NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
3D Target
Sabato, 07 Aprile 2018 17:10

Cryosat, il satellite che esplora il ghiaccio, continua a rivelare nuove scoperte

Redazione GEOmedia

La missione CryoSat dell'ESA ha rivelato che, negli ultimi sette anni, l'Antartide ha perso un'area di ghiaccio sottomarino delle dimensioni dell'area metropolitana di Londra. Questo perché l'acqua calda dell'oceano sotto i margini fluttuanti del continente sta mangiando il ghiaccio attaccato al fondo del mare.

VidaLaser
Aeronike

La maggior parte dei ghiacciai antartici sono immersi nell'oceano profondamente. Il luogo in cui la loro base lascia il mare e inizia a galleggiare è noto come la linea di galleggiamento «grounding line».
Un documento pubblicato su Nature Geoscience descrive come CryoSat è stato utilizzato per mappare il movimento delle grounding line lungo i 16.000 km di costa antartica.
Una ricerca condotta da Hannes Konrad del Center for Polar Observation and Modelling dell'Università britannica di Leeds mostra che tra il 2010 e il 2017 l'Oceano del Sud ha sciolto 1463 km quadrati di ghiaccio sottomarino.
Il team ha tracciato il movimento della grounding line dell'Antartide grazie a CryoSat e ha prodotto la prima mappa completa che mostra come la parte immersa stia perdendo la presa sul fondo marino.
I più grandi cambiamenti si sono verificati nell'Antartide occidentale, dove più di un quinto della calotta di ghiaccio si è ritirata sul fondale marino più velocemente del ritmo della deglaciazione dall'ultima era glaciale.
Sebbene CryoSat sia progettato per misurare i cambiamenti dell'elevazione del ghiaccio, questi possono essere tradotti in movimenti orizzontali sulla linea di messa a terra utilizzando il principio di Archimede, la conoscenza della geometria del ghiacciaio e del fondo marino.
I ricercatori hanno anche trovato un comportamento inaspettato.
Anche se il ritiro del ghiacciaio Thwaites nell'Antartide occidentale è accelerato, il vicino Pine Island Glacier - fino a poco tempo fa uno dei più veloci in ritirata del continente - si è fermato. Questo suggerisce che l'oceano che si scioglie alla sua base si è fermato.
Abbiamo parlato di Cryosat sin dal suo lacio avvenuto 8 anni fa. Ora ancora in orbita per più del doppio della durata prevista, sta ancora misurando con la massima qualità e consente nuove scoperte nella scienza polare.

Consigliamo la lettura dell'articolo "Net retreat of Antarctic glacier grounding lines" di Hannes Konrad, Andrew Shepherd, Lin Gilbert, Anna E. Hogg, Malcolm McMillan, Alan Muir & Thomas Slater
Nature Geosciencevolume 11, pages258–262 (2018) https://www.nature.com/articles/s41561-018-0082-z

(Fonte ESA)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kucac


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia Artificial Intelligence asi asita autocad autodesk beidou beni culturali Bentley Bentley Systems big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cloud cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS energia Epsilon Italia esa esri esri italia faro flyr FOIF fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geoportale geospatial GIS GNSS gps Harris HBIM Here hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE intelligenza artificiale interferometria INTERGEO internet of things ISPRA ISTAT landsat laser scanner leica geosystems lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia OGC open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile QGIS realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis slam smart city smart mobility smartphone social media spazio Stonex storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoto territorio top topcon topografia Toponomastica top story trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo