itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Il delta del fiume Gange (India / Bangladesh)

ESA - Immagine della settimana: Delta del Gange (25 ottobre 2020)

La missione Copernicus Sentinel-3 ci porta sul delta del Gange, il più grande delta fluviale al mondo.

Con una superficie di circa 100 000 kmq il delta del Gange si estende sia in Bangladesh sia nella stato del Bengala dell’Ovest in India. La sua esistenza si deve principalmente alle abbondanti acque cariche di sedimenti dei fiumi Gange e Brahmaputra.

Il letto del fiume Gange si può riconoscere sulla sinistra dell’immagine, mentre il Brahmaputra è visibile sulla destra. Nella parte alta dell’immagine si possono riconoscere le cime innevate del Himalaya.

Il fiume Gange trasporta terreno fertile e nutrienti, che deposita all’interno della sua vasta pianura alluvionale a forma di delta. Il fiume scorre per oltre 2400 km a partire dalla catena del Himalaya, prima di riversarsi nella Baia del Bengala, la baia più grande al mondo. E’ qui che le sue torbide acque si mescolano con quelle più scure dell’Oceano Indiano.

Il delta è in massima parte coperto da una foresta paludosa, nota con il nome di Sundarbans, che si può riconoscere nei pressi della costa per il suo colore verde scuro e con diversi fiumi che la attraversano con le loro serpentine. Le Sundarbans, che in Bengalese di traduce ‘bella foresta’, sono la foresta di mangrovie più grande al mondo e forniscono un habitat essenziale per numerose specie animali, tra cui la Tigre del Bengala ed il Pitone Indiano.

La città di Kolkata (un tempo Calcutta) è visibile nei pressi delle Sundarbans in basso al centro nell’immagine. Con oltre 14 milioni di abitanti Kolkata è una delle più grandi città dell’India ed il più importante centro urbano dell’India orientale. Dacca, la capitale del Bangladesh, si può vedere in basso a destra nell’immagine , appena a nord del fiume Buriganga. Dacca è la città del Bangladesh con il maggior numero di abitanti ed è una delle più grandi città dell’Asia meridionale.

Con una popolazione di oltre 100 milioni di persone, il delta è uno dei delta più popolati al mondo ed è estremamente vulnerabile ai cambiamenti climatici. Gli abitanti di questa regione sono particolarmente a rischio di ripetute catastrofiche inondazioni dovute al forte deflusso di acque di disgelo provenienti dal Himalaya, alle piogge molto intense ed all’accelerato aumento del livello del mare, reso ancora più drastico da fenomeni di subsidenza del territorio.

L’aumento del livello del mare è un problema globale, ma alcune specificità regionali mettono alcune aree più a rischio rispetto al resto del mondo. Nei decenni futuri è probabile che l’Asia ne subirà gli effetti peggiori a causa del numero di persone che vivono in regioni costiere molto basse. Bangladesh, India, Cina, Vietnam, Indonesia e Tailandia sono gli stati in cui risiede il più elevato numero di persone che abitano in simili regioni e che potrebbero essere minacciate da inondazioni permanenti a partire dal 2100.

In questo senso risulta di importanza vitale che il cambiamento dell’altezza della superficie del mare continui ad essere accuratamente monitorato nel corso dei prossimi decenni. Pronta per essere lanciata il prossimo mese, la missione Copernicus Sentinel-6 risulterà di importanza decisiva nello svolgimento di questa importante attività, perlomeno fino al 2030. Intitolato all’ ex direttore della Earth Science Division della NASA, il satellite Copernicus Sentinel-6 ‘Michael Freilich’ è il primo satellite sviluppato dall’ESA che volerà nello spazio su un razzo SpaceX Falcon 9, il primo razzo al mondo riutilizzabile di classe orbitale.

Da quando è arrivato a Vendenberg in California il 24 settembre scorso, il satellite è stato trasferito alla SpaceX Payload Processing Facility, disimballato e sottoposto ad una serie di test per assicurare che tutto vada bene nel corso dell’impegnativo decollo e durante i suoi oltre cinque anni di permanenza in orbita attorno alla Terra.

Questa immagine è stata acquisita il 31 marzo 2020.

Scarica immagine MediumRes (6,20 MB - .JPG)
Scarica immagine HighRes (38,78 MB - .TIF)


---


Ganges Delta


The Copernicus Sentinel-3 mission takes us over the Ganges Delta – the world’s largest river delta.

Covering an area of around 100 000 sq km, the Ganges Delta lies in both Bangladesh and the State of West Bengal in India. The delta is formed mainly by the large, sediment-laden waters of the Ganges and Brahmaputra rivers.

The river bed of the Ganges can be seen in the left of the image, while Brahmaputra can be seen to the right. The snow-covered Himalayas can be seen at the top of the image.

The Ganges river carries fertile soil and nutrients, which it deposits across its vast delta floodplain. The river flows for over 2400 km from the Himalayas before emptying into the Bay of Bengal – the world’s largest bay. It is here where the murky coloured waters mix with the darker coloured waters of the Indian Ocean.

The delta is largely covered with a swamp forest, known as the Sundarbans, and can be seen in dark green near the coast with several rivers snaking through it. The Sundarbans, which translates as 'beautiful forest' in Bengali, are the world’s largest mangrove forest and provide a critical habitat for numerous species, including the Bengal tiger and the Indian python.

The city of Kolkata (formerly Calcutta) is visible near the Sundarbans in the lower-centre of the image. With over 14 million inhabitants, Kolkata is one of India’s largest cities and is the dominant urban centre of eastern India. Dhaka, the capital of Bangladesh, can be seen in the lower-right of the image, just north of the Buriganga river. Dhaka is Bangladesh’s most populous city and is one of the largest metropolises in South Asia.

With a population of over 100 million people, the delta is one of the most densely populated deltas in the world and is extremely vulnerable to climate change. The residents of this region are particularly at risk from repeated catastrophic floods due to heavy runoff of meltwater from the Himalayas, intense rainfall during the monsoon season and from accelerated sea-level rise exacerbated by land subsidence.

Sea-level rise is a global issue, but regional differences in sea-level rise put some places at risk more than others. In the coming decades, Asia is likely to feel the worst effects because of the number of people living in low-lying coastal regions. Bangladesh, India, China, Vietnam, Indonesia and Thailand are home to the greatest number of people who today live on land that could be threatened by permanent inundation by 2100.

It is vital that the changing height of the sea surface continues to be closely monitored over the coming decades. Set to launch next month, the Copernicus Sentinel-6 mission will be key in undertaking this important role until at least 2030. Renamed in honour of the former director of NASA’s Earth Science Division, the Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich satellite is the first ESA-developed satellite to be given a ride into space on the SpaceX Falcon 9 rocket, the world’s first orbital class reusable rocket.

Since the satellite arrived at Vandenberg in California on 24 September, it has been transferred to the SpaceX Payload Processing Facility, unpacked and undergone a series of tests to make sure all will be well during the rigours of liftoff and during its five-plus years in orbit around Earth.

This image was captured on 31 March 2020.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Ganges Delta". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfcqk

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

rndt autocad monitoraggio terremoti Toponomastica codevintec sinergis scansione 3D sentinel technologyforall reti tecnologiche tecnologie avanzate digital geography osservazione della terra open source ortofoto metadati asita GTER 3DTarget esa esri italia flytop ambiente dati geografici copernicus aerofotogrammetria CAD telespazio terrelogiche openstreetmap open data eGEOS Epsilon Italia satelliti geolocalizzazione geologia sar in cantiere mobile mapping formazione ict asi apr BIM realtà virtuale ISPRA smartphone coste laser scanner gestione emergenze geoportale webGIS cosmo skymed rilievo autodesk stazione totale gps GNSS utility Stonex dati geomatica progettazione tecnologia agricoltura fotogrammetria cartografia dissesto idrogeologico protezione civile geofisica sensore leica geosystems infrastrutture rischio trimble open geo data planetek spazio remote sensing mappe FOIF uso del suolo realta aumentata modellazione 3d top world hexagon droni Harris top trasporti microgeo scienze della terra osservazione dell'universo qgis ingv geospatial INSPIRE topcon oceanografia rilievo 3d geomax sicurezza terremoto archeologia internet of things mobilita storytelling geodesia smart mobility drone big data teorema territorio smart city telerilevamento arcgis lidar termografia interferometria terra e spazio pianificazione leica urbanistica autonomous vehicle catasto europeo ricevitori GIS posizionamento satellitare esri cnr intelligenza artificiale meteorologia faro galileo energia topografia monitoraggio satelitare misurazione servizi app 3D Bentley catasto nuvole di punti cantiere INTERGEO mare beni culturali uav
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy