itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Avete pensato a un mondo senza GNSS?

Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se il servizio GNSS venisse improvvisamente a mancare? Molti dei servizi a cui siamo ormai abituati non sarebbero più disponibili, come quello per il posizionamento dei navigatori, i servizi di misura della crosta terrestre, il posizionamento dei topografi. Ma non basta si avrebbero anche disservizi nei sistemi bancari, di fatturazione e altri finanziari perché tutti questi sono oggi dipendenti dal tempo misurato dai satelliti GNSS.
E' per questo che la Commissione europea sta conducendo una dimostrazione della tecnologia di backup GNSS, molto simile a quella completata dal Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti all'inizio di quest'anno.

Un bando aperto il 26 ottobre ad aziende di molti paesi, anche al di fuori dell'Unione Europea, afferma che l'obiettivo è che la Commissione comprenda meglio le tecnologie PNT (Posizionamento, navigazione, misura del tempo) disponibili che non siano basate sul GNSS.

Inoltre il bando afferma che, poiché lo scopo è fornire un backup per i sistemi GNSS durante una possibile interruzione, tutte le tecnologie offerte devono essere completamente indipendenti dal GNSS. In particolare, non devono avere "punti comuni di errore con il GNSS".

Ovviamente alcuni osservatori del settore hanno opinato che questa condizione esclude qualsiasi soluzione legata a sistemi spaziali. Altri si sono chiesti se soluzioni network-based potessero essere escluse anche a causa dell'uso frequente del GNSS per altre situazioni quali la sincronizzazione del tempo, la fatturazione e altre applicazioni.

Un altro requisito è che le tecnologie offerte siano in grado di coprire l'intero territorio dell'UE, comprese le acque interne. Anche se questo potrebbe sembrare escludere i sistemi di temporizzazione basati su fibra, i sostenitori affermano che non è necessariamente così. Sostengono che una rete in fibra che supporti trasmettitori dispersi servirebbe sia applicazioni fisse che mobili e raggiungerebbe utenti per i quali la connessione a un nodo in fibra non è fattibile.

Altri requisiti elencati nell'offerta per le tecnologie offerte includono:

  • Resilienza a jamming GNSS, spoofing e interferenze non intenzionali
  • Livelli di prontezza tecnica di 5 o più per il posizionamento e la navigazione, 6 o più per il tempo
  • In grado di funzionare per almeno un giorno durante una perdita di GNSS
  • Precisione di posizionamento <100 m in orizzontale e precisione di temporizzazione <1 microsecondo rispetto a UTC
  • Se la tempistica è inclusa, deve essere riconducibile a UTC

A questo punto sembra indispensabile rivalutare le vecchie reti trigonometriche di posizionamento basate su punti stabili, ben visibili e accessibili , ove possibile, al fine di poter disporre di vecchi metodi basati sulla reciproca osservazione o sull'emanazione da terra di segnali atti a garantire il posizionamento. Tra questi da qualche tempo è rispuntato il Loran, vecchio sistema di posizionamento marino basato su radio fari, che nella sua moderna accezione eLoran è in corso di riattivazione in Inghilterra e negli Stati Uniti.

Il 4 novembre scorso si è tenuto un webinar per potenziali offerenti, e al programma saranno ammesse fino a sette società, presumibilmente ciascuna che dimostrerà tecnologie diverse.

Il sito di dimostrazione preferito è il Centro comune di ricerca della Commissione europea a Ispra, in Italia. Riconoscendo che il trasporto di attrezzature e il viaggio in Italia potrebbe essere una sfida per molte aziende, il personale della commissione degli stati di gara è disposto a recarsi in altre località per vedere i sistemi dimostrati.

La gara https://etendering.ted.europa.eu/cft/cft-document.html?docId=79819 chiuderà il 13.01.2020

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kyp3a

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

pianificazione realta aumentata Harris misurazione autodesk geomatica telerilevamento GTER esa urbanistica open data open geo data geomax sensore nuvole di punti terremoto territorio modellazione 3d satelliti vidalaser smart city sinergis Stonex cartografia qgis dati 3DTarget trasporti 3D asi geofisica osservazione dell'universo coste osservazionedella terra autocad geoportale cnr sicurezza GNSS catasto formazione geolocalizzazione osservazione della terra Epsilon Italia top internet of things INSPIRE digital geography cosmo skymed rilievo 3d esri italia ict scienze della terra Digital Twins planetek slam terrelogiche agricoltura dati geografici gps interferometria cantiere protezione civile topografia meteorologia storytelling infrastrutture ambiente monitoraggio rndt droni tecnologia sentinel mare stazione totale openstreetmap rischio flytop ingv drone geospatial FOIF open source spazio technologyforall smart mobility rilievo terra e spazio galileo sar trimble reti tecnologiche intelligenza artificiale esri copernicus laser scanner big data smartphone geologia CAD energia mobile mapping asita servizi lidar remote sensing realtà virtuale ortofoto Toponomastica mappe arcgis BIM aerofotogrammetria mobilita leica hexagon ISPRA termografia scansione 3D archeologia beni culturali telespazio faro geodesia fotogrammetria topcon uso del suolo GIS uav dissesto idrogeologico codevintec progettazione leica geosystems tecnologie avanzate microgeo utility gestione emergenze webGIS catasto europeo app monitoraggio satelitare INTERGEO ricevitori posizionamento satellitare metadati apr teorema oceanografia informazione geografica in cantiere
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy