Cavi sottomarini come sistemi di allarme antisismici per i terremoti da Google

Stampa

Google possiede la più grande rete via cavo sottomarina del mondo e ora, queste risorse in fibra ottica, possono solo rivelarsi utili per migliorare i sistemi di allarme sismici e tsunami in tutto il mondo. Gli scienziati hanno iniziato a giocare con l'idea di sfruttare l'infrastruttura sottomarina per rilevare i dati sismici dal 2018. Questi approcci hanno richiesto fibre di rilevamento speciali e attrezzature aggiuntive e si sono dimostrati efficaci su distanze fino a 100 km. Google, nel frattempo, ha sviluppato una tecnica che potrebbe funzionare per decine di migliaia di chilometri, utilizzando nient'altro che i sistemi in fibra ottica esistenti al mondo per rilevare i disturbi sul fondo del mare.

"Una delle proprietà della luce che viene tracciata come parte della trasmissione ottica è lo stato di polarizzazione (SOP)", spiega Google in un post sul blog. La SOP cambia in risposta a disturbi meccanici lungo il cavo.

Alla fine del 2019, Google ha iniziato a monitorare questi disturbi, cercando in particolare le firme spettrali dell'attività sismica. Il primo terremoto che ha rilevato è stato il 28 gennaio 2020. Un terremoto di magnitudo 7,7 è stato segnalato al largo della Giamaica, a 1.500 km dal punto più vicino di uno dei cavi di Google. In ulteriori rilevamenti, i ricercatori di Google sono stati in grado di convalidare le loro osservazioni con stazioni di monitoraggio sismico stabili.

Un'analisi dei dati di Google rivela che non solo possiamo rilevare i terremoti provenienti dalle placche tettoniche, ma possiamo anche rilevare i cambiamenti di pressione nell'oceano stesso, che potrebbero aiutare a prevedere gli tsunami.

Se Google trova un modo per convertire le sue dimostrazioni in un sistema pienamente funzionante, potrebbe rivelarsi eccezionale per il rilevamento degli tsunami. Come sottolineato da Google, la maggior parte dell'attrezzatura di rilevamento degli tsunami oggi è a terra o sparsa in tutto l'oceano. Il primo non offre alle comunità costiere il tempo di evacuare e il secondo è limitato dalla velocità dell'onda in movimento, un massimo di 800 km / ora per un'onda di acque profonde. D'altra parte, quando un cavo passa vicino all'epicentro del terremoto, un sistema di allarme tsunami che trasmette i dati alla velocità della luce potrebbe comunicare un avviso alle comunità potenzialmente colpite in millisecondi.

Google sta ora cercando di esplorare il computing avanzato e l'apprendimento automatico per fornire alle comunità di ricerca sismica una fonte di informazioni complementari per consentire avvisi tempestivi di terremoti e tsunami.

(Fonte: Google, Geoawesoweness)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche