Machine learning, AI e nuove applicazioni per mobile al centro della Esri User Conference 2018

Stampa

Si è svolta a San Diego (California) dal 9 al 13 luglio la Esri User Conference 2018. Un’edizione ricca di novità, che ha visto in programma oltre 1.000 sessioni di presentazione e workshop tecnici, la partecipazione di più di 300 espositori e la possibilità di partecipare a più di 450 ore di formazione.

Ma soprattutto, è stata l’edizione dove Jack Dangermond ha illustrato la sua vision della Science of Where, Inspiring What's Next. "Il GIS continua ad evolversi e a svolgere un ruolo sempre più importante nella trasformazione digitale della società, attraverso nuovi sviluppi che aiutano gli utenti a fare meglio il loro lavoro e le organizzazioni a capire e comunicare in molti modi nuovi. La Science of Where abbatte le barriere organizzative e facilita nuove forme di collaborazione attorno alle informazioni geografiche condivise. Oggi il nuovo modello Web GIS fa la differenza, crescendo ogni giorno di più”.

Durante la conferenza, inoltre, sono state messe in evidenza novità e approfondimenti dedicati al mondo GIS. E tra questi spiccano quelli dedicati all’intelligenza artificiale e alle nuove applicazioni per mobile.

AI & Machine Learning
Una delle novità di ArcGIS Pro 2.2 è l’integrazione di strumenti di intelligenza artificiale e machine learning, per rendere le analisi, le stime e le previsioni veloci e accessibili ai professionisti del GIS.

Guarda il video 

Le novità di Living Atlas
Anche Living Atlas of the World presenta una serie di novità che vanno ad arricchire la più vasta e accurata collezione di informazioni geografiche pronte all'uso, che sia mai stata realizzata. La collezione è accessibile da ogni device, sempre e in qualunque luogo, ed è costantemente aggiornata con nuove mappe, app e layer, aggiornati da Esri e dalla comunità di utenti.

Guarda il video 

What's Next in Mobile Apps
Sono tre le nuove applicazioni per mobile: Location Tracking, ArcGIS Indoors e ArcGIS Runtime AR / VR, nate per sfruttare al massimo The Science of Where su telefono o tablet.

Guarda il video

Fonte: Esri


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Vedi anche