Nasce GEOHub: un network per la salvaguardia dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile

Stampa

Telespazio (Leonardo/Thales), e-GEOS (Telespazio/ASI) e GAF hanno presentato a Milano un’iniziativa che riunisce mondo accademico, imprese e start-up.

Telespazio, una joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%), e la controllate e-GEOS (ASI/Telespazio) e GAF hanno recentemente sottoscritto con Politecnico di Milano, Università “La Sapienza” di Roma, SEELab della SDA Bocconi e altre imprese e start-up, il manifesto costitutivo di GEOHub, un network di open innovation rivolto allo sviluppo di soluzioni di geoinformazione per la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

L’adesione al manifesto è avvenuta oggi al Living Planet Symposium, una tra le più importanti conferenze mondiali sull’osservazione della Terra, organizzata dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) presso il Centro Congressi di Milano (MiCo).

GEOHub intende cogliere le opportunità offerte dalla contaminazione tecnologica e dall’incontro tra il mondo dei servizi satellitari di geoinformazione e i big data, le applicazioni di intelligenza artificiale, i servizi su cloud, i blockchain e la machine learning. L’obiettivo di GEOHub è fornire servizi innovativi che trasformino i big data spaziali in applicazioni mirate, tempestive e di facile utilizzo in settori come la gestione delle emergenze, l’agricoltura di precisione, il monitoraggio dell’ambiente e delle infrastrutture, la business intelligence.

Telespazio, e-GEOS e GAF si adopereranno per la crescita del network GEOHub aggregando ulteriori competenze, dal mondo accademico a quello dell’innovazione, con l’obiettivo di ridisegnare nel prossimo futuro il settore della geoinformazione e identificare strumenti sempre più innovativi per la difesa del nostro Pianeta.

www.telespazio.com.it


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche