Il Bosforo (Turchia)

ESA - Immagine della settimana: Il Bosforo (31 marzo 2019)

Stampa

L’immagine è stata acquisita dalla missione Sentinel-1 del programma europeo Copernicus e mostra il sottile stretto che collega l’Europa orientale all’Asia occidentale: il Bosforo, nel nord-ovest della Turchia. L’immagine è stata ottenuta con un processo di accorpamento dei dati satellitari provenienti da tre differenti scansioni radar, acquisite nelle date del 2 giugno, 8 luglio e 13 agosto.

Lo stretto separa il Mar Nero dal Mar di Marmara ed è uno dei transiti marini più trafficati al mondo, attraversato da circa 48000 natanti ogni anno. Il traffico quotidiano include navi utilizzate nei commerci internazionali e petroliere, ma anche pescherecci e traghetti locali.

La presenza di navi nello stretto è riconoscibile nell’immagine da puntini di vario colore. Sono anche visibili tre ponti che attraversano lo stretto, realizzando in tal modo un collegamento tra i due continenti.

I due satelliti gemelli Copernicus Sentinel-1 trasportano strumentazione radar che è in grado di osservare attraverso le nuvole, in presenza di pioggia, al buio e produrre immagini della superficie della Terra sottostante in tutte queste condizioni. La tecnica di telerilevamento ‘multitemporale’ combina due o più immagini radar della stessa area con l’obiettivo di rilevare i cambiamenti occorsi tra le acquisizioni utilizzate.

All’estremo sinistro di questa immagine la chiazza di territorio color verde-acqua mostra i cambiamenti del terreno avvenuti tra le tre acquisizioni.

La città più popolosa della Turchia, Istanbul, si può osservare su entrambe i lati del Bosforo. La città appare con ombreggiatura di colore bianco - a causa della forte riflessione del segnale radar da parte dei palazzi- creando un contrasto con il colore nero scuro dei laghi interni e delle acque circostanti.

Scarica immagine MediumRes (8,28 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (258,30 MB - .TIF)

 

---

 

The Bosphorus

Captured by the Copernicus Sentinel-1 mission, this image shows the narrow strait that connects eastern Europe to western Asia: the Bosphorus in northwest Turkey. The image contains satellite data stitched together from three radar scans acquired on 2 June, 8 July and 13 August 2018.

Separating the Black Sea and the Sea of Marmara, the strait is one of the busiest maritime passages in the world, with around 48 000 ships passing through every year. Daily traffic includes international commercial shipping vessels and oil tankers, as well as local fishing and ferries.

Ships in the strait can be seen in the image as multi-coloured dots. Three bridges are also visible spanning the strait and connecting the two continents.

The two identical Copernicus Sentinel-1 satellites carry radar instruments, which can see through clouds and rain, and in the dark, to image Earth’s surface below. The multi-temporal remote sensing technique combines two or more radar images over the same area to detect changes occurring between acquisitions.

In the far-left of this image, the aqua-green patches of land show the changes in the fields between the three satellite acquisitions.

Turkey’s most populous city, Istanbul, can be seen on both sides of the Bosphorus. The city appears in shades of white owing to the stronger reflection of the radar signal from buildings, which contrasts with the dark black colour of the inland lakes and surrounding waters.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "The Bosphorus". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche