Italia protagonista alla INSPIRE Conference 2018: Make it work together

Stampa

Anche nell’edizione 2018 della Conferenza INSPIRE, Epsilon Italia sarà presente con una serie di contributi, condividendo l’esperienza maturata nell’implementazione della Direttiva.

Il tema di questa edizione è “Make it work together”, chiaro riferimento alla necessità di cooperazione tra i vari stakeholder come condizione necessaria per il funzionamento dell’infrastruttura comune Europea per la gestione dei dati territoriali (INSPIRE).

Il workshop “Is INSPIRE really working”, che si terrà martedì 18 alle 14.00 nelle sale Gorilla 4 e 5, sarà un’occasione per fare il punto un anno dopo la scadenza per la fornitura dei dataset dell’Allegato I della Direttiva armonizzati in piena conformità ai requisiti su metadati, dati e servizi di rete. Indirizzi, unità amministrative, nomi geografici, particelle catastali, idrografia, reti di trasporto, siti protetti di tutta Europa sono realmente interoperabili e accessibili secondo i principi di INSPIRE? Le aziende geomatiche, principalmente le PMI, hanno trovato modelli di business sostenibili per capitalizzare le opportunità offerte da INSPIRE? Il workshop interattivo, cui parteciperanno rappresentanti delle diverse categorie di attori coinvolti nell'implementazione di INSPIRE, tenterà di dare una risposta a queste e ad ulteriori domande, mirando a evidenziare in modo costruttivo i problemi di implementazione e le possibili soluzioni. Il workshop è promosso dalla rete smeSpire, che è una rete informale creata durante il progetto FP7 SmeSpire "Una comunità europea di PMI basate sui contenuti e le lingue digitali ambientali", con oltre 700 membri (l'80% delle quali sono PMI) che condividono interessi su problemi e soluzioni relative alle implementazioni di INSPIRE.

Durante la presentazione “Biodiversity and Management Areas Thematic Cluster: an overview of present contents and future activities”, che si terrà mercoledì 19 alle ore 14.15 nella sala Gorilla 3 all’interno della sessione INSPIRE Thematic clusters – building common INSPIRE implementation & use knowledge, si parlerà della esperienza relativa alla fornitura di dati , metadati e servizi relativi ai Siti Protetti. Si discuteranno le varie problematiche relative all’ implementazione degli altri temi INSPIRE legati alla biodiversità (soprattutto legate alla creazione di servizi di rete) e delle varie iniziative volte al riuso di INSPIRE nell’ambito di legislazione ambientale e dell’ e-reporting.

Durante la presentazione “INSPIRE based e-Reporting in Italy”, che si terrà giovedì 20 alle ore 16.15 nella sala Gorilla 1 all’interno della sessione National approaches and strategies, si presenterà l’esperienza relativa al pilota italiano del progetto INSPIRE>>GIS. Tale progetto mira alla realizzazione di una soluzione software di facile utilizzo per la creazione e l’uso efficiente di dati e servizi INSPIRE. Il pilota italiano, realizzato in collaborazione con ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) si è occupato della creazione dei data set INSPIRE delle aree protette italiane e del relativo reporting per la banca dati europea sulle aree protette (CDDA) che, dal 2018, prevede appunto l’utilizzo di dati INSPIRE.

Durante la presentazione “Technological approaches to reuse INSPIRE in e – Reporting” che si terrà venerdì 21 alle ore 9.45 nella sala Gorilla 3 all’interno della sessione National approaches and strategies, si analizzeranno tre diversi tipi di approccio per il riuso di INSPIRE nell’ottimizzazione dei flussi di reporting di dati ambientali verso l’Agenzia Ambientale Europea. Rischi e benefici delle diverse metodologie (”Integrazione”, “Estensione” e “Approccio collegato”) verranno valutati nella consapevolezza che non esiste una soluzione unica, valida per ogni tipologia di dato, e la scelta dipende dalle caratteristiche specifiche del singolo reporting.

Il programma completo della Conferenza INSPIRE 2018 è disponibile qui.

Il nostro team dell’INSPIRE Helpdesk vi aspetta allo stand S10.

(Fonte: Epsilon Italia)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Vedi anche