itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Completato il rilievo cinese dell'altezza del monte Everest

Il lavoro sul campo della Cina per le nuove misurazioni del Monte Everest è stati completato. Tuttavia, ci vorranno dai due ai tre mesi per gli scienziati per calcolare e rilasciare la sua altezza esatta, secondo CHC Navigation, il produttore del ricevitore GNSS utilizzato. Il team di rilevamento cinese composto da otto membri ha raggiunto la vetta il 27 maggio, ha posizionato un segnale di riferimento e ha installato un'antenna GNSS sulla cima innevata. Il Ministero cinese delle risorse naturali comunica che il team ha anche condotto una misurazione della profondità della neve con rilevamento della gravità.

Dopo l'analisi e l'elaborazione dei dati, gli scienziati cinesi effettueranno studi teorici e verifiche ripetute per determinare l'altezza precisa. Infatti sono necessari calcoli complessi per eliminare gli errori causati da fattori quali temperatura, pressione dell'aria e rifrazione.

La misura è stata effettuata con il ricevitore GNSS geodetico P5 di CHC Navigation da un team di topografi cinesi per completare il progetto Mount Everest Elevation Survey del 2020.

Questa è la prima volta che un team di topografi cinesi ha scalato la cima del Monte Everest, ed è anche la prima volta che ricevitori GNSS cinesi basati sulla costellazione BeiDou sono stati usati per misurare l'altezza del Monte Everest.

Il progetto Everest Elevation è stato progettato per realizzare innovazioni tecnologiche e innovative in diverse aree di ricerca. Il primo è l'utilizzo del sistema di navigazione satellitare BeiDou per eseguire misurazioni GNSS; il secondo è utilizzare le apparecchiature di rilevamento e mappatura cinesi per completare l'attività.

Misurare l'altezza dell'Everest, in particolare il vertice, è una sfida, non solo per la limitazione del corpo umano a tali altezze, ma anche per le prestazioni del ricevitore GNSS stesso.

A oltre 8.800 metri, la temperatura minima può raggiungere -45 ° C e la pressione atmosferica è di soli 30 kPa (rispetto ai normali 101 kPa).
Inoltre, il funzionamento degli strumenti deve essere il più semplice e affidabile possibile in un ambiente così estremo ove si indossano spessi abiti invernali e la mancanza di ossigeno rende ogni movimento una sfida estrema.

Per soddisfare questi severi requisiti, CHCNAV ha fornito ricevitori GNSS di livello militare che hanno superato i più rigorosi test ambientali e di affidabilità. L'intera soluzione, dai ricevitori GNSS agli accessori, è stata ottimizzata per garantire il successo della missione sin dall'inizio.

CHC Nav receiver Everest W

È stata utilizzata una vasta gamma di materiali di temperatura, che supporta un intervallo di temperature di funzionamento da -45 ° C a + 85 ° C, comprese batterie agli ioni di litio ridisegnate che offrono 12 ore di funzionamento anche a temperature estremamente basse. Sono stati utilizzati anche cavi per antenne con un materiale composto specifico per evitare incrinature o attenuazione del segnale.

Partita il 5 aprile 2020, la spedizione dell'Everest Elevation Survey, con 53 membri del National Survey Team ha superato le difficoltà legate all'ambiente, alle intemperie e all'impatto aggiuntivo del COVID-19 e ha condotto una serie di misurazioni sull'Everest e sulle aree circostanti compreso livellazioni, gravità e GNSS. Il 27 maggio, i ricevitori GNSS CHCNAV hanno finalmente raggiunto il vertice e completato con successo l'attività.

E' attesa la misura finale che sarà sicuramente motivo di discussione scientifica in relazione a tutte quelle effettuate anche dagli italiani, per verificare all'epoca, se fosse più alto il K2 o l'Everest.

Vedi anche:

https://rivistageomedia.it/201107206744/Archivio/nuova-misura-del-monte-everest-entro-due-anni

https://rivistageomedia.it/201105196653/Archivio/osservare-leverest-tramite-la-webcam-evk2cnr

https://rivistageomedia.it/2008051992/Archivio/siamo-congelati-ma-ce-labbiamo-fatta

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfrq4

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

ingv rischio osservazione della terra smartphone open data beni culturali esri italia spazio informazione geografica storytelling coste technologyforall Stonex qgis fotogrammetria stazione totale geofisica topcon BIM geologia asita catasto europeo ricevitori terra e spazio topografia agricoltura progettazione interferometria drone trimble arcgis internet of things geospatial tecnologia rilievo oceanografia flytop leica geosystems Epsilon Italia dati telerilevamento esri app geodesia webGIS meteorologia aerofotogrammetria INTERGEO dissesto idrogeologico mare energia scienze della terra open geo data gestione emergenze CAD trasporti autodesk planetek ortofoto autocad copernicus misurazione geomatica sar leica sicurezza codevintec archeologia territorio ict openstreetmap 3D 3DTarget Harris tecnologie avanzate smart mobility sinergis catasto geolocalizzazione slam realta aumentata uav osservazionedella terra mobilita mappe teorema smart city GIS cantiere reti tecnologiche hexagon GNSS asi in cantiere top intelligenza artificiale ISPRA servizi FOIF osservazione dell'universo telespazio apr esa posizionamento satellitare cnr infrastrutture cosmo skymed geomax laser scanner uso del suolo lidar modellazione 3d galileo cartografia microgeo urbanistica autonomous vehicle droni pianificazione mobile mapping terrelogiche GTER scansione 3D gps metadati rilievo 3d open source dati geografici digital geography monitoraggio satelitare INSPIRE sensore big data nuvole di punti sentinel ambiente realtà virtuale faro Toponomastica satelliti formazione protezione civile remote sensing terremoti geoportale utility rndt termografia terremoto monitoraggio
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy