itzh-CNenfrdeptrues

Tecnologia geospaziale per pulire gli oceani con 4Ocean

Il mare di rifiuti è abbastanza grande da poter essere visto dallo spazio. In questi giorni, le immagini satellitari rivelano enormi isole di plastica negli oceani e i rifiuti sono così vasti che vari gruppi e inventori stanno cercando di combattere il problema con mezzi creativi. Una di queste società, 4Ocean, relativamente nuova nel gruppo, è nata quattro anni fa da due giovani durante un'avventura.

4Ocean, una società a scopo di lucro con sede in Florida, cattura e ricicla la plastica in braccialetti indossabili. La società è nata come idea un giorno nell'estate del 2015, quando i surfisti Andrew Cooper e Alex Schulze erano in gita a Bali, in Indonesia, e hanno visitato un piccolo villaggio di pescatori per fare surf.

Alla ricerca delle grandi onde, il duo in cerca di brivido ha trovato un grande disastro: spiagge rovinate da strati di immondizia e mari intasati di spazzatura. Imperterriti, sguazzarono tra mucchi di rifiuti galleggianti e ammirarono il pescatore che navigava attraverso la scia di spazzatura.

I surfisti si chiedevano se i pescatori potessero usare le loro reti per catturare la plastica. E si preoccupavano del danno causato all'ambiente a causa dei rifiuti di plastica: pesci uccisi, acque inquinate, spiagge rese disgustose.

La sensazione devastata che avevano gli uomini quando videro la spazzatura indugiò nei loro cuori molto tempo dopo aver lasciato Bali. Quando decisero di fare qualcosa per risolvere il problema, fondando 4Ocean nel 2017.

Gli sforzi ecologici di 4Ocean, eseguiti a livello globale da squadre di pulizia, sono finanziati attraverso la vendita dei suoi braccialetti indossabili realizzati in plastica riciclata. Ogni braccialetto che un consumatore acquista dall'azienda aiuta l'azienda a rimuovere una libbra di spazzatura dall'oceano, secondo 4Ocean.

In questi giorni, Bali e Haiti sono due dei luoghi in cui la società sta ripulendo il mare e la spiaggia. Anche altre aree sono state prese di mira per avviare le pulizie.

Sin dal suo inizio, la società ha rimosso oltre 5.000.000 di sterline di rifiuti dagli oceani e dalle coste. Impiega oltre 300 lavoratori e ha avviato 15 collaborazioni con organizzazioni ambientaliste.

Il business sta salendo, probabilmente a causa del modello dell'azienda che fa appello ai consumatori socialmente orientati. I braccialetti sono un promemoria tangibile, una sorta di invito all'azione e un modo per cambiare i comportamenti di consumo.

"Quando hai l'opportunità di prendere oggetti in plastica o una cannuccia in plastica, guardi il tuo polso come promemoria e dici: 'Questa volta ho intenzione di rifiutare, ridurre, riutilizzare e poi riciclare", afferma Cooper, cofondatore di 4Ocean.

Lo scopo dell'azienda è duplice: diffondere la consapevolezza del problema della plastica oceanica e aiutare a rimuovere e riciclare tale immondizia dai mari del mondo.

La cattura del pesce non è l'unica cosa che i pescatori possono fare proficuamente nell'oceano, grazie agli sforzi dell'azienda, infatti stanno utilizzando la tecnologia geospaziale come il GPS sulle barche per geolocalizzare e rimuovere cumuli di plastica.

L'obiettivo di 4Ocean è quello di diventare la più grande azienda di pulizia degli oceani al mondo. Hanno già identificato altre aree ad alto impatto e prevedono di aprire ulteriori sedi di pulizia.

(Fonte XYHT) 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kf8yq

Vedi anche

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps