itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Delta fluviale del Danubio

ESA - Immagine della settimana: Earth from Space, Delta del Danubio (12 settembre 2021)

La missione Copernicus Sentinel-2 ci porta sul delta del Danubio, il secondo più grande fiume d’Europa.

Il delta del Danubio è un labirinto di acqua e terreno condiviso tra Romania ed Ucraina, formato da innumerevoli laghi, canali ed isole che si trovano nella parte terminale dei 2860 km di percorso del fiume. Il Danubio nasce sulle montagne della Foresta Nera, in Germania, e lungo il suo tragitto attraversa ben 10 nazioni: : Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Bulgaria, Romania, Moldova ed Ucraina, per poi riversarsi nel Mar Nero.

Il delta del Danubio copre un’area di circa 4300 kmq ed è noto per la sua abbondanza di specie volatili, in quanto nei suoi numerosi laghi e paludi ospita oltre 300 specie di uccelli e circa 45 specie di pesci d’acqua dolce. Nel 1991 la parte rumena del delta del Danubio è entrata a far parte della lista UNESCO dei Siti Patrimonio dell’Umanità.

In questa immagine a colori-veri, acquisita nel mese di aprile 2020, vasti canneti appaiono con ombreggiature di colore marrone, tipico di quel periodo dell’anno. Il Danubio è visibile (nella parte sinistra dell’immagine) prima della sua suddivisione in canali e diramazioni, che scorrono attraverso canneti e distese erbose prima di raggiungere il Mar Nero. Le differenti tonalità verde chiaro del mare sono probabilmente dovute ai sedimenti trasportati dal fiume.

Appena a sud del delta del Danubio si trovano le lagune di Razim (Razelm) e Sinoe, visibili di colore verde smeraldo a causa della elevata concentrazione di alghe. Il complesso di lagune si è formato con il contributo dei depositi alluvionali del Danubio e del graduale spostamento verso est delle correnti costiere causato dall’avanzamento del delta.

In alto a destra dell’immagine si trova Sasyk, o Kunduk, laguna nel sud dell’Ucraina. Il sito è stato dichiarato come Sito Umido Ramsar per la sua importanza nella migrazione, riproduzione e muta degli uccelli acquatici.

I dati raccolti dai satelliti Sentinel-2 vengono utilizzati per il monitoraggio dell’uso del suolo e dei suoi cambiamenti: per la sua gestione, per l’agricoltura, per le foreste ed infine per gli interventi a seguito di disastri naturali (inondazioni, incendi forestali, frane ed erosioni). Offrendo viste a colori per programma Copernicus, Sentinel-2 distribuisce immagini ottiche in un range dello spettro elettromagnetico che va dal visibile fino all’infrarosso ad onde corte.

Scarica immagine MediumRes (31,84 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (679,01 MB - .TIF)



---



Earth from Space, Danube Delta

 

The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over the Danube Delta – the second largest river delta in Europe.

The Danube Delta is a labyrinth of water and land shared between Romania and Ukraine, made up of countless lakes, channels and islands lying at the end of the 2860 km-long river of the same name. The Danube River rises in the Black Forest mountains in Germany and along its course, passes through 10 countries: Germany, Austria, Slovakia, Hungary, Croatia, Serbia, Bulgaria, Romania, Moldova and Ukraine before emptying into the Black Sea.

The Danube Delta covers an area of some 4300 sq km and is known for its abundance of birdlife, as it hosts more than 300 species of birds as well as 45 species of freshwater fish in its numerous lakes and marshes. In 1991, the Romanian part of the Danube Delta became part of UNESCO’s list of World Heritage Sites.

In this true-colour image, captured in April 2020, the vast reed beds can be seen in shades of brown which is typical during this time of year. The Danube is visible (in the left of the image) before splitting into the various channels and branches that flow through the reeds and grassland before reaching the Black Sea. The distinct light-green colours in the sea are likely due to sediment being carried by the river.
Just south of the Danube Delta lie the lagoons of Razim (Razelm) and Sinoe, visible in emerald green owing to a high concentration of algae. This lagoon complex was formed with the help of the Danube’s alluvial deposits and the gradual eastward movement of the coastal currents caused by the advancement of the delta.

In the top-right of the image lies the Sasyk, or Kunduk, Lagoon in southern Ukraine. The site has been designated as Ramsar Wetland Site as it is important for migrating, breeding and moulting waterbirds.

Data gathered by the Sentinel-2 satellites are used for monitoring land use and changes, land management, agriculture, forestry and natural disasters (floods, forest fires, landslides and erosion). Offering colour vision for the Copernicus programme, Sentinel-2 delivers optical images from the visible to short-wave infrared range of the electromagnetic spectrum.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Earth from Space, Danube Delta". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kyay8

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

galileo spazio realtà virtuale infrastrutture dati sensore servizi vidalaser gestione emergenze geomatica uav GTER planetek app sinergis BIM qgis microgeo intelligenza artificiale ambiente gps mobilita satelliti mappe flytop open data telespazio terremoto Epsilon Italia tecnologia Toponomastica dati geografici beni culturali Digital Twins cantiere FOIF sentinel 3DTarget rischio laser scanner sicurezza geospatial reti tecnologiche osservazione della terra openstreetmap osservazionedella terra esri formazione monitoraggio satelitare hexagon drone rilievo leica geosystems rilievo 3d uso del suolo remote sensing autocad ortofoto coste big data teorema geolocalizzazione smartphone monitoraggio progettazione meteorologia GIS aerofotogrammetria droni mobile mapping urbanistica geomax 3D open source termografia slam topcon modellazione 3d digital geography lidar terrelogiche archeologia cosmo skymed smart city trimble stazione totale storytelling territorio asi informazione geografica dissesto idrogeologico energia Stonex metadati posizionamento satellitare trasporti protezione civile Harris esa esri italia in cantiere utility leica nuvole di punti sar catasto europeo ingv realta aumentata pianificazione oceanografia INTERGEO copernicus terra e spazio faro geodesia INSPIRE apr topografia arcgis misurazione catasto cnr osservazione dell'universo smart mobility tecnologie avanzate ISPRA GNSS top CAD codevintec geofisica asita autodesk mare scienze della terra fotogrammetria scansione 3D cartografia rndt geologia geoportale ict telerilevamento open geo data webGIS interferometria technologyforall agricoltura internet of things ricevitori
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy