itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

INGV, ricostruita l’antica posizione del livello del mare sulla costa laziale

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), appena pubblicato sulla rivista Quaternary International, indica che le tracce geologiche del livello del mare durante le oscillazioni di 100.000 e 79.000 anni fa si trovano a quote sensibilmente più alte di quelle sinora stimate dagli attuali modelli. 

I risultati del lavoro, che ha preso in esame un insieme di grotte che si aprono sulle pendici delle scogliere che formano il promontorio del Circeo, sono frutto dell'analisi di indicatori sedimentari, come gli antichi depositi di laguna dei terrazzi marini, e quelli all'interno delle grotte al Circeo frequentate dall'Uomo di Neanderthal. 

“La terra”, spiega Fabrizio Marra, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e coautore della ricerca, “si comporta come una pallina di gomma schiacciata ai due poli dal peso dei ghiacci: quando questi si fondono la deformazione si "aggiusta" e le terre ai poli si sollevano, mentre quelle all'equatore, per la conservazione del volume, si abbassano.

La fusione dei ghiacci provoca la risalita del livello del mare a velocità differenti alle diverse latitudini, in funzione dell'abbassamento o dell’innalzamento regionale della superficie terrestre. Questo fenomeno non è semplice ed omogeneo e per prevederlo sono stati proposti diversi modelli al computer che simulano il comportamento della terra e dei mari”. 

Negli ultimi 250.000 anni l'area laziale si è progressivamente sollevata di oltre 50 metri. Questo fenomeno ha creato dei cd. terrazzi marini, ovvero piattaforme che si rinvengono ora a quote via via più alte a seconda della loro età e che rappresentano i lembi rimanenti delle antiche spiagge e pianure costiere. Si tratta di una sorta di grande gradinata lungo tutta la costa del Tirreno centrale, ora ricostruita nel dettaglio grazie allo studio geomorfologico su carte topografiche e all'utilizzo delle moderne tecniche di rilevamento satellitare (Modello Digitale del Terreno, o DEM).

 “Questa suite di terrazzi” - prosegue Fabrizio Marra - “è stata ricostruita e datata. Per definire le posizioni dell’antico livello del mare abbiamo preso in esame, tra gli altri indicatori, un insieme di grotte che si aprono sulle pendici delle scogliere che formano il promontorio del Circeo. Le ricerche mettono in evidenza il legame tra presenza neanderthaliana a Roma e nel Lazio e le oscillazioni del livello del mare legate all'alternarsi dei periodi glaciali ed interglaciali. Nelle grotte del Circeo sono state, infatti, rinvenute numerose testimonianze di frequentazione umana del Paleolitico, tra le quali un cranio di Neanderthal quasi completo rinvenuto a Grotta Guattari è la più importante. 

È stata trovata una grande quantità di strumenti sia in selce, sia realizzati dall'uomo di Neanderthal utilizzando le valve di una conchiglia, nota come "fasolaro", ancora oggi tipica delle spiagge del litorale laziale. Proprio grazie alla presenza di elementi come conchiglie, fori di organismi "litodomi" che vivono in buchi scavati nelle scogliere, e solchi di battigia incisi nella roccia dalla marea, queste grotte forniscono importanti indicazioni sulle oscillazioni del livello del mare legate alle ultime due glaciazioni”.

Lo studio ha messo in evidenza nuovi elementi che cambiano in maniera profonda le nozioni sul livello del mare nel Mediterraneo durante il penultimo periodo interglaciale (l'ultimo è quello attuale), caratterizzato da tre successive oscillazioni avvenute intorno ai 125.000, 100.000 e 80.000 anni fa.

“Mettendo insieme la ricostruzione dei terrazzi marini con le indicazioni del livello del mare desunte dagli indicatori sedimentari si sono identificati tre paleo-livelli del mare a quote via via più basse. Quello più alto, che si rinviene ora a quote attorno ai trentacinque metri sul livello attuale del mare, corrispondente al terrazzo più antico la cui età è stata stabilita essere di circa 125.000 anni, grazie alla presenza di livelli vulcanici che sono stati datati col metodo dell'argon radioattivo. Il più basso, attorno a dieci metri, identificato dai depositi conchigliferi, dai fori di litodomo e dal solco di battigia a grotta Guattari e in altre grotte del Circeo, corrisponde al terrazzo marino più recente. Questo terrazzo era considerato fino a oggi quello di 125.000 anni fa, che invece le nuove ricerche identificano ben venticinque metri più in alto. Sul terrazzo più basso è stata fatta una datazione su guscio di conchiglia di Glycimeris che ha fornito un'età di 79.000, permettendo di correlare questo terrazzo con l'ultima oscillazione positiva del livello del mare alla fine dell'ultimo periodo interglaciale. Il livello del mare intermedio, identificato da un "solco di battigia" attualmente a circa ventidue metri di quota nelle scogliere del Circeo, si correla conseguentemente con l'oscillazione di circa 100.000 anni fa. Anche tenendo conto del sollevamento del margine tirrenico laziale avvenuto negli ultimi 125.000 anni, che spiega perché il terrazzo corrispondente a quest'epoca sia così alto, i livelli del mare di 100.000 e 79.000 anni fa risultano comunque significativamente più alti di quanto precedentemente stimato sulla base di modelli globali”. precisa Fabrizio Marra.

Questi risultati inoltre sono in accordo con dati analoghi di terrazzi marini studiati alle Isole Baleari che, finora, la letteratura scientifica aveva ritenuto poco attendibili, indicando un loro significato regionale per il Mediterraneo.

“Le implicazioni dei risultati dello studio”, conclude il ricercatore, “sono evidenti e importanti anche per l'epoca attuale. Si dovrà infatti tenere conto di questi nuovi dati sul Mediterraneo nelle proiezioni future sulla risalita del livello del mare provocato dal riscaldamento globale. Inoltre la ricostruzione della paleogeografia all'epoca della frequentazione delle grotte del Circeo offre uno spaccato sull'ambiente in cui i Neanderthal vivevano. A differenza di oggi, in cui le grotte sono poste a diversi metri a picco sul mare o lontane da esso, 79.000 anni fa queste grotte si aprivano su spiagge che ne facilitavano la frequentazione e offrivano materiali inusuali ma molto adatti, quali le conchiglie, per costruire piccoli manufatti e strumenti”.

Link all’articolo: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1040618219307219?via%3Dihub

Abstract 

Marra, F., Bahain, J.-J., Jicha, B., Nomade, S., Palladino, D.M., Pereira, A., Tolomei, C., Voinchet, P., Anzidei, M., Aureli, D., Ceruleo, P., Falguères, C., Florindo, F., Gatta, M., Ghaleb, B., La Rosa, M., Peretto, C., Petronio, C., Rocca, R.,  Rolfo, M.F., Salari, L., Smedile, A., Tombret, O., 2019. 

Reconstruction of the MIS 5.5, 5.3 and 5.1 coastal terraces in Latium (central Italy): a re-evaluation of the sea-level history in the Mediterranean Sea during the Last Interglacial, Quaternary International.  DOI:10.1016/j.quaint.2019.09.001

We present a geomorphological, stratigraphical and geochronological study reconstructing a suite of paleo-surfaces in a 200 km-long coastal sector of the central Tyrrhenian Sea between Argentario and Circeo promontories. Identification of the near-shore deposits associated with these paleo-surfaces allow us to define corresponding marine terraces and paleo sea-levels. 40Ar/39Ar and ESR/U-Th geochronologic constraints on key deposits provide correlation with the terraces previously recognized in the coast of central Latium, refining their correlation with the Marine Isotopic Stages. Results of this study enable us to: Propose a re-assessment of the ages for the sea-level markers of MIS 5.5, 5.3, 5.1 in the central Tyrrhenian Sea; Suggest that a continuous tectonic uplift with an average rate of 0.224 mm/yr affects the Latium coast since 200 ka; Provide new evidence for a MIS 5.5 paleo-sea level marker occurring at ~35 m a.s.l. on the coastal sector extending from Montalto di Castro to Latina, while it possibly drops down and connects to a paleo sea-level ranging 10 - 5 m between Monte Circeo and Gaeta, previously attributed to this interglacial; Discussing possible evidence of similar elevation of the sea level during MIS 5.5, 5.3 and 5.1 interglacials in the Tyrrhenian Sea; Compare this datum with those from the western Pacific and several coral reefs, where the differences with respect to tectonically stable regions were attributed either to tectonics or to the Glacial Isostatic Adjustment, showing that the presented record of sea-level markers may have a strong impact on modeling the post-glacial effects in the Mediterranean Sea and on the paleoclimatic and paleoceanographic studies in this region. 

#ingv #mediterraneo #lazio #neanderthal #circeo


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfuhy

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

esri terremoto gps laser scanner rilievo openstreetmap trimble autodesk dissesto idrogeologico satelliti osservazione della terra cnr top story SIFET fotogrammetria flytop mappe 3D esa qgis INSPIRE app rilievo 3d microgeo nuvole di punti osservazione dell'universo smart mobility droni Toponomastica e-geos reti tecnologiche protezione civile autocad storytelling geodesia sicurezza topcon pianificazione mobilita leica geosystems eGEOS geologia Here interferometria esri italia uso del suolo infrastrutture Stonex scansione 3D topografia coste modellazione 3d trasporti sar GIS teorema aerofotogrammetria geomax utility asi Bentley apr posizionamento satellitare codevintec realtà virtuale ambiente catasto europeo arcgis spazio top world geospatial tecnologia geolocalizzazione BIM remote sensing archeologia faro oceanografia galileo ISPRA top geofisica dati progettazione big data servizi gestione emergenze open source termografia misurazione mare formazione digital geography scienze della terra CAD technologyforall GNSS copernicus monitoraggio open geo data ricevitori intelligenza artificiale INTERGEO geoportale geomatica rischio telerilevamento open data metadati ict dati geografici Epsilon Italia terra e spazio rndt FOIF terrelogiche energia in cantiere cartografia beni culturali planetek uav webGIS lidar sentinel smartphone sensore catasto hexagon realta aumentata Harris urbanistica cosmo skymed multispettrale mobile mapping smart city beidou asita agricoltura sinergis ortofoto cantiere tecnologie avanzate numerazione civica leica stazione totale internet of things territorio meteorologia ingv
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
Technology for All

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps