itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Dalla ionosfera i segnali precursori dei terremoti.

Uno studio dell’INGV rivela anomalie elettromagnetiche nella ionosfera prima di forti terremoti.

Una determinazione statisticamente significativa di concentrazioni di anomalie elettromagnetiche nella ionosfera prima dell'accadimento di terremoti di magnitudo uguale a 5.5 o superiore, e con profondità ipocentrale fino a 50 km.

Questo il risultato più importante dello studio "Precursory worldwide signatures of earthquake occurrences on Swarm satellite data" a cura di un gruppo interdisciplinare di ricercatori dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV), della Planetek Italia srl e dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) appena pubblicato sulla rivista Scientific Reports del gruppo editoriale Nature.

Grazie al supporto finanziario dato dall'ESA al progetto SAFE (SwArm For Earthquake study), il team guidato dall’INGV ha analizzato i dati magnetici e di plasma nella ionosfera - lo strato ionizzato dell’alta atmosfera, che si trova tra i 60 ed i 1000 km di altezza – misurati ad una quota di circa 500 km dai tre satelliti del progetto 'Swarm', la missione ESA nata per migliorare la conoscenza del campo magnetico terrestre.

Spingendosi oltre gli scopi della stessa missione Swarm, il gruppo di ricerca ha cercato tracce 'elettromagnetiche' di accoppiamento con la litosfera terrestre in occasione di grandi terremoti. Il risultato principale della ricerca è stata una individuazione statisticamente significativa di concentrazioni di anomalie elettromagnetiche nella ionosfera prima dell'accadimento di terremoti di magnitudo uguale a 5.5 o superiore, e con profondità ipocentrale fino a 50km.

Secondo Angelo De Santis, dirigente di ricerca dell’INGV e primo autore dell’articolo, "l’importanza di questo lavoro è duplice. Da un lato, abbiamo potuto confermare statisticamente che, durante la fase preparatoria di un forte terremoto, esiste un accoppiamento tra la litosfera, dove accadono i terremoti, e la sovrastante ionosfera. Per un altro aspetto, poi, la legge empirica di Rikitake è stata confermata con i dati da satellite".

Si tratta "di una legge proposta negli anni ’80 per i precursori al suolo, per cui il tempo di anticipo dei precursori dipende dalla magnitudo del terremoto: quanto più è lungo il tempo di anticipo del precursore, tanto più sarà forte il terremoto”.

"Il risultato del nostro lavoro è molto importante ma nonostante le anomalie individuate siano statisticamente legate all’occorrenza dei terremoti, esse non permettono ancora di poter effettuare previsioni degli eventi sismici, per le quali occorre passare da un approccio statistico ad uno deterministico, cosa che richiederà ulteriori studi nel futuro" conclude De Santis.

“Il nostro team vive ancora con entusiasmo la collaborazione con l’INGV a questo importante studio, che accende una piccola, ma importante, luce nella comprensione di fenomeni tanto devastanti e ad oggi ancora imprevedibili. Nell’ambito del progetto SAFE abbiamo realizzato l'infrastruttura di gestione per l'organizzazione e la fusione dei dati satellitari e di terra utili alla estrazione delle informazioni necessarie per le analisi valorizzando le nostre competenze sviluppate in contesti operativi” dichiara Cristoforo Abbattista, capo della SpaceStream SBU Planetek Italia.

Approfondimenti:
Leggi l’articolo su Scientific Reports
• Vai al sito web SAFE-SWARM


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfhw3

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

lidar uav stazione totale protezione civile realta aumentata copernicus microgeo geodesia planetek ingv dati geografici beni culturali catasto mobilita remote sensing smart city Harris trimble asi codevintec scansione 3D reti tecnologiche qgis uso del suolo 3D energia autocad internet of things FOIF ict open source sentinel geomatica utility satelliti GIS realtà virtuale topcon flytop modellazione 3d cantiere geomax mare misurazione digital geography autodesk esri italia infrastrutture coste catasto europeo sinergis CAD cosmo skymed geofisica meteorologia scienze della terra technologyforall esa webGIS GTER rilievo fotogrammetria Stonex pianificazione mobile mapping teorema storytelling asita tecnologie avanzate urbanistica topografia dati dissesto idrogeologico INSPIRE sicurezza big data osservazione della terra leica geosystems telerilevamento open data smart mobility trasporti open geo data gps terremoto Toponomastica mappe INTERGEO geospatial laser scanner aerofotogrammetria apr faro cartografia spazio top world nuvole di punti ambiente GNSS droni monitoraggio satelitare app sar rischio openstreetmap posizionamento satellitare SIFET rilievo 3d servizi terra e spazio BIM terremoti archeologia agricoltura Bentley smartphone top formazione autonomous vehicle geoportale interferometria geologia sensore progettazione intelligenza artificiale cnr termografia ricevitori esri osservazione dell'universo monitoraggio geolocalizzazione Epsilon Italia galileo Here in cantiere ortofoto leica tecnologia OGC rndt eGEOS metadati ISPRA terrelogiche hexagon territorio infrastrutture innovative arcgis oceanografia
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
GeoBusiness 2020

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps