itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

COSMO-SKYMED di seconda generazione: arrivano le prime immagini

La ripresa in figura è stata fatta nella modalità Spotlight-2A Dual Pol, a 0.3 metri di risoluzione. Il dettaglio a risoluzione submetrica rappresentato permette di osservare con estrema precisione la struttura delle strade e degli edifici presenti, enfatizzando coi colori le diverse tipologie di riflessione del segnale radar. Da notare come l’elevato rapporto segnale/rumore permette di apprezzare dettagli altrimenti difficilmente osservabili, come le chiome dei singoli alberi o l’ombra di strutture piccole come il ponte pedonale sullo svincolo autostradale.  

Le prime immagini della missione COSMO-SkyMed di Seconda Generazione (CSG) per l’osservazione radar della Terra evidenziano, anche a un occhio non esperto, le caratteristiche innovative, presenti nel dato, che renderanno possibile l’utilizzo del sistema per una vasta gamma di applicazioni a vantaggio di un numero crescente di utenti.

La capacità di misurare le diverse polarizzazioni del segnale consente al radar di caratterizzare la natura del territorio osservato e di rappresentarlo con immagini a falsi colori (discriminando quindi acqua, alberi, coltivazioni, terreno brullo, ghiacciai, terreno coperto da neve, ecc.). Il poter contare su un’altissima risoluzione spaziale e sulla potenza del segnale inviato, permette inoltre la rappresentazione dettagliata di strutture antropiche molto complesse (ambienti urbani o industriali), estraendo informazioni non solo dalle superfici riflettenti, ma perfino dalle ombre.

COSMO-SkyMed di Seconda Generazione è un sistema satellitare di osservazione della Terra dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e del Ministero della Difesa, un fiore all’occhiello della tecnologia e dell’innovazione italiana nel mondo. Il primo satellite è stato lanciato lo scorso 18 dicembre dal Centro spaziale di Kourou, in Guyana francese. Durante la successiva fase di test in volo, il satellite è stato programmato per acquisire i primi dati nei vari modi operativi del sensore SAR (Radar ad Apertura Sintetica). Tali dati sono stati acquisiti e processati dal Segmento di Terra Utente (UGS) civile del Centro Spaziale di Matera producendo straordinarie immagini del nostro Pianeta: dall’Australia alle isole Falkland; dalle Filippine al Messico fino alla Nuova Guinea. Sono state selezionate alcune immagini catturate sull’Italia, la Germania e l’Islanda.

La costellazione COSMO-SkyMed è stata progettata e realizzata in Italia con un importante contributo di Leonardo, attraverso le sue controllate e partecipate. In particolare Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) è responsabile del sistema End to End e dei due satelliti Radar, mentre Telespazio, joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%) è responsabile del Segmento di Terra. Inoltre Leonardo contribuisce al programma fornendo i sensori di assetto stellare per l’orientamento del satellite, i pannelli fotovoltaici e unità elettroniche per la gestione della potenza elettrica.

Il sistema CSG, grazie alle innovazioni tecnologiche e soluzioni innovative introdotte nelle componenti spaziale e terrestre, garantirà miglioramenti significativi rispetto alla prima generazione, tutt’oggi operativa, in termini di prestazioni, qualità delle immagini, efficienza dei servizi forniti agli utenti civili e governativi e maggiore vita operativa. L’elevata agilità del sistema, combinata con un salto generazionale in termini tecnologici, consentirà un ampliamento significativo delle possibili applicazioni; esse includeranno la sicurezza e sorveglianza di territori e la prevenzione e analisi di eventi calamitosi dovuti a cause naturali o antropiche.

I due nuovi satelliti - il secondo sarà lanciato all’inizio del 2021 - unitamente al segmento di terra, rappresentano l’eccellenza dei sistemi per l’osservazione della terra con tecnologia radar, sia in termini di prestazioni, quali ad esempio geo-localizzazione e risoluzione delle immagini, sia per la grande varietà di servizi ed applicazioni di tipo duale forniti agli Utenti governativi e civili; rilevante è inoltre il contributo che il sistema potrà fornire alla ricerca scientifica.

Le immagini COSMO-SkyMed di Seconda Generazione, così come quelle di Prima Generazione, sono commercializzate in tutto il mondo da e-GEOS (80% Telespazio, 20% ASI).

COSMO-SkyMed rappresenta il più ambizioso programma di osservazione satellitare terrestre mai realizzato dall'Italia, con le sue eccezionali capacità operative dedicate alla prevenzione dei disastri ambientali, per lo studio della superficie terrestre e per la sicurezza. Il sistema, grazie alla tecnologia radar, è in grado di osservare la terra dallo spazio con risoluzione elevata, con ogni condizione meteorologica e di illuminazione, sia di giorno che di notte.

Le immagini radar acquisite in occasione di alcune delle più gravi catastrofi naturali, come il ciclone Nargis in Birmania, gli uragani Hannah e Ike su Haiti e i terremoti in Abruzzo, Emilia Romagna e del Centro Italia, sono state utilizzate dalle organizzazioni umanitarie impegnate negli aiuti alla popolazione. COSMO-SkyMed può essere utilizzato per una vasta gamma di servizi e applicazioni, inclusi il rilevamento dell’inquinamento marino, lo scioglimento dei ghiacci polari, il monitoraggio dei fenomeni di deforestazione e desertificazione tramite analisi multi-temporale.

Fonte: Agenzia Spaziale Italiana


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfqad

Commenti  

# RichiestaLorenzo Luisi 2020-03-18 09:03
Perché usate caratteri grigi e stilizzati (risultano poco leggibili)?
Rispondi
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore

Naviga per temi

asi aerofotogrammetria technologyforall teorema top world apr catasto arcgis Epsilon Italia autocad esa esri geofisica utility cartografia gps galileo intelligenza artificiale lidar INTERGEO cnr sensore codevintec osservazione dell'universo geospatial termografia asita mobile mapping copernicus OGC mobilita uav geomax ambiente topografia modellazione 3d scansione 3D monitoraggio energia interferometria agricoltura INSPIRE open source trasporti sinergis SIFET qgis smart city geoportale cantiere dissesto idrogeologico eGEOS scienze della terra Bentley mare territorio internet of things meteorologia Stonex webGIS GIS hexagon pianificazione smart mobility 3D infrastrutture flytop trimble ingv microgeo ortofoto topcon catasto europeo terremoti formazione CAD storytelling terremoto uso del suolo GNSS metadati geologia osservazione della terra rilievo urbanistica rilievo 3d app geodesia protezione civile posizionamento satellitare mappe digital geography telerilevamento archeologia remote sensing infrastrutture innovative realtà virtuale tecnologia open geo data leica Harris droni esri italia openstreetmap autonomous vehicle misurazione reti tecnologiche leica geosystems stazione totale sicurezza monitoraggio satelitare servizi ISPRA geolocalizzazione terra e spazio sentinel FOIF Here spazio Toponomastica ricevitori dati geografici ict nuvole di punti laser scanner realta aumentata GTER smartphone dati top terrelogiche geomatica planetek satelliti rndt oceanografia rischio big data autodesk faro coste progettazione BIM fotogrammetria in cantiere beni culturali cosmo skymed open data sar tecnologie avanzate
VidaLaser
Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps