#TFA2018: sfruttiamo i dati di Osservazione Terrestre per monitorare la stabilità strutturale

Stampa

I.MODI sviluppa servizi innovativi dedicati al monitoraggio della stabilità di edifici e infrastrutture integrando dati di Osservazione della Terra SAR, dati acquisiti in situ e modelli numerici.

L’obiettivo è fornire una serie di servizi, a vari livelli di approfondimento, per il controllo sistematico della stabilità di edifici e infrastrutture. I dati satellitari, elaborati con tecniche di Interferometria Differenziale (DInSAR) sono in grado di misurare spostamenti con grande precisione da integrare ai dati acquisiti in situ o utilizzare per lo sviluppo di modelli per la valutazione delle condizioni strutturali. Tramite le immagini satellitari è possibile osservare gli spostamenti di numerosi edifici nelle aree urbanizzate e individuare in modo rapido ed efficace quelli che mostrano maggiori criticità e devono essere segnalate per approfondimenti.

I.MODI rappresenta un valido strumento perle attività di valutazione della sicurezza di edifici pubblici e delle infrastrutture strategiche, come ad esempio le scuole, ponti, viadotti e dighe, fornendo alle istituzioni e ai gestori utili indicazioni per stabilire la priorità degli interventi. Un aspetto rilevante di I.MODI è la capacità di fare analisi a ritroso utilizzando dati di archivio dal 1992 ad oggi, dando quindi la possibilità di analizzare lo sviluppo e gli effetti dei processi deformativi sulle strutture e individuare il nesso di causalità con eventuali danneggiamenti osservati. Grazie all’approccio innovativo di I.MODI, le potenzialità della tecnica DInSAR sono accessibili anche ad utenti non esperti di tecniche di telerilevamento offrendo con prodotti disintesisui danni accertati e scenari sull’evoluzione dei fenomeni di danneggiamento derivati da analisi ingegneristiche avanzate.

I.MODI è stato sperimentato e viene attualmente impiegato per il monitoraggio di edifici e infrastrutture in aree urbane quali Roma e Milano e in aree critiche del territorio nazionale.

Intervento a cura di Maria Marsella, SURVEY LAB

4 ottobre 15:15 – 18:00 La rivoluzione dei geodati per il monitoraggio del territorio - parte 2

Chairman: Aldo Riggio, mediaGEO

Programma del TechnologyforAll


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche