itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il Ground Ground Segment di Galileo nel Fucino Control Center in Italia

Il sistema di navigazione Galileo fermo ormai da molti giorni

Aggiornamento 18 Luglio - Galileo Initial Services è stato ripristinato. Gli utenti possono già vedere i segnali di recupero dei servizi di navigazione sebbene alcune fluttuazioni possano verificarsi fino a nuovo avviso. L'incidente tecnico è stato originato da un malfunzionamento delle apparecchiature nell'infrastruttura di terra di Galileo, che ha influito sul calcolo delle previsioni di tempo e di orbita e che viene utilizzato per calcolare il messaggio di navigazione. Il malfunzionamento ha interessato diversi elementi sulle strutture a terra. Sarà stabilita una commissione d'inchiesta indipendente per identificare le cause principali dell'incidente.

L'Agenzia del GNSS europeo (GSA) attribuisce l'interruzione del segnale di Galileo, che perdura da giovedì 11 luglio, a un problema con l'infrastruttura di terra del sistema. "Gli esperti stanno lavorando per ripristinare la situazione il prima possibile", afferma la GSA. "An Anomaly Review Board è stato immediatamente impostato per analizzare la causa precisa alla radice e implementare azioni di recupero." Nessun aggiornamento appare, alla data attuale, su quando il servizio riprenderà.

La GSA sottolinea che Galileo è attualmente nella fase iniziale dei servizi, in cui i suoi segnali sono disponibili per l'uso in combinazione con altri GNSS e non forniscono una soluzione completa in sé e per sé. Questo è stato espressamente progettato per consentire "la rilevazione di problemi tecnici prima che il sistema diventi pienamente operativo", secondo la GSA.

In effetti, gli esperimenti condotti con gli smartphone compatibili con Galileo hanno scoperto che questi dispositivi escludevano la partecipazione di Galileo nella loro soluzione di posizione. Ciò è verosimile anche per i ricevitori commerciali, che impiegano sofisticati controlli sui segnali e anche in seguito agli avvisi di sistema, che sono stati emessi in questo caso.

Ad esempio da NovAtel apprendiamo che "Per ogni costellazione, c'è un'età massima delle effemeridi che può essere considerata valida", ha spiegato Sandy Kennedy, VP, Innovation at NovAtel. "Una volta che un'effemeride è troppo vecchia, il nostro ricevitore la riterrà non valida. Le misurazioni effettuate su satelliti senza effemeridi validi non sono autorizzati a contribuire alla soluzione PVT. Abbiamo notato la mancanza di effemeridi Galileo entro 3 ore dall'arresto della trasmissione. Non è stato il NAGU (Notice Advisory to Galileo Users) ad avvertirci del problema. "

La società ha pubblicato un bollettino sul suo sito web venerdì pomeriggio, 12 luglio, dichiarando: "Durante questo periodo [senza effemeridi], i ricevitori NovAtel continueranno a tracciare i segnali di Galileo, ma senza effemeridi valide, i segnali non sono inclusi nella soluzione di posizione . . . . Una volta che il servizio Galileo ritornerà alla normalità e trasmetterà le informazioni sulle effemeridi, i ricevitori NovAtel torneranno al normale funzionamento. "

 

Novatel

 

Gli esperimenti di cui sopra sono stati condotti dal gruppo Navigation Signal Analysis and Simulation (NavSAS) presso l'Istituto Superiore Mario Boella e il Politecnico di Torino. Nel loro sito web affermano che, usando un ricevitore software che monitorava i segnali Galileo nello spazio (SIS), "la soluzione di posizione calcolata utilizzando sia la costellazione GPS che Galileo è influenzata da errori dell'ordine di 500 metri o anche di più".

Comunque in questo momento un gruppo di esperti dell'Agenzia europea GNSS, dell'industria, dell'Agenzia spaziale europea e della Commissione europea stanno attuando e monitorando le azioni di recupero. E il servizio Galileo Search and Rescue rimane operativo.

I team operativi stanno lavorando su azioni di recupero 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per ripristinare i servizi di navigazione e sincronizzazione Galileo il prima possibile.

Sulla base dei risultati delle attività di risoluzione dei problemi, sono stati riavviati diversi elementi dell'infrastruttura di terra. I progressi sono stati attentamente monitorati; è troppo presto per confermare una data esatta di recupero del servizio.

Di certo Galileo di cui ormai si parla da troppi anni, fatica ad entrare in produzione ed i troppi errori commessi, tra cui ricordiamo la perdita di ben due satelliti lanciati erroneamente o il guasto agli orologi maser dei satelliti di qualche tempo fa, fanno presagire il contrario di quello che veniva presentato come la massima affidabilità nei confronti del sistema GPS americano.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krrfw

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

internet of things lidar cnr monitoraggio satelitare planetek Here galileo geologia energia sar terra e spazio eGEOS topcon cartografia formazione intelligenza artificiale ingv qgis remote sensing arcgis agricoltura uso del suolo Toponomastica infrastrutture geodesia spazio GTER cosmo skymed urbanistica SIFET beni culturali scienze della terra open data rilievo 3d telerilevamento catasto misurazione mappe asi technologyforall INSPIRE meteorologia rilievo interferometria open source INTERGEO gestione emergenze GNSS autodesk dati geografici geomax realtà virtuale scansione 3D hexagon fotogrammetria Stonex cantiere asita posizionamento satellitare nuvole di punti utility trimble codevintec in cantiere tecnologie avanzate aerofotogrammetria webGIS archeologia pianificazione GIS reti tecnologiche satelliti beidou open geo data Harris mobile mapping app uav realta aumentata microgeo modellazione 3d droni terrelogiche ict storytelling big data oceanografia sinergis Epsilon Italia ricevitori esa rndt sentinel gps topografia geospatial teorema dissesto idrogeologico FOIF copernicus monitoraggio top world openstreetmap smart mobility autocad autonomous vehicle territorio metadati leica geosystems geolocalizzazione sensore BIM osservazione dell'universo catasto europeo mare ortofoto Bentley sicurezza laser scanner smartphone trasporti top ISPRA faro progettazione leica mobilita terremoti esri italia servizi osservazione della terra tecnologia CAD geoportale stazione totale esri coste apr rischio digital geography flytop geomatica terremoto termografia protezione civile smart city geofisica dati ambiente 3D
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps