itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il monte Makalu appartenente al sistema montuoso del Himalaya (Nepal/Cina)

ESA - Immagine della settimana: Monte Makalu (17 giugno 2018)

Il monte Makalu nel sistema montuoso del Himalaya appare in questa immagine prodotta il 9 dicembre 2017 dal satellite Sentinel-2B del programma europeo Copernicus (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Con i suoi 8485 m di altezza il Makalu è la quinta montagna più alta del mondo. L’iconica montagna di forma piramidale può essere individuata appena a destra del centro dell’immagine. Si innalza sul confine tra Nepal e Cina, circa 19 km a sud-est del monte Everest, che si trova in alto a sinistra nell’immagine.

La montagna è considerata da molti come una delle più difficili al mondo da scalare, a causa della sua posizione remota e della sua cresta a lama di coltello che la espone agli elementi atmosferici.

Nonostante questo Carina Ahlqvist, una esploratrice svedese, alpinista ed attivista dei problemi climatici, ha condotto quest’anno una scalata con l’intento sia di accrescere la coscienza sui temi del cambiamento climatico, sia allo scopo di supportare la Climate Change Initiative dell’ESA

Nel corso della spedizione scienziati hanno effettuato misurazioni finalizzate alla validazione dei dati acquisiti dal radar della missione Sentinel-1 del programma Copernicus, dati utilizzati per lo studio di pericoli naturali, come la caduta di rocce e frane in regioni montuose.

Il team ha inoltre esaminato il ghiacciaio Barun, che si trova alla base del Makalu, allo scopo di investigare la sua storia e con essa il passato climatico della regione.

Sfortunatamente, Carina è stata colpita da cecità da neve e dunque costretta ad abbandonare la missione a circa 300 m dalla vetta del Makalu. Ora l’esploratrice è sana e salva ed i dati raccolti nel corso della spedizione vengono attualmente utilizzati per acquisire una migliore conoscenza di questa remota regione e per meglio comprendere come essa sia minacciata dal cambiamento climatico.

Scarica Immagine MediumRes (3,17 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes      (30,51 MB - .TIF)

 

---

 

Mount Makalu

 

Mount Makalu in the Himalayas is pictured in this Copernicus Sentinel-2B image from 9 December 2017.

At 8485 m high, Makalu is the fifth highest mountain in the world. The iconic pyramid-shaped mountain can be seen just to the right of the centre of the image. It is situated on the border between Nepal and China, about 19 km southeast of Mount Everest, which is in the top left of the image.

Because of the mountain’s knife-edge ridges and its remote position, which leaves it exposed to the elements, it is viewed by many as one of the world’s most difficult mountains to climb.

Nevertheless, Swedish explorer, mountaineer and climate campaigner, Carina Ahlqvist, led a climb this year to raise awareness of climate change and to support ESA’s.

During the expedition, scientists collected measurements to help validate data from the Copernicus Sentinel-1 radar mission that are used to study natural hazards such as rock falls and landslides in mountainous regions.

The team also surveyed the Barun glacier, which lies at the base of Makalu, to help understand its history and therefore the past climate in this region.

Unfortunately, Carina was struck with snow blindness and had to be evacuated just 300 m from Makalu’s summit. She is now safe and well and the data collected during the expedition are being used to further understand the dynamics of this remote region and how it is being affected by climate change.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "Mount Makalu". Traduzione: Gianluca Pititto)

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khd39

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

leica gestione emergenze metadati uso del suolo dati geografici terrelogiche energia Here realta aumentata geoportale GTER 3DTarget geospatial arcgis coste faro trasporti INSPIRE planetek tecnologie avanzate dissesto idrogeologico openstreetmap internet of things Toponomastica top posizionamento satellitare FOIF misurazione territorio galileo smart mobility Bentley technologyforall Stonex qgis droni laser scanner hexagon rischio open source big data geomatica protezione civile osservazione dell'universo CAD Harris digital geography urbanistica mare catasto europeo dati geolocalizzazione geofisica ict scienze della terra telerilevamento topcon rilievo esri italia rilievo 3d geomax open geo data autodesk leica geosystems autonomous vehicle webGIS Epsilon Italia INTERGEO ingv sar geodesia smart city GIS app beni culturali GNSS storytelling 3D esri uav archeologia stazione totale rndt teorema utility top world formazione agricoltura osservazione della terra smartphone in cantiere remote sensing ambiente BIM tecnologia monitoraggio asita eGEOS ortofoto mobilita autocad gps asi termografia flytop pianificazione drone servizi apr terra e spazio topografia mobile mapping lidar modellazione 3d intelligenza artificiale satelliti monitoraggio satelitare infrastrutture oceanografia terremoti realtà virtuale reti tecnologiche cosmo skymed codevintec meteorologia catasto sentinel progettazione microgeo terremoto spazio esa cantiere mappe trimble open data sensore aerofotogrammetria copernicus ricevitori cnr cartografia geologia sicurezza nuvole di punti sinergis fotogrammetria ISPRA scansione 3D interferometria
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps