itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Atollo Ari (isole Maldive)

ESA - Immagine della settimana: Atollo Ari, Maldive (06 luglio 2020)

In questa immagine catturata dalla missione Copernicus Sentinel-2 sono mostrate le isole Maldive.

Destinazione popolare con le sue spiagge bianche per turisti ed amanti della subacquea, la Repubblica delle Maldive è posizionata nell’Oceano Indiano, a circa 700 km a sud-ovest di Sri Lanka. Questa nazione insulare è formata da una catena di circa 1200 piccole isole coralline, che sono raggruppate in grappoli di atolli, distribuiti su 90 000 kmq di oceano.

Un atollo è strutturalmente una scogliera di forma circolare o ovale, con una laguna al centro. Tipicamente, queste strutture si formano attorno ad un’isola vulcanica soggetta a fenomeni di subsidenza, mentre il corallo cresce verso l’alto. Come è noto, le Maldive poggiano in effetti su un’antica catena montuosa vulcanica.

In questa immagine è mostrato l’atollo Ari che si trova ad ovest dell’arcipelago. L’atollo di Ari è uno dei più grandi atolli delle Maldive, lungo circa 90 km e largo 30 km. Le tonalità turchesi dell’immagine mostrano acque limpide e poco profonde, in contrasto con la colorazione scura delle profonde acque dell’Oceano Indiano. Alcune nubi si possono osservare nella parte bassa dell’immagine.

Oltre l’80% del territorio delle Maldive si trova meno di un metro al di sopra del livello medio del mare, motivo per cui risulta uno dei paesi più bassi al mondo. Questa elevazione estremamente bassa rende la nazione ed i suoi abitanti particolarmente vulnerabili all’innalzamento del livello del mare.

I dati satellitari hanno mostrato che l’oceano a livello globale è cresciuto in media 3 mm/anno nell’arco degli ultimi 25 anni. Ma in modo più allarmante i dati satellitari mostrano che il rate dell’innalzamento ha accelerato nel corso degli ultimi anni e la sua crescita è stata di circa 5 mm/anno. Il riscaldamento delle acque oceaniche, lo scioglimento dei ghiacciai e la riduzione delle calotte di ghiaccio stanno facendo diventare l’innalzamento del livello del mare una minaccia reale per le isole di bassa elevazione come le Maldive.

Il futuro lancio del satellite Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich, programmato per il novembre 2020, effettuerà la mappatura fino al 95% di tutti gli oceani della Terra con una periodicità di 10 giorni. Il satellite trasporta a bordo una nuova generazione di radar altimetro che osserverà i cambiamenti annuali del livello medio del mare con una precisione millimetrica, effettuando anche misurazioni della velocità dei venti di superficie , dello stato del mare e delle correnti oceaniche geostrofiche. Questo nuovo satellite assumerà il ruolo di missione di riferimento per la acquisizione di dati critici per l’archiviazione a lungo termine di misurazioni di altezza del livello del mare.

Queste misure sono essenziali non solo per il monitoraggio dell’innalzamento dei nostri mari, ma anche per le previsioni sul clima, per la gestione sostenibile delle risorse oceaniche, per la gestione delle coste e per la protezione ambientale.

ESA sta sviluppando la missione congiuntamente con i suoi partner, ovvero la Nasa, la Commissione Europea, EUMETSAT, il NOAA e con il supporto del CNES.

Questa immagine è stata acquisita il 12 aprile 2019.

Scarica immagine MediumRes (2,65 MB - .JPG)
Scarica immagine HighRes (138,93 MB - .TIF)


---


Ari Atoll, Maldives

 

The Maldives are featured in this image captured by the Copernicus Sentinel-2 mission.

A popular tourist and diving destination with white sandy beaches, the Republic of Maldives is located in the Indian Ocean, around 700 km southwest of Sri Lanka. This island nation consists of a chain of around 1200 small coral islands that are grouped into clusters of atolls – scattered across 90 000 sq km of ocean.

An atoll is a circular or oval-shaped reef structure with a lagoon in the centre. These structures typically form around a volcanic island that has subsided while the coral grows upwards. The Maldives actually rests on top of an ancient volcanic mountain range.

In this image, the Ari Atoll in the west of the archipelago is featured. Ari Atoll is one of the largest atolls in the Maldives, and is around 90 km long and 30 km wide. The turquoise colours in the image depict clear, shallow waters which contrasts with the dark coloured waters of the deep Indian Ocean. Several clouds can be seen at the bottom of the image.

One of the world’s lowest-lying countries, more than 80% of the Maldives’ land is less than one metre above average sea level. This extremely low elevation makes the country, and its inhabitants, particularly vulnerable to sea-level rise.

Satellite data has shown that the global ocean has risen, on average, 3 mm a year over the last 25 years. But more alarmingly, satellite data shows the rate of the rise has accelerated over the last few years, and has been rising at around 5 mm per year. Warming ocean waters, melting glaciers and diminishing ice sheets is making rising sea levels a real threat for low-lying islands such as the Maldives.

The upcoming Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich satellite, set to launch in November 2020, will map up to 95% of Earth’s oceans every 10 days. The satellite carries a new generation radar altimeter that will observe annual changes in mean sea level with millimetre precision, together with measurements of surface wind speed, sea state and geostrophic ocean currents. This new satellite will assume the role as a reference mission to provide critical data for the long-term record of sea-surface height measurements.

These measurements are not only essential for monitoring our rising seas, but also for climate prediction, sustainable ocean-resource management, coastal management and environmental protection.

ESA is jointly developing the mission with its partners NASA, the European Commission, EUMETSAT and NOAA, with support from CNES.

This image was captured on 12 April 2019.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Ari Atoll, Maldives". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kffd3

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

app infrastrutture gps in cantiere BIM autonomous vehicle Harris metadati lidar laser scanner trasporti geodesia realta aumentata geolocalizzazione copernicus apr terremoti Stonex asita trimble ortofoto geomatica planetek scienze della terra smart mobility dati geografici ict utility INSPIRE autodesk osservazione dell'universo realtà virtuale uso del suolo 3DTarget territorio geologia topografia monitoraggio satelitare mobile mapping protezione civile codevintec ingv gestione emergenze remote sensing esri italia open geo data drone Toponomastica digital geography storytelling sinergis reti tecnologiche uav ambiente webGIS sar technologyforall FOIF posizionamento satellitare GNSS terra e spazio geospatial spazio qgis cnr terrelogiche mare mappe mobilita microgeo intelligenza artificiale 3D formazione rilievo sicurezza internet of things energia esri topcon fotogrammetria sensore scansione 3D ISPRA galileo rilievo 3d INTERGEO rischio smart city monitoraggio terremoto oceanografia nuvole di punti open data leica geosystems arcgis termografia satelliti agricoltura droni Epsilon Italia geofisica beni culturali flytop openstreetmap stazione totale big data telespazio dati archeologia leica catasto europeo hexagon servizi asi geoportale rndt dissesto idrogeologico geomax cosmo skymed misurazione progettazione aerofotogrammetria open source slam meteorologia teorema cartografia ricevitori tecnologie avanzate GIS Bentley pianificazione CAD cantiere interferometria telerilevamento sentinel osservazione della terra autocad tecnologia eGEOS top urbanistica GTER esa smartphone catasto coste faro modellazione 3d
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy