Harris
3D Target

Sky Eye Systems e Planetek Italia presentano un sistema integrato avanzato per il monitoraggio del territorio tramite UAS

Occhi tecnologici e capacità di analisi per monitorare il territorio e le emergenze ambientali. Planetek Italia e Sky Eye System presentano in tre eventi internazionali una nuovissima soluzione integrata per il monitoraggio del territorio con UAS e l’analisi avanzata dei dati.
Elaborare i flussi video e i dati ottici e SAR, acquisiti dai sensori a bordo dei droni della famiglia Rapier, tramite algoritmi di intelligenza artificiale al fine di estrarre automaticamente informazioni sensibili e utili agli analisti IMINT e a tutti gli enti che si occupano di controllo del territorio e gestione delle emergenze ambientali: questo è l’oggetto della collaborazione delle due società del settore aerospazio.

Sky Eye Systems ha innovato in modo considerevole il mercato degli UAS di classe mini/light tramite la sua famiglia di droni, “Rapier”: un sistema UAS (Unmanned Aerial System) ad ala fissa impiegato in missioni di intelligence e di sorveglianza.

Dotato di un'apertura alare di circa 4 metri e un peso inferiore ai 25 kg, il primo modello “Rapier X-25” può essere lanciato da un veicolo militare in movimento (per esempio un blindato Lince) o da un sistema a catapulta pneumatica e sta per ottenere la certificazione militare secondo la normativa STANAG 4703. Rapier X-25 è stato appena acquistato come “cliente di lancio” dall’Aeronautica Militare e consegnato al 32° Stormo di Amendola (Foggia).SkyEye_Rapier-x25.jpg

La seconda versione è invece il “Rapier X-SkySAR” (peso fino a 30 kg), dotata di sensori elettrottici/infrarossi e dello SkySAR, il più leggero radar ad apertura sintetica del mondo sviluppato dalla stessa Sky Eye Systems.

 

Una terza versione, attualmente in fase di sviluppo, presenta decollo e atterraggio verticali ed è denominata “Rapier X-VTOL”. Tra le caratteristiche “Rapier X-VTOL”: un peso massimo al decollo di 50 kg (che lo fa rientrare nella Classe Light); un range operativo di 100 chilometri (estensibile ad alcune centinaia di chilometri, grazie al datalink satellitare opzionale); un’autonomia da 5 a 11 ore a seconda della missione; a bordo sensori elettrottici/infrarossi e altri payload opzionali come sensori iperspettrali, Lidar, IFF, SIGINT e anche SAR (Synthetic Aperture Radar), grazie all’estrema flessibilità e modularità della baia payload.

Le tre versioni condividono gran parte delle tecnologie sensibili e fondamentali sviluppate in Sky Eye Systems, quali il layout aerodinamico estremamente ottimizzato, il Flight Control System e la Ground Control Station, sviluppati secondo i massimi standard di sicurezza software-hardware DO178C-DALB, nonché la progettazione strutturale quasi interamente in fibra di carbonio.

Planetek Italia in questa collaborazione ha portato la trentennale esperienza nella elaborazione di dati geospaziali per l’IMINT e il GEOINT al fine di poter estrapolare in modo rapido informazioni utili partendo dai numerosi dati acquisiti a bordo. Tra le principali applicazioni sviluppate e rese disponibili in real-time su una postazione rugged dedicata all’exploitation dei dati, il sistema include change detection, data fusion, generazione di modelli 3D e riconoscimento automatico di oggetti.

 

SkyEye_Rapier_Planetek_02.png

Le informazioni acquisite dal drone, e i report generati tramite la workstation rugged, possono essere condivisi, in tempo reale, sia con altre unità disposte sul campo che con centri di comando remoti.

Oltre al settore militare, questi UAS hanno anche numerose applicazioni in ambito civile e governativo, ad esempio per le attività di security, antincendio e search & rescue, ma anche per aerofotogrammetria, monitoraggio di grandi infrastrutture (oleodotti, gasdotti, linee elettriche, reti ferroviarie, autostrade ed altro ancora), per le attività di controllo ambientale e di supporto cartografico nelle emergenze ambientali.

La possibilità di disporre di un drone di questa taglia, non troppo grande da poter essere gestito e lanciato in modo semplice, e di taglia sufficientemente grande per coprire aree molto estese portando a bordo sensori importanti, abbinata ad una postazione rugged in grado di elaborare in modo automatico i dati e di estrarre le informazioni utili in real-time, rende questa soluzione perfetta nell’ambito delle operazioni di sorveglianza e nelle attività di monitoraggio del territorio in occasioni di emergenze ambientali, occasioni entrambe in cui il fattore tempo è un fattore chiave per la riuscita della missione.

I droni della famiglia “Rapier”, assieme ad alcuni esempi di algoritmi e applicazioni sviluppate da Planetek Italia, sono stati presentati in tre eventi internazionali: il “Mediterranean Aerospace Matching” (22-24 settembre c/o spazio-porto di Grottaglie-Taranto), il “Sea Future 2021” (28 settembre – 1 ottobre presso la Base Navale di La Spezia), “Earth Technology Expo” (13-16 ottobre a Firenze).

 

Sky Eye Systems

Sky Eye Systems è un’Azienda aeronautica fondata nel 2017 da un’iniziativa dell’Ing. Massimo Lucchesini, già Amministratore Delegato di Aermacchi e Direttore Operativo di Alenia Aermacchi, e dalla famiglia Tonti della OMA di Foligno (Perugia), che ne detiene la proprietà, con lo scopo di sviluppare una nuova famiglia di “Mini/Light UAS”, velivoli a pilotaggio remoto (UAS) del peso compreso tra i 25 e i 50 kg, per impieghi civili e militari di ispezione, mappatura e sorveglianza del territorio.

L’azienda è certificata in accordo agli standard ISO 9001:2015 ed EN 9100:2018, per la progettazione, prototipizzazione, costruzione, addestramento e supporto post-vendita di sistemi a pilotaggio remoto e possiede tutte le risorse e competenze aeronautiche, elettroniche, sistemistiche, per sviluppare in casa le tecnologie abilitanti e sensibili integrate nel Rapier (autopilota/FCS, GCS, aerostrutture).

Per maggiori informazioni: www.skyeyesystems.it 
Media Contact: Giovanni Fumia -
Tel: +39 050 703706 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Planetek Italia

Planetek Italia è una Società Benefit fondata nel 1994 e specializzata in Geomatica, scienze della Terra e soluzioni spaziali. Sviluppiamo sistemi e servizi per l’elaborazione di dati cartografici e satellitari finalizzati alla creazione di conoscenza geo-localizzata. Avendo come valore di riferimento la sostenibilità, operiamo in molti campi di applicazione: monitoraggio ambientale e del territorio, open-government e smart cities, difesa e sicurezza, ingegneria, missioni satellitari scientifiche e di esplorazione dello Spazio.

Per maggiori informazioni: https://www.planetek.it/ 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

progettazione energia terremoto INTERGEO geomatica BIM asita termografia topografia webGIS hexagon informazione geografica internet of things formazione reti tecnologiche interferometria dati planetek dissesto idrogeologico arcgis stazione totale topcon leica geosystems mobilita dati geospaziali mobile mapping autodesk satelliti geofisica servizi osservazionedella terra GTER ambiente esri drone catasto europeo sinergis metadati autocad beni culturali remote sensing geodesia osservazione della terra cartografia gestione emergenze droni CAD fotogrammetria urbanistica spazio infrastrutture sar 3DTarget Digital Twins in cantiere GIS INSPIRE apr modellazione 3d leica vidalaser teorema sensore smartphone realtà virtuale copernicus intelligenza artificiale archeologia geoportale geolocalizzazione territorio rndt catasto sicurezza mappe ingv tecnologia openstreetmap cnr posizionamento satellitare telerilevamento geomax asi galileo scienze della terra esa agricoltura slam Stonex open data Epsilon Italia protezione civile oceanografia osservazione dell'universo misurazione laser scanner technologyforall ortofoto nuvole di punti scansione 3D monitoraggio satelitare dati geografici meteorologia codevintec rilievo geospatial gps ISPRA ricevitori tecnologie avanzate utility open geo data faro open source Toponomastica big data ict cosmo skymed terra e spazio terrelogiche 3D uso del suolo smart city smart mobility Harris pianificazione trasporti digital geography rischio storytelling app aerofotogrammetria coste geologia uav monitoraggio GNSS realta aumentata sentinel trimble mare lidar top FOIF qgis flytop rilievo 3d esri italia cantiere microgeo
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy