Online il nuovo Portale dati.gov.it  

Stampa
 

Proseguono le attività di evoluzione del catalogo dei dati aperti volto a favorire la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico.

È online il nuovo Portale dati.gov.it che offre un servizio di ricerca più efficace e variegato proponendo, tra le altre modalità, anche la ricerca basata sulle keyword. Tale metadato infatti può assumere, di volta in volta e a seconda delle circostanze, il ruolo di ulteriore elemento di aggregazione/raggruppamento di dataset, che si aggiunge alle note categorie tematiche, in funzione di esigenze specifiche sia delle amministrazioni che alimentano il catalogo sia di coloro che effettuano la ricerca di dataset.

Altro elemento che caratterizza la nuova release del portale è dato dalla integrazione del catalogo delle Basi di dati della PA (D.L. 90/2014), particolarmente rilevante nell’ottica di favorire la condivisione dei dati tra pubbliche amministrazioni, per finalità istituzionali. Tale integrazione, già prevista dal Piano triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione 2019-2021, consente anche di realizzare un unico punto di accesso ai due cataloghi (Basi di dati della PA e Catalogo dei dati aperti), assicurando però una reciproca indipendenza. Conseguentemente, è stata pure realizzata una modalità di aggiornamento del catalogo attraverso un editor on-line (in versione beta), da sperimentare sul campo, utile nei casi in cui non si dispone di uno specifico catalogo locale.

Oggetto di particolare attenzione della nuova release è stata anche l’interfaccia utente che è stata realizzata ex-novo ponendo le basi per l’adeguamento alle linee guida di design e a quelle per l’accessibilità.

Il nuovo portale riveste infine un ruolo sempre più significativo in relazione agli obiettivi e ai risultati attesi contemplati anche dal Piano triennale 2020-2022, in particolare per quanto riguarda la qualità dei metadati e l’andamento del numero di dataset aperti di tipo dinamico, così come definiti nel contesto della direttiva relativa all’apertura dei dati e al riutilizzo dell’informazione del settore pubblico (direttiva (UE) 2019/1024) in corso di recepimento nell’ordinamento nazionale.

Fonte: AgID (Agenzia per l'Italia Digitale)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche