#TFA2018: BIM e controlli negli impianti a rischio di incidente rilevante

Stampa

L’attuazione della Direttiva Seveso III incarica il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco di svolgere l’attività di controllo nel settore dei rischi di incidente rilevante. In tali impianti la gestione della sicurezza è uno degli elementi di maggiore importanza ai fini del mantenimento delle condizioni di esercizio.

Nell’ambito della gestione della sicurezza, la manutenzione degli impianti e delle attrezzature, la registrazione delle operazioni di manutenzione e la loro programmazione sono un elemento cardine per il mantenimento dei livelli di sicurezza previsti. Il BIM è un processo che utilizza un modello contenente tutte le informazioni che riguardano l'intero ciclo di vita di un’opera, dalla progettazione alla dismissione. In particolare, le informazioni associate ad edifici ed impianti sono essenziali per la pianificazione delle attività di manutenzione L’adozione del BIM nel settore dei controlli degli impianti a rischio di incidente rilevante potrebbe costituire un ulteriore elemento di semplificazione dell’attività amministrativa, migliorando l'efficienza delle attività di controllo attraverso la condivisione di dati e informazioni tra organo di controllo e soggetto controllato.

Relatore: Roberto Emmanuele, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

 

Programma della sessione:

4 ottobre 14:00 – 15:15 Dalla realtà costruita al modello BIM

Chairman: Giovanni Perego, BIM Technical Specialist per le Infrastrutture

Dove:
ISA Istituto Superiore Antincendi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
Via del Commercio 13, Roma

Quando:
4 Ottobre 2018

Come partecipare:
Iscrizioni online chiudono alle 24 del 2 Ottobre 2018, sarà possibile comunque registrarsi direttamente presso la sede del convegno

www.trechnologyforall.it

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche