itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Le immagini satellitari di Cosmo Skymed per combattere il dissesto idrogeologico

Nuovo accordo tra Enea, Planetek Italia e Comune di Messina per il monitoraggio del territorio via satellite con le immagini della rete Cosmo SkyMed. 

Il nuovo Accordo tra Enea, l’azienda Planetek Italia e il Comune di Messina si pone l’obiettivo di garantire la sicurezza del territorio della frazione di Altolìa, monitorando il dissesto idrogeologico con immagini satellitari fornite dalla rete Cosmo SkyMed dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Grazie alle più avanzate tecnologie satellitari, sarà possibile individuare nuove frane e tenere sotto osservazione quelle esistenti. Oltre all’attività di monitoraggio satellitare ‘real time’, il team di ricerca metterà a punto uno studio storico (per il periodo 2014-2018) e una previsione al 2023 del dissesto idrogeologico di tutta l’area, pari a circa 25 km2.

Inoltre, una squadra di geologi Enea sarà impegnata sul campo per verificare i fenomeni naturali, in modo da confrontare le informazioni elaborate a partire dalle immagini satellitari.

Il team di ricerca utilizzerà i dati provenienti dal sensore radar posto sulla piattaforma satellitare CosmoSky-Med, che rappresenta il più grande investimento italiano in sistemi spaziali per l’osservazione della Terra per uso civile e di difesa. I segnali radar permetteranno di fare misure a grandi distanze (anche centinaia di chilometri) e di ottenere, ogni 30 giorni, immagini ad alta definizione del territorio (5 metri), rilevando movimenti franosi anche millimetrici ed eventuali ‘anomalie’ su edifici, ponti e viadotti.

Successivamente queste immagini saranno elaborate su una piattaforma cloud di servizi geo-informativi (Rheticus), attraverso una particolare tecnica di imaging che permette di elaborare mappe di velocità delle frane. “In questo modo saremo in grado di capire se qualcosa è cambiato nell’intervallo di tempo tra le diverse acquisizioni satellitari e di verificare e misurare con estrema accuratezza le deformazioni del terreno provocate da frane, eruzioni vulcaniche e terremoti. Ma non solo. Infatti, l’utilizzo dei dati satellitari garantirà l’abbattimento dei costi di controllo del territorio e un’efficace azione di monitoraggio delle aree a rischio che permetterà all’amministrazione comunale di mettere in atto misure preventive di salvaguardia”, spiega Francesco Immordino, ricercatore Enea del laboratorio di “Tecnologie per la dinamica delle strutture e la prevenzione del rischio sismico e idrogeologico”.

Con il monitoraggio satellitare si riesce a coprire un’area molto vasta in tempi molto ridotti: dopo Altolìa, il prossimo passo sarà quello di estendere lo studio a tutto il comune di Messina e a quello di Niscemi, in Sicilia. “Ma questa nuova tipologia di indagine che accoppia dati satellitari all’indagine sul campo, punta a diventare un ‘modello’ di controllo e previsione del dissesto idrogeologico applicabile in qualunque altra parte d’Italia”, conclude Immordino.

www.planetek-italia.it


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kf4rh

Vedi anche

Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore

Naviga per temi

autodesk realta aumentata uso del suolo geodesia esri sicurezza infrastrutture innovative scienze della terra top energia catasto GNSS top world Bentley monitoraggio satelitare CAD tecnologie avanzate trasporti Toponomastica rndt hexagon Stonex droni infrastrutture intelligenza artificiale SIFET leica geosystems reti tecnologiche rilievo 3d geomax openstreetmap rilievo territorio asita codevintec Epsilon Italia aerofotogrammetria remote sensing asi cantiere cosmo skymed osservazione della terra nuvole di punti gps misurazione autonomous vehicle stazione totale smart mobility Here ingv qgis dati in cantiere smart city esri italia ISPRA satelliti telerilevamento mappe INSPIRE mare monitoraggio meteorologia INTERGEO digital geography servizi faro terrelogiche sinergis eGEOS pianificazione topcon arcgis formazione oceanografia technologyforall catasto europeo cartografia open data modellazione 3d ambiente geomatica smartphone terremoto scansione 3D coste 3D metadati flytop open geo data fotogrammetria apr beni culturali planetek sensore internet of things leica teorema galileo microgeo ricevitori autocad uav interferometria ortofoto terra e spazio tecnologia realtà virtuale progettazione esa FOIF geoportale sar terremoti geospatial Harris trimble big data lidar open source rischio geofisica protezione civile osservazione dell'universo GTER geologia storytelling topografia copernicus archeologia webGIS ict OGC geolocalizzazione app utility mobile mapping sentinel cnr dati geografici GIS laser scanner mobilita termografia spazio urbanistica dissesto idrogeologico posizionamento satellitare BIM agricoltura
VidaLaser
Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps