itzh-CNenfrdeptrues
São Miguel, la più grande isola dell'arcipelago delle Azzorre

ESA - Immagine della settimana: São Miguel, Azzorre (23 settembre 2018)

Il satellite Sentinel-2A del programma europeo Copernicus ci porta sulla più grande Isola delle Azzorre: São Miguel (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Collocate sull’intersezione delle tre placche tettoniche euroasiatica, africana e nord-americana le Azzorre formano una striscia di isole vulcaniche nell’Oceano Atlantico settentrionale, circa 1500 km ad ovest del territorio del Portogallo. Le nove isole maggiori sono divise in tre gruppi, con São Miguel che ricade nel gruppo situato più ad est.

L’arcipelago costituisce una regione autonoma del Portogallo ed in esso risiedono poco meno di 250 000 persone. Possiamo osservare la sua capitale Ponta Delgada in basso a sinistra dell’immagine. L’aeroporto internazionale João Paulo II de Ponta Delgada costituisce il principale hub delle Azzorre nell’ambito del trasporto ed è chiaramente riconoscibile nella stessa area dell’immagine. Il turismo è per le isole un comparto industriale molto importante ed i turisti si affollano per godere delle spiagge incontaminate e dei paesaggi mozzafiato dai geyser di São Miguel alle cascate naturali di Flora.

Conosciuta localmente come 'Isola Verde', São Miguel è la più popolata dell'arcipelago ed i suoi visitatori hanno l'imbarazzo della scelta in fatto di di attrazioni visive, tra il fogliame lussureggiante, i crateri vulcanici e i laghi di acqua dolce.

Il più grande lago di acqua dolce delle Azzorre, il Lagoa das Sete Cidades, può essere localizzato in alto a sinistra nell’immagine. Si trova all’interno di un grande cratere vulcanico ed è formato in realtà da due laghi: il Lagoa Azul ed il Lagoa Verde. Sulla destra dell’immagine possiamo riconoscere il Furnas Lake, all’interno della Furnas Valley, famosa per i suoi coni vulcanici.

Il paesaggio vulcanico dell’isola ha anche influenzato lo sviluppo della gastronomia locale. Cozido das Furnas, un piatto che somiglia ad uno spezzatino, viene preparato collocando una pentola piena di carne e verdure nelle sorgenti calde che si trovano lungo la valle e lasciandola cuocere per circa cinque ore.

Le Azzorre sono molto ricche di flora e fauna ed ospitano molte specie di uccelli sia residenti che migratori. Molti sforzi sono in corso per ripristinare ed espandere le foreste di alloro tipiche della Macaronesia (un’area che include gli arcipelaghi di Madeira, delle Azzorre, delle Canarie e l’Isola di Capo Verde), in quanto solo circa il 2% di foresta di alloro nativo sopravvive sulle isole.

ESA, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Francese (CNES), sta organizzando un simposio sui 25 anni di progressi nella altimetria radar , che si terrà in Ponta Delgada dal 24 al 29 settembre. Essendo ormai l’aumento del livello medio del mare un problema globale, il simposio sarà dedicato ai progressi fatti nella nostra comprensione degli oceani, della criosfera e dei processi che avvengono lungo le coste e nel territorio. Nella stssa settimana verrà tenuto anche il meeting annuale dell’ Ocean Surface Topography Science Team assieme all’ International DORIS Service Workshop.

Questa imagine è stata acquisita in data 8 settembre 2016.

Scarica Immagine MediumRes (2,55 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes      (123 MB - .TIF)

 

---

 

São Miguel, Azores

 

The Copernicus Sentinel-2A satellite takes us over the largest island of the Azores: São Miguel.

Resting at the intersection of the Eurasian, African and North American tectonic plates, the Azores form a string of volcanic islands in the North Atlantic Ocean, some 1500 km west of mainland Portugal. The nine major islands are divided into three groups, with São Miguel falling into the eastern group.

The archipelago is an autonomous region of Portugal and home to just under 250 000 people. We can see the capital of the region, Ponta Delgada, in the bottom left of the image. The main transport hub of the Azores, João Paulo II de Ponta Delgada International Airport, is clearly visible in the same part of the image. Tourism is an important industry for the islands, with visitors flocking to enjoy the unspoilt beaches and breathtaking landscapes, from the geysers of São Miguel to the natural waterfalls of Flores.

Known locally as the Green Island, São Miguel is the most populous of the islands and amidst the lush foliage, volcanic craters, and freshwater lakes, visitors are spoilt for choice when it comes to visual attractions.

The largest freshwater lake in the Azores, Lagoa das Sete Cidades, can be seen in the top left of the image. It lies in a large volcanic crater and consists of two lakes: Lagoa Azul and Lagoa Verde. On the right of the image we can see Furnas Lake, in the Furnas Valley, famous for its volcanic cones.

The volcanic landscape of the island has even influenced local cooking methods. Cozido das Furnas, a stew-type dish, is prepared by lowering a pot filled with meat and vegetables into the hot springs dotted around the valley, and leaving it to cook for around five hours.

The Azores islands are rich in terms of flora and fauna, and are home to a large number of resident and migratory bird populations. Efforts are being made to restore and expand the laurel forests typical of the Macaronesian islands (an area covering the archipelagos of Madeira, Azores, Canary Islands and Cape Verde) as only around 2% of the native laurel forest remains on the islands.

ESA, in collaboration with the French Space Agency, CNES, is organising a symposium on 25 years of progress in radar altimetry, which will be held in Ponta Delgada from 24–29 September. With global sea-level rise a global concern, the symposium will focus on the advances made in our understanding of the open ocean, the cryosphere, and coastal and land processes. The annual meeting of the Ocean Surface Topography Science Team and the International DORIS Service Workshop will also be held in the same week.

This image was captured on 8 September 2016.

(Fonte: ESA - Image of the week: "São Miguel, Azores". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kh8q3

Vedi anche

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps