriormente la manutenzione sostenibile e conveniente dei modelli di città 3D. Mentre le versioni precedenti standardizzavano un formato di scambio GML, CityGML 3.0 standardizza il modello informativo sottostante e può quindi essere implementato in una varietà di tecnologie oltre a GML. Di conseguenza, i governi e le aziende possono aumentare il ROI (Revenue Of Investment) dei loro modelli di città 3D essendo in grado di mettere in gioco gli stessi modelli su diverse piattaforme tecnologiche e campi di applicazione.

Il CityGML 3.0 Conceptual Model Standard descrive un modello comune di informazione semantica per la rappresentazione di oggetti urbani 3D. Questa nuova versione di CityGML consente di codificare i dati in GML, ma anche in JSON o schemi di database. Ulteriori vantaggi rispetto alle versioni precedenti includono un'integrazione migliore con il BIM, la capacità di rappresentare gli spazi interni in diversi livelli di dettaglio (LOD), il supporto per i dati dei sensori dinamici e la capacità di estendere il modello di informazioni nelle estensioni del dominio dell'applicazione utilizzando l'architettura basata sul modello.

L'ultima versione 3.0 di CityGML porta molte nuove funzionalità:

Poiché molti set di dati che utilizzano sia CityGML 1.0 che 2.0 sono stati creati e sono in uso attivo, queste specifiche non saranno deprecate. Tuttavia, per coloro che desiderano sfruttare le nuove funzionalità, i dati CityGML esistenti possono essere aggiornati a CityGML 3.0.

Si può visualizzare e scaricare lo standard e la guida per l'utente dalla pagina standard CityGML di OGC:

https://www.ogc.org/standards/citygml

Di seguito un esempio di 3DCityGML per la città di Zurigo:

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche