Fotogrammetria senza target con Dji Phantom 4 RTK/PPK

Stampa

La possibilità di fare un rilievo senza l’ausilio di target è finalmente realtà. Quante volte nella realizzazione di un rilievo aerofotogrammetrico il recupero dei Target ha rappresentato un problema?

Aree pericolose, tempo impiegato per il posizionamento e per il recupero, rischio di furto o di perdita nel caso di target leggeri, etc, etc. Sono solo alcune delle problematiche che si affrontano ogni volta che si effettua un rilievo.

Eppure, fino ad oggi, i cosiddetti “punti a terra”, sono stati fondamentali per una corretta georeferenzazione degli elementi rilevati e la loro messa in scala.

Le cose, però, sono definitivamente cambiate!

L’introduzione di un ricevitore L1/L2 GNSS RTK/PPK a doppia frequenza, installato a bordo di un drone DJI Phantom 4 Pro, ci trasporta in una nuova era, mettendo fine a tutti i disagi logistici e offrendo una serie di vantaggi che vanno dal risparmio di tempo e di costi fino all’accuratezza centimetrica.

Quella del PPK è una tecnologia di cui si parla, con scetticismo, già da un po’. Ecco perché, piuttosto che soffermarci sulle sue innumerevoli potenzialità, preferiamo suggerirti la lettura di un articolo che racconta l’esperienza sul campo fatta dai tecnici della GEC Software relativa proprio ad un rilievo di tipo fotogrammetrico senza target.

Qui troverai tante informazioni utili sul PPK e sull’intero flusso di lavoro: dal posizionamento dei GCP (solo 4, collocati per valutare l’accuratezza del rilievo), all’App utilizzata per la missione di volo e ai software utilizzati per l’elaborazione dei dati.

Se, invece, vuoi avere maggiori informazioni sul DJI Phantom 4 Pro RTK/PPK, sul funzionamento di questa tecnologia e sui vantaggi che può offrire alla tua vita lavorativa, visita direttamente il sito https://www.strumentitopografici.it oppure chiama lo 0825/1912258.

(Fonte: GEC SOFTWARE)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche