Rischio territoriale e patrimonio culturale: workshop del Politecnico di Torino

Stampa
Organizzato dal Collegio di Pianificazione e Progettazione del Politecnico di Torino con la collaborazione dell'Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto della CEI, il workshop "Rischio territoriale e patrimonio culturale; pianificazione della prevenzione e rigenerazione del patrimonio culturale diffuso di interesse religioso"  coinvolgerà gli studenti del corso di laurea magistrale in Pianificazione in attività relative al tema della prevenzione del rischio e della valorizzazione del patrimonio culturale di interesse religioso in una prospettiva di scala vasta, cercando di sviluppare strategie di governance in diretto contatto con le comunità dei casi studio di riferimento.

Il workshop è rivolto agli studenti del Politecnico, Collegio di Pianificazione e Progettazione, ma studenti/laureandi di altri atenei eventualmente interessati (nell'ordine di grandezza di non più del 20% dei partecipanti) possono manifestare il proprio interesse agli organizzatori, per verificare idonee modalità di partecipazione.

A partire da ottobre 2019, gli studenti selezionati saranno coinvolti in due incontri introduttivi di approfondimento teorico del tema (8 ore), premessa dell'attività che verrà condotta nel territorio di indagine nella diocesi di Parma (15-18 novembre 2019). Gli esiti di queste esperienze, e relativi elaborati, verranno discussi in incontri di gruppo con i docenti di riferimento (dicembre 2019/gennaio 2020).

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI