itzh-CNenfrdeptrues
AeroVision
3D Target
Harris

IBM e i big data geospaziali

Una tecnologia IBM denominata Pairs Geoscope, acronimo di Physical Analytics Integrated Data Repository & Services, è destinata ad aprire la strada allo sfruttamento più efficace dei dati geospaziali.

Da poco IBM Pairs Geoscope è a disposizione di data scientists e sviluppatori software di un ampio ventaglio di settori che vanno dall’agricoltura alla finanza, dal commercio all’energia senza dimenticare le agenzie governative. Lo scopo è ottenere intuizioni utili allo sviluppo del business in chiave competitiva e alla soluzione di problemi d’interesse generale.

I dati geospaziali a cui ci si riferisce identificano un insieme di informazioni che comprendono immagini aeree e satellitari ad alta risoluzione, modelli su scala globale (meteo, clima, oceani), sensori IoT geo-referenziati e dati catturati su piattaforme come Twitter e Gdlt. Pubblici, e quindi accessibili a chiunque, si caratterizzano per un massiccio ammontare e per la complessità dei formati, due caratteristiche che ne fanno un bene di non facile uso e scalabilità, specialmente per grandi aree e applicazioni time-critical.
Pairs Geoscope inverte il processo: porta cioè gli analytics ai dati. In pratica, la piattaforma su cloud assicura un accesso semplice e diretto, via laptop o terminale, a un catalogo di informazioni che cresce di giorno in giorno a livello di terabytes. Il sistema è in grado di ingerire, curare e integrare senza soluzione di continuità le molteplici forme di dati geospaziali con un’analisi avanzata che si avvale dell’apprendimento automatico, reso possibile da grande potenza computazionale, e di tecniche di intelligenza artificiale. Così un’ampia, eterogenea mole di informazioni, in larga parte inutilizzata, trova archiviazione e ordine sotto forma di un insieme indicizzato di dati, in formato comune, che si presta a un efficiente recupero e all’attività di query.
La piattaforma è attualmente impiegata da alcune agenzie governative per predire l’impatto dei disastri naturali, inclusa la diffusione degli incendi. L’esplorazione petrolifera e l’estrattivo si candidano intanto come settori di elezione mentre l’industria primaria, l’energia e le utilities hanno già cominciato a farvi ricorso.
Due esempi paradigmatici ci portano negli Stati Uniti. Il primo è offerto da Bunge, azienda globale dell’agribusiness e del food. Qui Pairs Geoscope, affiancandosi all’analisi tradizionale dei dati proprietari, viene utilizzato su un ampio set di informazioni pubbliche -previsioni del tempo, produzione agricola, immagini dei satelliti- applicando metodi statistici avanzati e il machine learning alla granularità dei dati meteo e satellitari. Ciò che si ottiene sono previsioni sofisticate sull’impiego del terreno e sulla resa delle colture.
Interessante anche il caso di IHI Corporation, società di ingegneria che fornisce al mercato un ampio insieme di prodotti per il settore aeronautico, lo spazio e la difesa. IHI sta lavorando con il servizio di Pairs Geoscope per sviluppare un nuovo sistema in grado di migliorare del 30% l’accuratezza delle previsioni meteo di lungo termine, quelle dai trenta giorni in poi. Nello specifico, il team usa dati dai sensori di GPS Radio Occultation dei satelliti che alimentano i profili tridimensionali di temperatura, pressione e umidità dell’atmosfera. Miscelandoli con informazioni sia storiche sia di lungo termine, e impiegando tecniche di apprendimento automatico, si ottengono intuizioni con cui migliorare le previsioni del tempo.

https://www.ibm.com/blogs/research/2018/03/geospatial-temporal-insights/

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krph9

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

progettazione sentinel top world utility apr rilievo 3d mobile mapping Toponomastica BIM OGC sicurezza urbanistica copernicus gps sinergis terremoto spazio faro INSPIRE geomax Stonex cosmo skymed droni app servizi posizionamento satellitare ISPRA coste autodesk ortofoto rilievo esa intelligenza artificiale pianificazione planetek storytelling arcgis telerilevamento topcon flytop nuvole di punti SIFET oceanografia stazione totale osservazione della terra metadati Here beni culturali cartografia beidou mobilita mappe realta aumentata cantiere mare remote sensing qgis geolocalizzazione reti tecnologiche scienze della terra multispettrale leica sensore esri geodesia misurazione asi 3D infrastrutture numerazione civica GIS GNSS open source catasto europeo CAD dati sar ricevitori satelliti geologia digital geography dati geografici smartphone tecnologia openstreetmap ict uso del suolo trimble open data geospatial lidar uav dissesto idrogeologico termografia FOIF scansione 3D smart city top story flyr codevintec realtà virtuale osservazione dell'universo protezione civile smart mobility formazione aerofotogrammetria ingv open geo data laser scanner terra e spazio trasporti top e-geos topografia energia leica geosystems Harris geofisica tecnologie avanzate gestione emergenze ambiente in cantiere rndt cnr geoportale hexagon catasto autocad INTERGEO territorio technologyforall esri italia big data teorema agricoltura archeologia Bentley internet of things rischio monitoraggio galileo meteorologia terremoti modellazione 3d fotogrammetria interferometria eGEOS geomatica webGIS asita
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps