itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Il Queen Elizabeth Prize for Engineering 2019 è andato al GPS

Il 2019 Queen Elizabeth Prize for Engineering del Regno Unito è stato assegnato ai creatori del Global Positioning System (GPS) negli Stati Uniti. Quattro ingegneri - il dott. Bradford Parkinson, il professor James Spilker, Hugo FrueHauf e Richard Schwartz - sono stati onorati della creazione del primo sistema di posizionamento satellitare realmente globale.

Il QEPrize è un prestigioso riconoscimento mondiale per l'ingegneria, un premio da 1 milione di sterline che celebra l'impatto globale dell'innovazione ingegneristica sull'umanità. I vincitori del 2019 sono stati annunciati il ​​12 febbraio da Lord Browne di Madingley, presidente del Queen Elizabeth Prize for Engineering Foundation, alla presenza della Principessa Anne a Londra.

I quattro vincitori saranno ufficialmente onorati durante una cerimonia alla fine di quest'anno; riceveranno il premio da 1 milione di sterline e un trofeo iconico disegnato dal vincitore del concorso Create the Trophy 2019, il sedicenne Jack Jiang di Hong Kong.

Perché il GPS

Si stima che quattro miliardi di persone utilizzino il GPS e il suo valore economico annuale è stimato in 80 miliardi di dollari solo per gli Stati Uniti. Le sue applicazioni spaziano dalla navigazione e soccorso in caso di calamità, ai sistemi di monitoraggio del clima, ai sistemi bancari e alla fondazione dei trasporti, dell'agricoltura e dell'industria del domani.

Il tracciamento iniziale del GPS risale all'inizio della corsa spaziale, quando gli operatori radio tracciarono lo Sputnik I nel suo volo rivoluzionario nel 1957. I segnali radio dello Sputnik sembravano diminuire di frequenza mentre passava sopra la testa, un fenomeno noto come spostamento Doppler che ha permesso di determinare la posizione del satellite.

I creatori del GPS
Il capo architetto, Bradford Parkinson, viene spesso chiamato il "padre del GPS" dopo aver costruito con successo diversi sistemi separati per creare l'attuale design del GPS. Parkinson ha diretto il programma e ha guidato lo sviluppo, la progettazione e il collaudo dei suoi componenti chiave.

Parkinson ha insistito sul fatto che il GPS doveva essere intuitivo e poco costoso. Nel 2016, Parkinson è stato premiato con il Premio Marconi. Per realizzare il progetto, Parkinson reclutò James Spilker per progettare il segnale trasmesso dai satelliti. Questo tipo di segnale di distanza è stato fondamentale per il successo del GPS per uso civile; è resistente alle interferenze, preciso e consente a più satelliti di trasmettere sulla stessa frequenza senza interferire l'uno con l'altro.

La squadra di Spilker ha anche sviluppato e costruito il primo ricevitore per elaborare i segnali satellitari GPS; il suo processo a loop ritardato, utilizzato per tracciare segnali di accesso multiplo (CDMA) alla divisione del codice, è essenziale per la precisione del GPS.

I ricevitori GPS si basano su informazioni precise di temporizzazione, trasmesse dai satelliti, per determinare la loro posizione sulla terra. Ogni satellite utilizza più orologi atomici - con precisione entro il miliardesimo di secondo - per garantire un timing costante. Hugo Freuhauf, allora capo ingegnere presso la Rockwell Industries, ha guidato lo sviluppo di un orologio atomico miniaturizzato, il cuore del satellite GPS. La sua accuratezza è la spina dorsale dei sistemi di comunicazione, delle reti elettriche, delle reti finanziarie e altre infrastrutture critiche.

Affinché il programma GPS fosse accessibile, ogni satellite doveva essere di lunga durata. Richard Schwartz, il program manager di Rockwell durante lo sviluppo di questi satelliti, è stato incaricato di garantire una durata di tre anni. Il suo design era resistente alle intense radiazioni della fascia superiore di Van Allen, e durò anche più di nove anni.

Un'infografica dell'organizzazione QEPrize spiega la storia del GPS. Cliccaci sopra per scaricarla.

InfograficaQEPrize2019

 

 

 

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kqqf4

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

realta aumentata microgeo internet of things remote sensing geospatial spazio asita agricoltura leica geosystems scienze della terra autonomous vehicle Bentley infrastrutture top uav faro monitoraggio intelligenza artificiale telespazio tecnologia termografia trasporti terra e spazio laser scanner teorema coste sar sentinel esa osservazione dell'universo flytop dati geografici ricevitori geolocalizzazione metadati trimble lidar copernicus hexagon autocad geodesia archeologia aerofotogrammetria slam ict terremoto Stonex open source digital geography nuvole di punti leica urbanistica GNSS GIS esri geomax cnr app Harris Toponomastica geoportale beni culturali rilievo dati servizi galileo meteorologia storytelling geologia realtà virtuale mobile mapping oceanografia ortofoto INSPIRE big data catasto pianificazione topcon catasto europeo smartphone cartografia eGEOS stazione totale esri italia satelliti posizionamento satellitare autodesk CAD terrelogiche ingv webGIS territorio 3D apr telerilevamento in cantiere sensore utility open geo data open data FOIF geofisica tecnologie avanzate topografia GTER gestione emergenze sinergis BIM 3DTarget smart city mappe modellazione 3d rilievo 3d monitoraggio satelitare terremoti progettazione qgis sicurezza mare misurazione formazione mobilita ambiente fotogrammetria Epsilon Italia asi geomatica codevintec ISPRA uso del suolo openstreetmap protezione civile droni dissesto idrogeologico interferometria smart mobility reti tecnologiche INTERGEO gps scansione 3D rndt drone cosmo skymed rischio osservazione della terra arcgis technologyforall planetek cantiere energia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy