itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
L'arcipelago della Repubblica delle  Maldive

ESA - Immagine della settimana: Repubblica delle Maldive (01 novembre 2020)

Tutte le 1200 isole che formano la Repubblica delle Maldive sono visibili in questa spettacolare immagine acquisita dalla missione Copernicus Sentinel-3.

Lo strumento ‘Ocean and Land Colour’ (OLCI) a bordo della missione Copernicus Sentinel-3 ha una ampiezza della striscia di scansione al suolo di 1270 km, cosa che consente di ottenere questa ampia vista delle isole Maldive e dei suoi dintorni.

Le Maldive sono una destinazione turistica molto amata e si trovano nell'Oceano Indiano, a circa 700 km a sud-ovest della punta più meridionale dell'India (visibile in alto a destra nell'immagine).

La nazione è formata da una catena di piccole isole coralline, che sono raggruppate in grappoli di atolli, visibili come scogliere dalla forma circolare o ovale al centro dell'immagine. Distribuite attraverso 90000 kmq di oceano, le Maldive sono una delle nazioni al mondo maggiormente disperse geograficamente. Le isole si estendono per oltre 820 km da nord a sud e circa 130 km da est ad ovest.

La maggior parte degli atolli delle Maldive sono formati da ampie scogliere coralline di forma anulare a difesa di piccole isole. In questa immagine, acquisita il 29 marzo 2020, gli atolli Huvadhu ed Addu (visibili nella parte bassa) risultano parzialmente oscurati dalle nuvole.

Differenti formazioni nuvolose punteggiano il contorno dell’immagine: la differenza nell’aspetto è molto spesso dovuta alla differente quota rispetto alla superficie. L’arcipelago delle Maldive è frequentemente ricoperto da nuvole, fatto che rende piuttosto rare immagini come questa, quasi completamente libera da nuvole.

Oltre 80% del territorio delle Maldive è meno di un metro al di sopra del livello del mare, fatto fa essere questa nazione territorialmente una delle più basse al mondo. Questa circostanza rende la sua popolazione di oltre 500000 individui estrememente vulnerabile all’innalzamento del livello del mare, alle mareggiate ed in generale al maltempo. Nello  Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate dedicato all’aumento del livello del mare si afferma che il livello medio globale del mare probabilmente aumenterà di circa un metro entro la fine del secolo, per cui di conseguenza la maggior parte della nazione finirebbe sommersa.

Programmato per essere lanciato con un razzo SpaceX Falcon 9 dalla base dell’aeronautivca militare statunitense di Vandenberg in California, il satellite Copernicus Sentinel-6 ‘Michael Freilich’ sarà il primo di due satelliti identici che saranno lanciati in sequenza con l’obiettivo di fornire misure accurate dei cambiamenti del livello del mare.

Allo scopo di comprendere meglio l’impatto sull’umanità dell’innalzamento del livello del mare, gli scienziati ed i ricercatori hanno bisogno di sequenze di dati sul clima registrati sul lungo termine. Copernicus Sentinel-6 assumerà il ruolo di missione di riferimento radar altimetrica, proseguendo l’acquisizione sul lungo termine delle misure di altezza della superficie marina già iniziate nel 1992 dalla missione franco-americana Topex Poseidon e successivamente dalle missioni satellitari della serie Jason. Proseguendo queste serie temporali Sentinel-6 permetterà le future ricerche sul clima e sarà di aiuto agli scienziati nel monitoraggio degli effetti del cambiamento climatico.

 

Scarica immagine MediumRes (1,44 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (105,03 MB - .TIF)

 

---

 

Republic of Maldives

 

All 1200 islands that make up the Republic of Maldives are featured in this spectacular image captured by the Copernicus Sentinel-3 mission.

The ocean and colour instrument onboard the Copernicus Sentinel-3 mission has a swath width of 1270 km which allows us to enjoy this wide view of the Maldive Islands and its surroundings. A popular tourist destination, the Maldives lie in the Indian Ocean, around 700 km southwest of the southernmost tip of mainland India, visible in the top-right of the image.

The nation consists of a chain of small coral islands that are grouped into clusters of atolls – visible as circular or oval-shaped reef structures in the middle of the image. Scattered across 90 000 sq km of ocean, the Maldives are one of the most geographically dispersed countries in the world. The islands extend more than 820 km from north to south and around 130 km from east to west.

Most atolls of the Maldives consist of a large, ring-shaped coral reef supporting numerous small islands. In this image, captured on 29 March 2020, the Huvadhu Atoll and Addu Atoll are partially covered by clouds (visible in the bottom of the image).

Different cloud formations can be seen dotted around the image, the difference in appearance is most likely due to the different height above the surface. The Maldive archipelago is frequently covered by clouds, making this almost cloud-free image quite rare.

One of the world’s lowest-lying countries, more than 80% of the Maldives’ land is less than one metre above mean sea level, making its population of over 500 000 people extremely vulnerable to sea swells, storm surges and severe weather. The Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate on sea level rise states that the global mean sea level is likely to rise to around 1m by the end of this century, which could ultimately cover the majority of the nation.

Scheduled for launch on a SpaceX Falcon 9 rocket from the Vandenberg Air Force Base in California, the Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich satellite is the first of two identical satellites to be launched sequentially to provide accurate measurements of sea-level change.

In order to better understand how rising seas will impact humanity, scientists and researchers need long climate records. Copernicus Sentinel-6 will take on the role of radar altimetry reference mission, continuing the long-term record of measurements of sea-surface height started in 1992 by the French-US Topex Poseidon and then the Jason series of satellite missions. By continuing this time series, Sentinel-6 will allow for further climate research and help scientists monitor the effects of climate change.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Republic of Maldives". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfcr8

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

webGIS autocad topcon topografia esri gps internet of things flytop rischio geospatial agricoltura eGEOS sentinel galileo gestione emergenze smart mobility esri italia terrelogiche INTERGEO misurazione sar termografia fotogrammetria BIM autodesk qgis cosmo skymed osservazione dell'universo 3DTarget faro ambiente CAD rilievo digital geography slam territorio codevintec protezione civile oceanografia app mobile mapping archeologia tecnologia top monitoraggio satelitare dati geografici technologyforall arcgis reti tecnologiche hexagon laser scanner Stonex Bentley cnr dati microgeo mare esa coste uso del suolo geoportale posizionamento satellitare ortofoto open geo data intelligenza artificiale FOIF nuvole di punti mobilita spazio trimble geolocalizzazione in cantiere geomatica autonomous vehicle smartphone cantiere interferometria asi lidar copernicus Harris geomax aerofotogrammetria sensore rndt 3D trasporti realta aumentata uav open data open source ricevitori sinergis ingv beni culturali asita stazione totale scansione 3D smart city monitoraggio Toponomastica catasto europeo pianificazione utility infrastrutture sicurezza GIS realtà virtuale telespazio meteorologia terremoti Epsilon Italia storytelling ISPRA remote sensing big data catasto GTER planetek terra e spazio leica geosystems telerilevamento droni openstreetmap geofisica energia teorema servizi leica satelliti formazione geologia osservazione della terra geodesia metadati apr rilievo 3d INSPIRE tecnologie avanzate urbanistica modellazione 3d ict mappe progettazione dissesto idrogeologico GNSS drone terremoto scienze della terra cartografia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy