itzh-CNenfrdeptrues
3D Target

Monitoraggio sul territorio della Regione Lazio con i droni U-AVITALIA

Partiranno a breve le prime attività dimostrative nella zona costiera di Anzio per rilevare erosione costiera e rischi derivanti dalla presenza di amianto.

Le aree a rischio del Lazio saranno presto monitorate dai droni. E’ questo l’obiettivo del nuovo progetto “Utilizzo sperimentale di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (SAPR) per il monitoraggio e la tutela del territorio della Regione Lazio", che sarà realizzato sulla base del protocollo stipulato nei giorni scorsi tra il Consiglio regionale del Lazio e la società specializzata romana U-Avitalia. In pratica, tramite il volo di un drone dotato di sofisticati sensori, saranno acquisiti dati e immagini di alcune aree a rischio del territorio regionale. Per quanto riguarda le zone a rischio sismico, è prevista la rilevazione termica, la mappatura e la classificazione dello stato di conservazione delle coperture in amianto. In programma anche la rilevazione e il monitoraggio di fenomeni franosi e di rischio idraulico, oltre alla rilevazione e al monitoraggio dello stato di tratti della costa del territorio regionale a elevato rischio erosione. Il protocollo d’intesa, che non prevede oneri finanziari per la Regione, è stato sottoscritto da Sergio Pirozzi, presidente della XII Commissione, e dal presidente di U-Avitalia, Donatello Gianni. La prima campagna di voli interesserà la zona costiera di Anzio e sarà avviata entro la fine di giugno.

Queste attività di monitoraggio con droni rientrano nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla tutela del territorio e la mappatura del rischio approvata dalla XII Commissione del Consiglio regionale del Lazio. La società U-Avitalia si è resa disponibile ad effettuare a titolo gratuito, avvalendosi dell’apporto tecnico della società Aerodron di Parma, un’attività sperimentale volta a dimostrare le potenzialità di utilizzo dei SAPR in queste attività di monitoraggio e tutela del territorio. I voli di rilevamento saranno effettuati utilizzando un “senseFly eBee”, drone ad ala fissa per rilievi aerofotogrammetrici, pesante solo 700 grammi, con quasi 45 minuti di autonomia e gran resistenza al vento, capace di effettuare rilievi fino a 1.000 ettari in un singolo volo. Questo drone è dotato di una camera fotografica da 22MP, in grado di riprendere immagini con una risoluzione a terra fino a 3 cm per pixel, utilizzabili per il monitoraggio del territorio e delle coste e per la mappatura delle coperture in fibrocemento contenenti amianto. 

“Questo progetto è particolarmente importante per il Lazio, perché permetterà di agire finalmente in maniera incisiva sui grandi rischi nella nostra Regione”, ha dichiarato il presidente della XII Commissione, Sergio Pirozzi, “facendone un modello da imitare, grazie all’utilizzo delle più innovative tecnologie”.

“Siamo lieti di avviare questa collaborazione con la Regione Lazio, che fornirà dati di grande precisione sulle aree a rischio”, ha sottolineato il presidente di U-Avitalia, Donatello Gianni. “Questa iniziativa avrà uno scopo dimostrativo, al fine di proporre successive attività che vedano l’impiego di droni a favore dei Comuni della Regione, ad esempio per la pianificazione urbanistica, la preservazione del demanio, la tutela del territorio per i rischi idrogeologici e gli interventi di prevenzione per eventuali catastrofi naturali. I dati raccolti consentiranno alle Autorità locali di pianificare gli interventi a tutela del territorio in modo tempestivo e con maggiori economie”.

(Fonte: CS Mediarkè)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krqry

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

modellazione 3d Bentley topografia eGEOS rischio droni osservazione della terra teorema dati territorio geospatial rndt geomatica autocad webGIS realtà virtuale mobile mapping smartphone top world app ortofoto topcon ricevitori smart mobility fotogrammetria microgeo geologia INTERGEO Here realta aumentata cnr top smart city trimble ingv leica geosystems CAD monitoraggio satelitare codevintec terrelogiche Toponomastica misurazione stazione totale pianificazione SIFET GIS leica in cantiere coste terremoto catasto sar Stonex sinergis scansione 3D open data geoportale sensore autonomous vehicle terra e spazio servizi remote sensing telerilevamento geofisica storytelling urbanistica termografia laser scanner energia lidar dati geografici qgis internet of things tecnologie avanzate cantiere galileo apr uav dissesto idrogeologico mappe OGC copernicus spazio open geo data 3D infrastrutture flytop terremoti rilievo meteorologia cartografia mobilita faro cosmo skymed BIM trasporti Harris technologyforall sicurezza beni culturali progettazione monitoraggio GNSS ict reti tecnologiche utility geodesia INSPIRE planetek arcgis esri esri italia openstreetmap hexagon formazione nuvole di punti gps GTER metadati geomax archeologia catasto europeo FOIF posizionamento satellitare agricoltura uso del suolo sentinel oceanografia autodesk asita big data mare osservazione dell'universo Epsilon Italia satelliti geolocalizzazione esa intelligenza artificiale protezione civile aerofotogrammetria interferometria digital geography open source ambiente tecnologia rilievo 3d asi scienze della terra infrastrutture innovative ISPRA
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
GeoBusiness 2020

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps