Isole Frisone Settentrionali (nord Europa)

ESA - Immagine della settimana: Isole Frisone Settentrionali (04 luglio 2021)

Stampa

In questa immagine catturata dalla missione Copernicus Sentinel-2 è visibile una parte delle isole Frisone, un archipelago di isole basse appena al largo della costa dell’Europa settentrionale.

Le isole Frisone si estendono dal nord-ovest dei Paesi Bassi, attraverso la Germania fino ad ovest della Danimarca. Sebbene siano considerate una singola entità fisica, esse sono divise in isole Frisone occidentali, orientali e settentrionali (queste ultime riprese nell’immagine che pubblichiamo).

Le isole Frisone settentrionali sono divise tra Germania e Danimarca. Ci sono quattro isole maggiori che compongono l’arcipelago: Sylt, Föhr, Amrum, e Pellworm.

Sylt, la più grande dell’arcipelago, copre una superficie di circa 100 kmq ed è nota per la caratteristica forma della sua line costiera. Sylt si sviluppa in lunghezza per oltre 35 km, mentre in alcuni suoi punti risulta larga appena 1 km. Lungo la costa occedentale dell’isola si estende una spiaggia sabbiosa, che tuttavia sta subendo un processo di erosione a causa delle maree burrascose. E’ l’isola più settentrionale della Germania ed è collegata alla terraferma dal Hindenburgdamm, una strada sopraelevata di 11 km.

Il Mare di Wadden sul lato orientale dell’isola , tra Sylt ed il territorio continentale, è parte del Parco Nazionale Marino di Schleswig-Holstein Wadden, che è fin dal 1935 una riserva naturale ed un rifugio per diverse specie di uccelli.

Le isole di Föhr ed Amrum sono visibili a sud-est di Sylt. La più grande Föhr è anche chiamata ‘isola Verde’ a causa del fatto che essa viene schermata dalle tempeste del Mare del Nord per opera delle sue isole vicine. L’isola di Amrum mostra una estesa superficie di spiaggia lungo la sua costa occidentale, che si affaccia sul Mare del Nord aperto. La costa orientale è a contatto con le velme e le insenature mareali del mare di Wadden.

Le tre isole bianche visibili sotto Amrum sono le isole della Barriera Frisone settentrionale. Questi banchi di sabbia, detti anche ‘shoals’, agiscono come un naturale frangiflutti per le isole più piccole che sono più prossime alla terraferma. Appena ad est di esse si trova l’isola di Pellworm.

A nord di Sylt si trovano le isole danesi di Rømø, Mandø e per ultima Fanø.

In alto a sinistra nell’immagine è visibile una vasta fioritura algale di colore verde smeraldo. Negli anni più recenti nel Mare del Nord si sono verficate dannose fioriture algali causate da una crescita eccessiva delle alghe marine. I dati satellitari sono stati utilizzati per monitorare la loro crescita e la loro espansione. Questi dati possono essere impiegati per aiutare lo sviluppo di sistemi di allarme atti a mitigare i conseguenti impatti dannosi sul turismo e sull’industria ittica.


Scarica immagine MediumRes (26,32 MB - .JPG)

Scarica immagine HiRes (318,36 MB - .TIF)



---



North Frisian Islands

 

Part of the Frisian Islands, a low-lying archipelago just off the coast of northern Europe, is visible in this image captured by the Copernicus Sentinel-2 mission.

The Frisian Islands stretch from the northwest of the Netherlands through Germany to the west of Denmark. Although they are considered a single physical feature, they are divided into West, East and North Frisian Islands – with the North Frisian Islands visible here.

The North Frisian Islands are split between Germany and Denmark. There are four larger islands that make up the archipelago: Sylt, Föhr, Amrum, and Pellworm.

Sylt, the largest of the archipelago, is around 100 sq km and is known for its distinctive shape of its shoreline. Sylt extends in length more than 35 km and, in some places, is only 1 km wide. A sandy beach stretches across the islands’ west coast, however it has begun to erode owing to storm tides. The northernmost island of Germany, it is connected to the mainland by the Hindenburgdamm, an 11 km-long causeway.

The Wadden Sea on the islands’ east side, between Sylt and the mainland, is part of the Schleswig-Holstein Wadden Sea National Park and has been a nature reserve and bird sanctuary since 1935.

The islands of Föhr and Amrum are visible southeast of Sylt. The larger Föhr is called the ‘Green Island’ due to it being sheltered from the storms of the North Sea by its neighbouring islands. The island of Amrum features an extended beach area along its west coast, which faces the open North Sea. The east coast borders to mud flats and tidal creeks of the Wadden Sea.

The three white islands visible below Amrum are the North Frisian Barrier Islands. These sand banks, or shoals, act as a natural breakwater for the smaller islands closer to land. Just east of these lies the island of Pellworm.

North of Sylt lie the Danish islands of Rømø, Mandø, and, lastly, Fanø.

In the top-left of the image, a large algal bloom is visible in emerald green. Harmful algal blooms caused by excessive growth of marine algae have occurred in the North Sea in recent years, with satellite data being used to track their growth and spread. These data can then be used to help develop alert systems to mitigate against damaging impacts for tourism and fishing industries.

(Fonte: ESA - Image of the week: "North Frisian Islands". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche