itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

SUPERBONUS 110% - Lo strumento giusto per ottenere il massimo rendimento

Il SuperBonus 110% è un nuovo incentivo fiscale per la riqualificazione energetica e sismica degli edifici esistenti, previsto dal Decreto Rilancio, per migliorare la qualità dei nostri edifici. 110% è l’aliquota incentivante per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

La detrazione è riconosciuta nella misura del 110% da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali successivi.

I beneficiari di questo SuperBonus sono molteplici: condomini, persone fisiche, organizzazioni non lucrative di utilità sociale, associazioni, ecc...

Per poterlo ottenere uno dei requisiti fondamentali è che gli interventi comportino il miglioramento di almeno due classi energetiche.

In particolare, gli interventi che beneficiano del bonus si distinguono in interventi trainanti e interventi trainati.

Negli interventi trainanti, ad esempio, rientrano il cappotto termico e l’adeguamento sismico che se realizzati (almeno uno dei due) permette di inserire altri interventi che possono essere detratti al 110% (interventi trainati).

Una volta verificata la prima parte dell’iter per l’accesso al Superbonus 110% arriva il momento dell’esecuzione dei lavori, con i rilievi sul campo.

Gli operatori si trovano ad affrontare impegnative sessioni di rilievo che con le strumentazioni tradizionali, quali il disto e la Stazione Totale, potrebbero richiedere lunghe e numerose giornate lavorative. Senza considerare che gran parte del lavoro dovranno eseguirlo in studio disegnando manualmente sezioni e prospetti e qualsiasi altro elemento considerato utile al fine dell’intervento.

Caso studio di una palazzina per il SuperBonus

Il caso riportato di seguito riguarda un rilievo di una palazzina composta da quattro piani più uno interrato adibito a garage. Per la grandezza e la tipologia di fabbricato, affrontare il rilievo con gli strumenti tradizionali costringerebbe gli operatori a ritornare più e più volte sul campo, con conseguente perdita di tempo prezioso e un ammontare di costi non previsti.

Anche l’utilizzo di strumentazioni più recenti e veloci come i Laser Scanner statici potrebbe non essere la strategia più efficace. I Laser Scanner statici, infatti, nonostante garantiscano molti vantaggi rispetto alla Stazione Totale, tra cui i tempi di acquisizione dei dati notevolmente più bassi e l’ottenimento di un modello 3D completo, in questo caso specifico impiegherebbero diversi giorni di lavoro per acquisire l’intero fabbricato compreso gli immobili e la parte esterna.

Per questa tipologia di scenario si è deciso, quindi, di impiegare uno strumento capace di ottenere il massimo rendimento senza scendere a compromessi con la qualità del dato acquisito.

Cos’è l’innovativa tecnologia SLAM?

L’innovativo ZEB Horizon, utilizzato in questa sessione, è uno strumento dell’azienda GeoSLAM, leader di mercato dei prodotti laser scanner con tecnologia SLAM. L’acronimo SLAM sta per Simultaneous Localization and Mapping, ossia Mappatura e Localizzazione Simultanee, ed è una tecnologia nata tra gli anni ’80 e ’90 nell’ambito dell’industria robotica. Gli ingegneri svilupparono un algoritmo che consentiva ai robot di mappare e navigare contemporaneamente all’interno di un ambiente chiuso senza l’ausilio del GPS.

I dispositivi come lo ZEB Horizon prendono i dati dai sensori, in questo caso un Laser Scanner, per costruire un'immagine dell'ambiente che li circonda e riuscendo a posizionare gli elementi all'interno di quell'ambiente. I dati forniti dal Laser Scanner e contemporaneamente da una piattaforma inerziale (IMU) all’interno dello strumento consentono di calcolare e di posizionarsi nell’ambiente circostante.

Spostando la sua posizione all’interno dell’area, tutte le geometrie dell’ambiente, cioè muri, pavimenti, pilastri si sposteranno in relazione al dispositivo e l'algoritmo SLAM potrà migliorarne la stima con le nuove informazioni di posizione. Si tratta, quindi, di un processo iterativo: più iterazioni richiede il dispositivo, più accuratamente può posizionarsi all'interno di quello spazio.

Una volta capito qual è il principio di base degli strumenti GeoSLAM ci si rende immediatamente conto dei seguenti vantaggi:

  • Non è necessario il GPS;
  • È mobile;
  • Ottieni un modello 3D completo dell’ambiente rilevato sottoforma di una densa nuvola di punti

 
geoslam.png

 

 

 Attività di rilievo

L’attività ha previsto 6 sessioni di circa 15 minuti l’uno per un totale di un’ora e mezzo di rilievo effettivo.

Preliminarmente sono stati distribuiti 15 target cartacei in modo tale da unire i rilievi effettuati separatamente. I target sono stati posizionati all’interno dell’edificio per essere visibili in ogni progetto e collocati in punti chiave come nell’area esterna e all’ingresso dei pianerottoli.

Data la complessità dello scenario è stata utilizzata la tecnica dei punti di controllo in comune. Questa consiste nell’acquisire sul campo i target direttamente con lo strumento senza l’ausilio di altre strumentazioni, e in fase di post elaborazione, nel software dedicato, è possibile calcolarli e, come vedremo, permetteranno di allineare i diversi progetti. 

Il primo rilievo, quello principale – definito Master -, ha riguardato la parte esterna, il garage e la parte delle scale che collegava i pianerottoli, soffermandosi su tutti e quindici target.

I successivi rilievi si sono concentrati sui singoli pianerottoli dell’edificio. In questi progetti sono stati registrati almeno 4 target.

geoslam_2.jpg
Elaborazione dataset in GeoSLAM Draw
 

La parte hardware della GeoSLAM è accompagnata lato software da una Suite altrettanto potente e completa.

Terminata la fase di acquisizione in soli 90 minuti si è importato il dataset all’interno della piattaforma GeoSLAM Draw. Nel software si è impostato come riferimento principale il progetto master compreso di tutti i target distribuiti nell’ambiente e su quello sono stati allineati gli altri progetti (quindi i singoli pianerottoli) in maniera semi automatica avendo gli stessi target in comune.

GeoSLAM Draw in più consente in maniera semplice di estrarre rapidamente planimetrie e sezioni dai dati della nuvola di punti, nonché la vettorizzazione automatica degli elementi all’interno dell’ambiente.

 

geosalm_3.png

 

geoslam4.png

I formati delle sezioni e planimetrie generati in Draw comunicano senza problemi con altri software esterni come quelli CAD e con le piattaforme più note adibite al BIM.

Microgeo è a disposizione per una consulenza gratuita per consigliarti le strumentazioni più efficaci al fine di poter ottimizzare le procedure ed effettuare i lavori di ristrutturazione rispettando i parametri imposti dal SuperBonus.

Invia una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto “MICROGEO SUPERBONUS110” o compila il form al seguente link per essere contattato dai nostri esperti: https://www.microgeo.it/it/superbonus-110-lo-strumento-giusto-per-ottenere-il-massimo-rendimento.aspx

Per ulteriori informazioni sui prodotti GeoSLAM: https://www.microgeo.it/it/prodotti-e-soluzioni/20151-laser-scanner/laser-scanner-mobili/sistemi-mobile-con-tecnologia-slam.aspx


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kypru

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

smart city ingv codevintec GTER internet of things digital geography topografia osservazionedella terra sinergis spazio mare planetek Stonex open geo data scienze della terra qgis infrastrutture tecnologie avanzate realta aumentata interferometria uso del suolo telespazio telerilevamento cosmo skymed catasto in cantiere sar technologyforall apr galileo autodesk big data autocad reti tecnologiche coste leica geosystems CAD INSPIRE ortofoto informazione geografica asi satelliti catasto europeo geolocalizzazione uav dissesto idrogeologico lidar energia Harris archeologia sensore remote sensing openstreetmap metadati dati geografici nuvole di punti meteorologia progettazione smartphone flytop top trimble intelligenza artificiale droni asita realtà virtuale servizi fotogrammetria mobile mapping formazione autonomous vehicle geomax rischio open source esri italia teorema BIM mobilita rilievo monitoraggio satelitare sicurezza scansione 3D drone cnr oceanografia protezione civile 3DTarget ict webGIS Epsilon Italia monitoraggio esri cartografia pianificazione modellazione 3d posizionamento satellitare copernicus urbanistica termografia misurazione slam Toponomastica app geomatica geospatial cantiere osservazione della terra leica territorio ISPRA terrelogiche gps aerofotogrammetria terra e spazio laser scanner geologia geoportale sentinel storytelling smart mobility ricevitori arcgis terremoti geodesia geofisica agricoltura rndt utility tecnologia beni culturali INTERGEO FOIF stazione totale mappe GIS open data trasporti gestione emergenze ambiente 3D hexagon GNSS dati esa rilievo 3d microgeo terremoto faro topcon osservazione dell'universo
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy