itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Lo stato del Sudan del Sud, in Africa

ESA - Immagine della settimana: Sudan del Sud (14 ottobre 2018)

Il satellite Sentinel-2B del programma europeo Copernicus ci porta sul Sudan del Sud. Dopo aver guadagnato l’indipendenza dal Sudan nel luglio del 2011, il Sudan del Sud è la nazione più giovane al mondo. Ha una popolazione stimata di 13 milioni di persone, di cui oltre 80% residente in aree rurali (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

La maggior parte della popolazione basa la propria sussistenza sull'agricoltura, sulla pesca e sulla pastorizia.

Il fiume Sobat è mostrato lungo la parte sinistra dell’immagine con una vivace colorazione verde. Questo è il più meridionale dei grandi tributari orientali del Nilo Bianco, la sezione del Nilo che scorre tra Malakal, il Sudan del Sud e Khartum (Sudan).

La maggior parte del terreno del Sud Sudan è formato da foreste tropicali, paludi e praterie. Al centro dello stato si trova una vasta area paludosa chiamata Sudd, che è larga circa 320 km e lunga 400 km. La regione è considerata uno dei più grandi ecosistemi di acqua dolce al mondo, alimentato dal Nilo Bianco e dai flussi di precipitazione derivanti dalle aree circostanti. Ospita una vasta popolazione ittica, milioni di uccelli migratori e varie specie a rischio di estinzione.

L’area ha anche offerto ospitalità ai rifugiati provenienti dalla guerra civile sudanese attualmente in corso, scoppiata nel Sudan del Sud a partire dal dicembre 2013.

Le colorazioni rosso ed oro nella parte bassa-centrale dell’immagine mostrano del fumo proveniente da un incendio. Il fumo è spinto da venti che soffiano da nord. Le parti nere dell’immagine - per ragioni analoghe – mostrano aree bruciate del territorio, probabilmente risultato di agricolture tagliate ed incendiate. Grazie alla bruciatura di erba secca i pastori sono in grado di concimare il terreno con la cenere, favorendo così ricrescite che possono essere utilizzate come nutrimento per il bestiame.

Anche gli agricoltori di sussistenza tendono ad impiegare questa forma di gestione della terra, che nel corso del processo fornisce sostanze nutrienti al terreno ed elimina dal suolo piante indesiderate. Tra gli impatti negativi a lungo termine di questa pratica ci sono tuttavia fenomeni di inquinamento, di deforestazione e di erosione.

Sentinel-2 trasporta un innovativo sensore per immagini multispettrale a larga impronta ed alta risoluzione, finalizzato alla osservazione del terreno e della vegetazione. La missione fornisce principalmente informazioni per attività agricole e forestali e per supportare la gestione della sicurezza alimentare.

Questa immagine è stata acquisita il 18 gennaio 2018.

Scarica Immagine MediumRes (8,67 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes (280,88 MB - .TIF)

---

 

 

South Sudan

 

The Copernicus Sentinel-2B satellite takes us over South Sudan. Having gained independence from Sudan in July 2011, South Sudan is the youngest country in the world. It has an estimated population of 13 million people, more than 80% of whom live in rural areas.

Most of the population relies on farming, fishing or herding to meet their food and income needs.

The Sobat river is traced in a vibrant green colour along the left part of the image. This is the most southerly of the great eastern tributaries of the White Nile, the section of the Nile between Malakal, South Sudan and Khartoum, Sudan.

Tropical forests, swamps and grassland make up the majority of South Sudan’s terrain. A large, swampy area called the Sudd, which is about 320 km wide and 400 km long, can be found in the centre of the country. This is thought to be one of the largest freshwater ecosystems in the world and is fed by the White Nile and rainfall runoff from surrounding areas. It is home to large fish populations, millions of migratory birds, and various endangered species.

The area has also provided shelter for refugees fleeing the ongoing Sudanese civil war, which broke out in South Sudan in December 2013.

The red and gold in the lower-central part of the image shows smoke from a fire. The smoke is being driven by a northerly wind. The black parts of the image, similarly, show burnt areas of land – possibly the result of slash and burn agriculture. By burning dry grass, herders are able to fertilise the soil with ash, promoting new growth that can be used to feed livestock.

Subsistence farmers also tend to use this method to manage land, returning nutrients to the soil and clearing the ground of unwanted plants in the process. Some of the negative longer-term impacts of this practice include air pollution, deforestation and erosion.

Sentinel-2 carries an innovative wide swath high-resolution multispectral imager for observing our land and vegetation. The mission mainly provides information for agricultural and forestry practices and for helping manage food security.

This image was captured on 18 January 2018.

(Fonte: ESA - Image of the week: "South Sudan". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kh8hc

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

apr faro asi tecnologia Epsilon Italia geolocalizzazione top world catasto europeo esri italia dati stazione totale rilievo openstreetmap ambiente GTER pianificazione cnr geoportale mobilita uav osservazione della terra big data codevintec in cantiere monitoraggio galileo Bentley sentinel dati geografici progettazione cosmo skymed rischio rndt spazio agricoltura energia top webGIS asita scienze della terra infrastrutture open geo data interferometria monitoraggio satelitare leica geosystems osservazione dell'universo meteorologia smart city teorema topografia terremoto droni Stonex copernicus planetek utility terra e spazio mobile mapping internet of things leica CAD Harris geologia telerilevamento trasporti aerofotogrammetria realtà virtuale tecnologie avanzate geodesia formazione GNSS servizi drone scansione 3D dissesto idrogeologico app ingv technologyforall intelligenza artificiale geomax open data rilievo 3d esri nuvole di punti ict coste archeologia sicurezza 3DTarget cantiere storytelling 3D open source mare qgis gestione emergenze INTERGEO realta aumentata cartografia topcon remote sensing fotogrammetria beni culturali autocad arcgis geofisica catasto terremoti uso del suolo gps ricevitori territorio eGEOS autodesk misurazione GIS FOIF metadati sar terrelogiche geomatica geospatial INSPIRE Toponomastica protezione civile hexagon laser scanner ISPRA sensore smartphone smart mobility sinergis oceanografia flytop termografia trimble urbanistica digital geography BIM Here microgeo posizionamento satellitare reti tecnologiche autonomous vehicle lidar satelliti esa mappe ortofoto modellazione 3d
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps