Italia Centrale

ESA - Immagine della settimana: Italia Centrale (30 settembre 2018)

Stampa

Il satellite Sentinel-1B del programma europeo Copernicus ci porta al di sopra dell’Italia Centrale, a partire dagli Appennini in alto a destra verso l’antico fertile letto lacustre della Piana di Avezzano visibile al centro dell'immagine (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Questa brillante immagine in falsi-colori mostra la diversità e la bellezza dei panorami della regione.

In questo caso è stata impiegata la tecnologia radar a doppia polarizzazione, che ha dato come risultato vivaci sfumature di verde per gran parte dei territori ripresi.

Aree caratterizzate da costruzioni, come Roma la capitale dell’Italia, appaiono invece come forme di colore rosso e rosa. Al contempo, la struttura dei terreni agricoli dell’Altopiano dell’Abruzzo si riflette con evidenza in una combinazione di tonalità blu e violetto.

Questa tecnologia radar ci permette di osservare con chiarezza la struttura del cratere dei laghi vulcanici di Nemi e di Albano (in basso a sinistra). Stessa cosa possiamo dire per il Lago di Vico, con vulcano e cratere chiaramente visibili nell’immagine in alto a sinistra.

La regione centrale dell’Italia costituisce un’area molto importante per l’industria spaziale. Per esempio, il centro dell’ESA per l’Osservazione della Terra – che questa settimana celebra i suoi 50 anni di vita- si trova proprio in quest’area.

Questa regione è anche esposta ad eventi tellurici. Nell’agosto del 2016 un terremoto di magnitudine 6.2 ha devastato le piccole città di Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto. E’ stato poi seguito da due scosse di assestamento. Nell’ottobre dello stesso anno un nuovo terremoto di magnitudine 6.6 ha avuto luogo a Norcia. Gli effetti di questo secondo evento tellurico vennero registrati lungo il territorio nazionale: si trattò del più potente terremoto in Italia dal 1980.

La tecnologia radar utilizzata da Sentinel-1 è in grado di fornire immagini con una risoluzione di 10 m, acquisibili in poche ore allo scopo di essere di aiuto nella risposta alle emergenze. Questa tipologia di immagini può essere di supporto nella valutazione dell’impatto per molti tipi di eventi dannosi tra cui le inondazioni ed i terremoti.

Questa immagine è stata acquisita il 6 luglio 2018.

Scarica Immagine MediumRes (9,61 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes     (416,37 MB - .TIF)


---

 

Central Italy

 

The Copernicus Sentinel-1B satellite takes us over central Italy. From the Apennine Mountains in the top right, to the fertile, former lakebed of the Avezzano plain in the centre right.

This bright, false-colour image captures the diversity and beauty of the region’s landscapes.

Dual-polarisation radar technology has been used, resulting in vibrant shades of green for most of the land surface shown.

Built up areas, such as Italy’s capital city of Rome, appear in shades of red and pink. Meanwhile, the structure of the agricultural fields of Altopiano in the Abruzzo region is clearly reflected in a combination of blue and violet hues.

This radar technology allows us to see the crater lake structures of the volcanic lakes of Nemi and Albano in the bottom left clearly. The same is true for Lago di Vico with the volcano and crater clearly visible in the top left of the image.

The central region of Italy is an important one for the space industry. For example, ESA’s centre for Earth observation, which celebrates its 50-year anniversary this week, is located in this area.

This region is also prone to earthquakes. In August 2016, a magnitude 6.2 earthquake struck the small towns of Amatrice, Accumoli and Pescara del Tronto. It was followed by two aftershocks. A magnitude 6.6 earthquake in Norcia followed in October the same year. The tremor of this last earthquake was felt across the country. It was the most powerful one to hit Italy since 1980.

Sentinel-1’s radar technology can provide images with a resolution of 10 m and within hours of acquisition to aid emergency response. This imagery can support impact assessments for many types of hazard including floods and earthquakes.

This image was captured on 6 July 2018.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Central Italy". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche