GEOmedia 6-2018: mare, cartografia, monitoraggio, energia, rischio

Stampa

GEOmedia 6-2018 è principalmente dedicato alle tematiche connesse con i mari e le coste italiani: la cartografia nautica digitale di oggi, l'innalzamento del livello del mare e dei rischi costieri, la previsione del moto ondoso come fonte di energia rinnovabile, dati telerilevati e dati territoriali prelevati in-situ per il monitoraggio delle acque di balneazione.

 Apre il numero il focus dell'Istituto Idrografico della Marina: Le Carte Nautiche: dalla carta ai BIT. L'istituto è stato fondato a Genova nel 1872, quale Organo cartografico dello Stato.

Un’emergenza può essere definita come una qualsiasi condizione critica che si manifesta in conseguenza ad un evento che determina una situazione di rischio, potenziale o in atto, che compromette l’incolumità delle persone e la tutela dei beni. Tale circostanza richiede interventi urgenti finalizzati a mitigare il rischio e a riportare lo scenario alla normalità. Di questo scrivono Fabio Cuzzocrea e Stefano Lucidi nel report Topografia applicata al soccorso e GIS per i Vigili del Fuoco a Frosinone.

Antonio del Gallo, Vice Comandante dell'Istituto Superiore Antincedi (ISA) di Roma descrive l'importanza che riveste oggi l'ISA di Roma. Non solo manifestazioni, corsi e convegni, ma sempre più spesso l’ISA è sede di attività di studio, di ricerca e di sperimentazione nelle quali l’innovazione tecnologica trova un ambiente fertile nel quale svilupparsi e trovare pratica applicazione.

Massimiliano Palma, Adriana Carillo, Emanuele Lombardi e Gianmaria Sannino illustrano come conoscere il moto ondoso del mare risulta fondamentale quando si parla di energia rinnovabile proveniente da quest'ultimo e di come la realizzazione di un sistema operativo si sta rivelando di grande aiuto per utilizzare l’energia cinetica proveniente da moto ondoso.

Giacomo Martirano e Vittorio Gagliardi descrivono come i dati provenienti dallo spazio (telerilevati dai sensori OLCI e SLSTR a bordo di Sentinel 3 di Copernicus) e dati territoriali raccolti in-situ (prelevati a mare da un drone acquatico) possano essere molto efficaci per il monitoraggio, l’analisi e la valutazione del rischio di inquinamento delle acque di balneazione.

Elizabeth Jane Shepherd espone nella rubrica L'AEROFOTOTECA NAZIONALE RACCONTA… La fotografia aerea nel teatro di guerra mediterraneo.

Il numero si chiude con un articolo di Marco Anzidei che descrive SAVEMEDCOASTS. Un progetto europeo di protezione civile per la valutazione degli impatti di aumento del livello marino e dei rischi costieri nel Mediterraneo.

 

SOMMARIO

 

EDITORIALE

FOCUS

REPORT

RUBRICHE

 

Leggi qui l'ultimo numero di GEOmedia magazine!

 

Consulta l'archivio online con tutti i numeri.

 

Per vedere le opportunità e gli sconti per abbonarsi visita la pagina dedicata.

 

Buona lettura! 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche