Harris
3D Target

L'Open Geospatial Consortium (OGC) ha approvato CityGML v3.0 per integrazione anche con il BIM

CityGML definisce una "Città" in modo ampio per comprendere non solo le strutture costruite, ma anche l'elevazione, la vegetazione, i corpi idrici, l'arredo urbano e altro ancora. Nello Standard sono incluse le gerarchie di generalizzazione tra classi tematiche, aggregazioni, relazioni tra oggetti e proprietà spaziali. Nonostante il nome, CityGML è utile per grandi aree e piccole regioni, non solo per le città, e può rappresentare il terreno e gli oggetti 3D in diversi livelli di dettaglio contemporaneamente. Poiché possono essere rappresentati sia modelli semplici a scala singola senza topologia e poca semantica, sia ricchi modelli multiscala con topologia completa e differenziazioni semantiche a grana fine, CityGML consente la rappresentazione coerente di oggetti urbani 3D attraverso diversi sistemi di informazione geografica e utenti .

Dalla sua prima pubblicazione da parte di OGC nel 2008, CityGML è stato uno standard aperto utilizzato per l'archiviazione e lo scambio di modelli di città virtuali 3D. CityGML consente l'integrazione di geodati urbani per l'uso in una varietà di applicazioni, inclusa la pianificazione urbana e paesaggistica, il Building Information Modeling (BIM), le telecomunicazioni mobile, la gestione delle catastrofi, il catasto 3D, il turismo, la navigazione veicolare e pedonale, la guida autonoma e assistenza alla guida, la gestione della struttura e simulazioni energetiche, di traffico e ambientali.

CityGML 3.0 è un'evoluzione delle precedenti versioni 1.0 e 2.0 di CityGML che consente ulteriormente la manutenzione sostenibile e conveniente dei modelli di città 3D. Mentre le versioni precedenti standardizzavano un formato di scambio GML, CityGML 3.0 standardizza il modello informativo sottostante e può quindi essere implementato in una varietà di tecnologie oltre a GML. Di conseguenza, i governi e le aziende possono aumentare il ROI (Revenue Of Investment) dei loro modelli di città 3D essendo in grado di mettere in gioco gli stessi modelli su diverse piattaforme tecnologiche e campi di applicazione.

Il CityGML 3.0 Conceptual Model Standard descrive un modello comune di informazione semantica per la rappresentazione di oggetti urbani 3D. Questa nuova versione di CityGML consente di codificare i dati in GML, ma anche in JSON o schemi di database. Ulteriori vantaggi rispetto alle versioni precedenti includono un'integrazione migliore con il BIM, la capacità di rappresentare gli spazi interni in diversi livelli di dettaglio (LOD), il supporto per i dati dei sensori dinamici e la capacità di estendere il modello di informazioni nelle estensioni del dominio dell'applicazione utilizzando l'architettura basata sul modello.

L'ultima versione 3.0 di CityGML porta molte nuove funzionalità:

  • Il modello concettuale è ora separato dalle codifiche dei dati (ovvero formati di trasferimento dati e rappresentazioni di archiviazione) ed è completamente basato sulle specifiche ISO 191xx. Una codifica GML è disponibile per l'uso pratico e verrà rilasciata come standard di codifica separato a tempo debito. In futuro verranno pubblicati anche altri formati di scambio e archiviazione.
  • Un modello di base raffinato - che ora è incentrato su due concetti di "spazio" e "confine spaziale" per migliorare la semantica, unificare la rappresentazione, facilitare il ragionamento generalizzato sul tessuto urbano e migliorare l'interoperabilità con altri standard.
  • Un supporto completo per la rappresentazione dei cambiamenti e dei dati dipendenti dal tempo provenienti da dispositivi IoT, sensori, simulazioni e altro, consentendo veri modelli di città 4D di particolare utilizzo in Smart Cities e Urban Digital Twins, nonché versioni storiche.
  • Un modello informativo migliorato per gli edifici con una maggiore interoperabilità con il modello informativo dell'edificio EU INSPIRE e lo standard IFC OpenBIM.
  • Il concetto dei livelli di dettaglio (LOD) del BIM è stato perfezionato per supportare più LOD per le funzionalità interne. Ciò facilita, ad esempio, la rappresentazione degli interni degli edifici tramite planimetrie.
  • Un modello di dati raffinato per gli spazi di traffico, inclusa la modellazione integrata delle caratteristiche del trasporto multimodale, ovvero la rappresentazione congiunta dello spazio stradale, dello spazio ferroviario, dei corsi d'acqua e dello spazio pedonale. Gli spazi di traffico possono essere rappresentati in diverse granularità fino alle singole corsie di guida. Ciò rende CityGML 3.0 particolarmente utile per i sistemi di navigazione, le simulazioni del traffico, l'assistenza alla guida e la guida autonoma.
  • Un nuovo modulo Point Cloud in cui gli oggetti possono essere ulteriormente rappresentati da dati 3D della nuvola di punti acquisiti dalla scansione laser o dalla stereofotogrammetria (robot, UAV, sistemi di mappatura mobile), dove vengono stabiliti i collegamenti tra i punti e i rispettivi oggetti della città.

Poiché molti set di dati che utilizzano sia CityGML 1.0 che 2.0 sono stati creati e sono in uso attivo, queste specifiche non saranno deprecate. Tuttavia, per coloro che desiderano sfruttare le nuove funzionalità, i dati CityGML esistenti possono essere aggiornati a CityGML 3.0.

Si può visualizzare e scaricare lo standard e la guida per l'utente dalla pagina standard CityGML di OGC:

https://www.ogc.org/standards/citygml

Di seguito un esempio di 3DCityGML per la città di Zurigo:

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kyx9p

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

cartografia open data osservazionedella terra drone energia rilievo 3d GNSS ambiente leica geosystems rischio vidalaser topografia 3D topcon tecnologie avanzate FOIF codevintec tecnologia open source geospatial fotogrammetria geofisica Digital Twins openstreetmap osservazione della terra oceanografia ingv sar realta aumentata remote sensing arcgis mappe Stonex rndt GIS dati progettazione app geomax geodesia dissesto idrogeologico informazione geografica esa BIM terra e spazio sentinel utility infrastrutture cosmo skymed geomatica mare autodesk trimble internet of things INSPIRE flytop mobilita geoportale in cantiere nuvole di punti smart city Epsilon Italia laser scanner faro copernicus territorio satelliti geologia scansione 3D catasto trasporti agricoltura sinergis digital geography ict uso del suolo protezione civile ricevitori planetek storytelling misurazione asi urbanistica dati geografici terremoto archeologia smart mobility monitoraggio realtà virtuale 3DTarget geolocalizzazione top galileo cnr lidar catasto europeo open geo data ISPRA smartphone big data microgeo esri teorema sicurezza droni leica posizionamento satellitare intelligenza artificiale metadati dati geospaziali technologyforall stazione totale gestione emergenze sensore webGIS slam CAD reti tecnologiche terrelogiche hexagon GTER Toponomastica scienze della terra gps termografia mobile mapping qgis cantiere apr esri italia aerofotogrammetria modellazione 3d formazione rilievo meteorologia osservazione dell'universo uav autocad INTERGEO asita interferometria spazio ortofoto Harris monitoraggio satelitare telerilevamento pianificazione coste beni culturali servizi
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy