itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Uno studio INGV su quanto l'atmosfera disturba i segnali dei satelliti GNSS che giungono fino a noi

I navigatori GPS sono ormai di uso comune, anche perché integrati negli smartphone e nelle automobili. Tuttavia non sempre la posizione fornita dai navigatori è affidabile perché il segnale trasmesso dai satelliti GPS può andare incontro a malfunzionamenti dovuti alle condizioni turbolente dell’alta atmosfera. Pubblicato su Scientific Reports, rivista del gruppo Nature, uno studio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) dal titolo “The ionospheric irregularities climatology over Svalbard from solar cycle 23”, proprio dedicato ai disturbi indotti sui segnali GPS dalla ionosfera nella regione artica e causati da tempeste solari. 

L’INGV vanta il primato mondiale della più lunga serie storica di dati acquisiti da un ricevitore per segnali GPS configurato per studiare la formazione di irregolarità ionosferiche che causano l’effetto noto come “scintillazione”. 

Il ricevitore, situato nelle isole Svalbard a largo della Norvegia – 79° di latitudine nord – è più sensibile agli effetti delle tempeste solari, laddove sono più efficaci nel generare disturbi nella parte più alta dell’atmosfera, mettendo a rischio il posizionamento satellitare e l’utilizzo dei sistemi di navigazione basati sui satelliti (GPS).

Vista la crescente esigenza di disporre di un posizionamento satellitare sempre più accurato e la necessità di minimizzare l’impatto ambientale delle attività antropiche, lo studio delle scintillazioni a latitudini polari è diventato cruciale nell’ambito della meteorologia spaziale (cd. “space weather”), che assiste l’affidabilità della tecnologia, con particolare riferimento al supporto all’aviazione civile.  

I dati sono disponibili dalla fine del 2003 e hanno permesso di studiare la probabilità di questi disturbi lungo tutto un ciclo solare, cioè lungo quell’arco di tempo, di circa 11 anni, durante il quale il Sole manifesta la sua grande varietà: dall’estrema quiete nei periodi di minima attività solare ai fenomeni esplosivi che possono investire la Terra nei periodi di massima attività. 

La possibilità di poter considerare tutti i tipi di fenomeni originati dal Sole ha permesso di studiare dove e quando il segnale GPS viene deteriorato, in modo da mitigare il rischio di errato posizionamento per gli utenti. 

comunicato gps 1Immagine 1 - Probabilità di disturbo del segnale GPS in funzione della latitudine e dell’ora del giorno (in un riferimento magnetico) per diversi livelli di disturbo di origine solare (condizioni quiete a sinistra, condizioni di disturbo da minori a moderate al centro, condizioni da forti ad estreme a destra).

 

Inoltre, dalla fine del 2015, l’INGV ha studiato anche i segnali emessi dalla costellazione europea per il posizionamento satellitare chiamata “Galileo”, ricevuti in parallelo dal ricevitore alle Isole Svalbard. Nata dall’accordo tra l'Unione Europea e l'Agenzia Spaziale Europea (ESA), “Galileo” rappresenta l’alternativa possibile al GPS, di proprietà del governo U.S.A.

Lo studio ha evidenziato che, sebbene GPS e Galileo siano esposti agli stessi pericoli, la costellazione europea sembra avere una resistenza maggiore ai disturbi di origine solare.

comunicato gps 2Immagine 2 - Confronto tra la probabilità di disturbo del segnale GPS (a sinistra) e di quello Galileo (a destra) in funzione della latitudine e dell’ora del giorno (in un riferimento magnetico). Le zone di alta probabilità di disturbo sono più contenute per Galileo che per GPS.

 

Per maggiori dettagli (Link all’articolo: https://rdcu.be/bHHH4)

 

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krqyy

Vedi anche

Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore

Naviga per temi

uso del suolo smart mobility storytelling rndt monitoraggio copernicus posizionamento satellitare sicurezza tecnologie avanzate geoportale misurazione oceanografia big data esri geologia cantiere monitoraggio satelitare apr intelligenza artificiale teorema territorio app aerofotogrammetria dissesto idrogeologico leica telerilevamento servizi progettazione INTERGEO ortofoto cosmo skymed SIFET ricevitori ISPRA osservazione della terra protezione civile GTER ict nuvole di punti meteorologia open source trasporti INSPIRE microgeo metadati mobilita planetek top autonomous vehicle digital geography geolocalizzazione scansione 3D geodesia webGIS Toponomastica Bentley BIM 3D eGEOS open data flytop Epsilon Italia rischio geospatial Harris asita GIS remote sensing FOIF esa esri italia rilievo infrastrutture fotogrammetria formazione satelliti smartphone terra e spazio realtà virtuale CAD infrastrutture innovative autocad arcgis laser scanner hexagon gps coste geofisica top world ingv topografia terrelogiche tecnologia smart city mappe catasto europeo realta aumentata dati geografici in cantiere leica geosystems sar reti tecnologiche rilievo 3d faro geomax osservazione dell'universo asi Stonex utility urbanistica internet of things trimble spazio technologyforall uav OGC modellazione 3d openstreetmap pianificazione sinergis autodesk qgis archeologia topcon beni culturali sentinel termografia droni galileo mobile mapping scienze della terra Here stazione totale catasto dati geomatica cnr codevintec terremoti terremoto GNSS cartografia interferometria open geo data agricoltura energia lidar mare sensore ambiente
VidaLaser
Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps