Settare l’intervallo di scatto in Autopilot per il DJI Spark

Stampa

Il Team di Strumentitopografici.it (il portale dedicato alla topografia e agli strumenti di rilievo targato GEC Software) si è messo nuovamente in moto per supportare gli addetti ai lavori e, soprattutto i topografi neofiti, nell’utilizzo di strumenti che, se usati correttamente, possono rivelarsi dei veri e propri alleati sul campo. L’idea del team è quella di far conoscere i loro prodotti e di rendere il loro utilizzo semplice e alla portata di tutti. Il taglio come sempre è quello di chi, prima di mettersi nei panni del venditore, si mette nei panni del professionista e con oggettività e praticità cerca di colmare i vuoti e sfruttare al massimo le potenzialità delle tecnologie presentate. L’ultima risorsa elaborata dal Team è un video tutorial che spiega, passo passo, come si può utilizzare uno Spark per fare fotogrammetria impostando l’intervallo di scatto in Autopilot.

Lo Spark, come è noto, è il piccolo drone di casa DJI, rivelatosi in diverse occasioni un partner affidabile e brillante per lavori aerofotogrammetrici di diversa natura.

La pecca del piccolo DJI riguarda il fatto che non supporta la navigazione per way-point.  Questa mancanza, come ci dimostrano i tecnici del portale topografico, può essere facilmente sopperita ricorrendo ad App esterne, come Autopilot. e impostandole correttamente.

La video guida per il settaggio dell’APP Autopilot è disponibile al seguente link: https://www.strumentitopografici.it/2019/08/29/dji-spark-e-autopilot-per-la-fotogrammetria/

Lo staff di Strumentitopografici, invece, è sempre disponibile per informazioni al numero 0825-1912258

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche