itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
La Valle del Po (Italia)

ESA - Immagine della settimana: Valle del Po (19 maggio 2019)

Con questa immagine il satellite Copernicus Sentinel-2 mostra la Valle del Po, l’area maggiormente popolata del territorio italiano, che conta quasi la metà dell’intera popolazione nazionale. Questa immagine composita contiene diverse acquisizioni effettuate tra il giugno 2018 ed il febbraio 2019 e ci consente di osservare l’intera area priva di copertura nuvolosa e di smog.

Il Po, che tra i fiumi italiani è quello di maggiore estensione, scorre per oltre 650 km da ovest ad est attraversando la nazione e terminando con una foce a delta nel Mar Adriatico, nei pressi di Venezia. Il fiume attraversa alcune tra le più importanti città del nord Italia.

All’estrema sinistra dell’immagine, nei pressi del fiume si può riconoscere la città di Torino. Centro economico e culturale, Torino è capoluogo della regione Piemonte. Ricca di soria, la città custodisce la Sacra Sindone - una reliquia religiosa molto famosa- ed ospita anche la Residenza della Casa Reale Savoia. Venendo più ai nostri giorni, diversi moduli della Stazione Spaziale Internazionale - come Harmony e Columbus- sono stati realizzati proprio a Torino.

Muovendoci verso est, incastonata sotto le Alpi possiamo scorgere la città di Milano. Sebbene Milano risulti dopo Roma la seconda città più popolata d’Italia, l’ampia area metropolitana si estende fino ad oltre la Lombardia verso il Piemonte orientale, fatto che la rende la più estesa area metropolitana d’Italia.

Ancora più ad est possiamo scorgere il corpo di colore blu del Lago di Garda, a sinistra della città di Verona. Con un’area di 370 kmq il Garda è il più grande lago italiano ed il terzo in classifica di tutta la regione alpina. Ad est del lago scorre il fiume Adige, che scende verso sud prima di curvare verso est in direzione di Verona. La città di Verona è stata decretata Sito Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO in ragione della sua struttura urbana e del suo patrominio architettonico, tra cui annoverail noto anfiteatro romano circolare.

Lungo la costa sono visibili la laguna di Venezia con i suoi colori turchesi e le isole circostanti. Ogni anno milioni di turisti di affollano nell’arcipelago, famoso per il suo patrimonio culturale musicale ed artistico.

Nell’approssimarsi del Po verso il Mar Adriatico si possono notare i campi che dominano il paesaggio agricolo. L’agricoltura è una delle principali attività industriali nel Bacino del Po per via della fertilità dei terreni. Cereali, tra cui il riso, e diversi tipi di vegetali crescono regolarmente in quest’area.

Le diramazioni principali del fiume spingono il delta dentro il mare. L’area costituisce un’importante ecosistema ed è divenuta parco regionale a partire del 1988 ed una riserva di biosfera a partire dal 2015.

Copernicus Sentinel-2 è una missione a due satelliti. Ogni satellite trasporta una camera da ripresa ad alta risoluzione che acquisisce immagini della superficie della Terra in 13 differenti bande spettrali. I dati provenienti da Copernicus Sentinel-2 forniscono un aiuto importante nel monitoraggio dei cambiamenti del territorio.

 

Scarica immagine MediumRes (6,80 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (33,17 MB - .TIF)

 

---

 

Po Valley

This Copernicus Sentinel-2 image features the Po Valley, the most densely populated area in Italy, accounting for nearly half of the national population. This composite image contains several images captured between June 2018 and February 2019, allowing us to see the area free from clouds and smog.

The Po River, the longest river in Italy, flows over 650 km from west to east across the country, and ends at a delta projecting into the Adriatic Sea near Venice. The river flows through some of Italy’s important cities of the north.

On the very left of the image, next to the river, the city of Turin can be seen. A business and cultural centre, Turin is the capital of the Piedmont region. Rich in history, the city is home of the Shroud of Turin, a famous religious relic, as well as the Residences of the Royal House of Savoy. Turning to modern day, several International Space Station modules, such as Harmony and Columbus, were manufactured in Turin.

Moving east, the city of Milan can be seen nestling below the Alps. Although Milan is the second most populous city in Italy after Rome, the wider metropolitan area extends over Lombardy and eastern Piedmont, making it the largest metropolitan area in Italy.

Further east, the blue body of Lake Garda can be seen to the left of Verona. With an area of 370 sq km, Garda is the largest lake in Italy and the third largest in the Alpine region. East of the lake is the Adige River, flowing south before curving east toward Verona. The city of Verona has been awarded World Heritage Site status by UNESCO because of its urban structure and architecture such as the circular Roman amphitheatre.

Along the coast, the turquoise colours of the Venetian lagoon and the islands that make up the city of Venice are visible. Famous for its musical and artistic cultural heritage, millions of tourists flock to the archipelago every year.

As the Po River nears the Adriatic Sea, its agricultural landscape dominated by fields can be seen. Agriculture is one of the main industries in the Po Basin because of the fertile soils. Cereals, including rice, and a variety of vegetables are commonly grown in this area.

The main arms of the river push the delta into the sea. An important ecosystem, the area has been a regional park since 1988 and a biosphere reserve since 2015.

Copernicus Sentinel-2 is a two-satellite mission. Each satellite carries a high-resolution camera that images Earth’s surface in 13 spectral bands. Data from Copernicus Sentinel-2 can help monitor changes in land cover.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Po Valley". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kr68d

Vedi anche

Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore

Naviga per temi

planetek openstreetmap esri GNSS territorio realta aumentata sar asita sentinel webGIS technologyforall protezione civile arcgis smart city metadati agricoltura BIM realtà virtuale hexagon infrastrutture smartphone dissesto idrogeologico digital geography cartografia Stonex cnr infrastrutture innovative asi open data monitoraggio satelitare internet of things archeologia tecnologia CAD leica geosystems rischio faro terremoto progettazione open geo data energia uso del suolo mappe posizionamento satellitare rilievo 3d big data flytop smart mobility trimble trasporti rndt topcon FOIF gps Harris utility storytelling modellazione 3d OGC droni autonomous vehicle teorema formazione scansione 3D reti tecnologiche geoportale SIFET microgeo Toponomastica galileo geomax top stazione totale 3D ortofoto lidar fotogrammetria aerofotogrammetria Epsilon Italia sinergis monitoraggio app dati INTERGEO sicurezza catasto europeo geofisica terra e spazio interferometria satelliti leica ict terrelogiche spazio remote sensing copernicus qgis autocad eGEOS esri italia intelligenza artificiale ISPRA in cantiere catasto cosmo skymed osservazione dell'universo open source autodesk ingv telerilevamento uav coste tecnologie avanzate apr terremoti geospatial top world urbanistica nuvole di punti dati geografici termografia mare geolocalizzazione mobilita codevintec servizi Bentley esa geodesia osservazione della terra ricevitori mobile mapping GIS scienze della terra geomatica laser scanner geologia cantiere topografia Here oceanografia GTER misurazione beni culturali INSPIRE pianificazione sensore meteorologia rilievo ambiente
VidaLaser
Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps