D-Flight il webgis per gli APR di Enav, Telespazio e Leonardo

Stampa

È in funzione operativa il sistema webgis per fornire informazioni agli operatori di volo per gli Aeromobili a Pilotaggio Remoto a bassa quota (droni), relativamente alle zone in cui è possibile volare e le rispettive restrizioni. Il sistema sarà pronto anche per la registrazione obbligatoria dei droni che sarà resa operativa dal prossimo novembre.

D-flight S.p.A. è una società di Enav S.p.A., la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia. La sua finalità è lo sviluppo ed erogazione di servizi di gestione del traffico aereo a bassa quota di aeromobili a pilotaggio remoto (APR) e di tutte le altre tipologie di aeromobili che rientrano nella categoria degli unmanned aerial vehicles (UAV) e qualsiasi attività ad essi connesse.

La società è partecipata da un partner industriale, selezionato tramite un procedimento ad evidenza pubblica, costituito da Leonardo S.p.A. e Telespazio S.p.A.
Grazie alla collaborazione con ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), l’unica Autorità di regolazione tecnica, certificazione, vigilanza e controllo nel settore dell’aviazione civile in Italia, ha sviluppato il portale d-flight per la gestione dei droni e del loro impiego, che mette a disposizione degli utenti:

I servizi offerti si rivolgono agli appassionati di droni, utenti privati o operatore commerciali, che potranno trovare su d-flight le informazioni di partenza per la loro attività.
Gli operatori commerciali possono richiedere le credenziali di accesso e accedere ai seguenti servizi sperimentali:

 

Visita il sito https://www.d-flight.it/

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche