Le isole di Capo Verde e le coste occidentali dell'Africa

ESA - Immagine della settimana: Capo Verde (10 giugno 2018)

Stampa

Per la celebrazione della Giornata Mondiale degli Oceani (World Oceans Day), il satellite Sentinel-3A del programma europeo Copernicus ci porta sull’Oceano Atlantico e sulla Repubblica di Capo Verde (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Alcune delle piccole isole che compongono l’arcipelago di Capo Verde possono essere osservate in questa immagine sbirciando sotto le nuvole. Si tratta di isole vulcaniche che si trovano nell’Oceano Atlantico circa 570 km al largo della costa occidentale del Senegal e della Mauritania, costa che compare sulla destra.

L’elemento più sorprendente dell’immagine – a ben vedere- è costituito dalla polvere e dalla sabbia provenienti dall’Africa e trasportati dal vento verso Capo Verde. La sabbia proviene principalmente dal Sahara e dalla regione del Sahel. A causa della posizione di Capo Verde e dei venti alisei, queste tempeste sono tuttaltro che rare e possono arrivare a causare interruzioni del traffico aereo.

Tuttavia, questa sabbia ha il pregio di fertilizzare l’oceano con sostanze nutrienti e favorire in tal modo la crescita del fitoplankton, che è costituito da piante microscopiche che sono alla base della rete alimentare marina.

Di particolare importanza è poi il ferro che si trova nella polvere. Senza ferro i mammiferi non possono produrre l’emoglobina a cui si deve il trasporto dell’ossigeno nel flusso sanguigno, mentre le piante non possono produrre la clorofilla necessaria per la fotosintesi.

Ricerche hanno mostrato che circa 80% del ferro presente in campioni di acqua prelevati attraverso il Nord Atlantico proviene proprio dal Sahara. Pertanto, si può assumere che la vita nella profondità degli oceani dipende da questa distribuzione di fertilizzante proveniente da una delle regioni più aride della Terra.

La Giornata Mondiale degli Oceani si celebra ogni anno in data 8 giugno ed è dedicate a gli oceani, alla loro importanza per tutte le forme di vita ed ai modi che abbiamo per proteggerli.

L’immagine è stata acquisita il 30 maggio 2018.

Scarica Immagine MediumRes (13,29 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes      (135.21 MB - .TIF)

 

---

 

Cabo Verde

 

For World Oceans Day, the Copernicus Sentinel-3A satellite takes us over the Atlantic Ocean and the Republic of Cabo Verde.

Several of the small islands that make up the archipelago of Cabo Verde can be seen peeking out from beneath the clouds. These volcanic islands lie in the Atlantic Ocean about 570 km off the west coast of Senegal and Mauritania, which frame the image on the right.

The most striking thing about this image, however, is the dust and sand being carried by the wind towards Cabo Verde from Africa. The sand comes mainly from the Sahara and Sahel region. Owing to Cabo Verde’s position and the trade winds, these storms are not uncommon and can disrupt air traffic.

However, this sand also fertilises the ocean with nutrients and promotes the growth of phytoplankton, which are microscopic plants that sustain the marine food web.

The iron in the dust is particularly important. Without iron mammals cannot make haemoglobin to transport oxygen around the bloodstream and plants cannot make chlorophyll to photosynthesise.

Research has shown that around 80% of iron in samples of water taken across the North Atlantic originates from the Sahara. It can be assumed, therefore, that life in the deep ocean depends on this delivery of fertiliser from one of the world’s most parched regions.

World Oceans Day takes place on 8 June each year and celebrates the ocean, its importance in all our lives, and how we can protect it.

This image was captured on 30 May 2018.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "Capo Verde". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche