Nuovi sensori LiDAR da Yellowscan e Leica

Stampa

Aumentano le novità nel mondo dei LiDAR trasportabili da droni, tra questi segnaliamo il nuovo YellowScan Explorer e il nuovo Leica BLK2FLY. Il primo è uno strumento multipiattaforma a lungo raggio che può essere montato su un aereo con equipaggio leggero o su diversi tipi di piattaforme UAV. Il secondo si presenta completamente innovativo come il primo sensore Laser Scanner volante, autonomo e completamente integrato.

YELLOWSCAN Explorer

yellowscan explorer W


Lo scanner laser ad alta potenza dell'Explorer può catturare punti fino a 600 metri di distanza, ma il suo peso ridotto (2,3 Kg senza batteria) fornisce agli utenti un sistema integrabile.
L'Explorer viene fornito con una soluzione Applanix APX-20 UAV GNSS/inerziale, precisione di 2,6 cm e precisione di 2,2 cm. La velocità operativa di volo è compresa tra 5 m/s e 35 m/s ed è in grado di raggiungere un'altitudine sopra il livello del suolo (AGL) fino a 300 m. Progettato per essere montato su UAV ad ala fissa, UAV multi-rotore o velivoli con equipaggio (aereo leggero ed elicottero), Explorer può abilitare una grande varietà di profili di missione.
YellowScan ha lanciato l'Explorer durante il Commercial UAV Expo 2021 a Las Vegas, dal 7 al 9 settembre scorso. 

 

BLK2FLY

Oriole Right Top Angle 1


Il BLK2FLY introduce la prossima generazione di droni dotati di sistemi di sicurezza del volo disponendo di un sistema avanzato per evitare autonomamente gli ostacoli.
La fusione dei sensori LiDAR, radar, telecamere e GNSS garantisce percorsi di volo ottimali e sicuri incorporando in modo intelligente l'ambiente circostante nei suoi piani di volo, mantenendo la distanza corretta per la scansione ideale. Usa la tecnologia GrandSLAM, utlizzando LiDAR SLAM, Visual SLAM, radar e GNSS, che rendono il BLK2FLY completamente autonomo, facile da usare e in grado di volare in modo sicuro e preciso da solo.
Con pochi semplici tocchi su un tablet, gli utenti possono scansionare in modo rapido e semplice strutture e ambienti in modo accurato e interamente dall'alto. Recentemente annunciato verrà presentato nell'HxGN LIVE GeoSummit 2021 e in INTERGEO ad Hannover, dal 21 al 23 Settembre.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche