Giornata internazionale del Mar Mediterraneo

Stampa

L'8 luglio si celebra la giornata internazionale del mar Mediterraneo, un’occasione per aumentare la consapevolezza sullo stato di salute del Mare Nostrum e sui pericoli che lo minacciano.

Secondo l'ISPRA sono oltre 240 le specie aliene identificate nel nostro mare, di cui il 68% ormai stabile lungo le nostre coste. Sui fondali italiani si deposita più del 70% dei rifiuti marini, dei quali il 77% è plastica. Sulle spiagge, con una media di 400 rifiuti ogni 100 metri, la situazione non è migliore. Nel Mediterraneo più del 63% di tartarughe marine ha ingerito plastica. Ma le azioni per la sostenibilità stanno dando i loro frutti: gli stock ittici, pur rimanendo sovrasfruttati, in 6 anni passano dall'85% al 75%.

 

Il 7 e 8 luglio si tengono gli “Ocean Decade Laboratories”, un evento promosso dalla Commissione Intergovernativa Oceanografica dell’UNESCO. ISPRA, l'8 luglio presenta la mostra itinerante “I colori del Mediterraneo".

Guarda lo spot realizzato dall'ISPRA: Colori profondi del Mediterraneo

“Colori profondi del Mediterraneo” è il frutto di una selezione di materiale fotografico raccolto dall’ISPRA in più di 50 campagne oceanografiche e quasi 900 immersioni a profondità comprese tra i 50 e i 400 metri, grazie alla nave R/V Astrea e ad un sofisticato robot filoguidato, il ROV, in grado di acquisire immagini, filmati e piccoli campioni di organismi viventi. Il volume fotografico mira alla divulgazione delle scoperte fatte negli ultimi 10 anni e racconta di un mondo fatto di ricerca, passione e dedizione, che ha portato alla luce ambienti di straordinaria ricchezza.


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI