itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Amsterdam ed i laghi ghiacciati di IJmeer e  Markemeer (Olanda)

ESA - Immagine della settimana: Ghiaccio d’Olanda (26 marzo 2018)

Gli olandesi stanno iniziando ora ad osservare i loro famosi fiori primaverili spuntare fuori dal paesaggio invernale, ma alcune settimane or sono la storia era ben diversa: quando ha dominato un breve periodo di freddo intenso. Questa immagine, prodotta il 2 marzo 2018 da Sentinel-2 del programma europeo Copernicus, mostra Amsterdam ed i laghi di acqua dolce di IJmeer e Markemeer coperti da un sottile strato di ghiaccio, sicuramente rinomato per il pattinaggio su ghiaccio tanto quanto l’Olanda è famosa per i fiori (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Mentre il freddo intenso causava grandi danni in gran parte dell’Europa, gli olandesi sono stati impegnati a rispolverare i loro pattini, impazienti di scalfire con essi la superficie di ghiaccio.

Il ghiaccio presente su questi laghi era troppo sottile per sostenere i pattinatori, sicchè alcuni canali di Amsterdam sono stati chiusi alla navigazione per dare al ghiaccio la possibilità di ispessirsi ed ai pattinatori l’occasione di cogliere un’opportunità, relativamente rara, di godere di un passatempo nazionale.

Come possible conseguenza del cambiamento climatico l’Olanda non può contare sul ghiaccio di cui disponeva in passato. Il Reale stituto Meteorologico Olandese valuta le stagioni invernali utilizzando un indice: le stagioni che superano il valore 100 sono considerate ‘fredde’. Tra il 1901 ed il 1980 si sono avute 7 stagioni invernali sopra l’indice 200, decisamente molto fredde.

L’ultima volta in cui l’indice ha superato la significativa soglia di 100 è stato nel 1997. In effetti, quella fu anche l’ultima volta in cui le condizioni meteorologiche furono fredde abbastanza per un ‘Elfstedentocht’: una gara di pattinaggio su un percorso di 200 km sviluppato tra 11 città nel nord del paese.

Nel 2014, per la prima volta da quando le misurazioni sono iniziate, l’indice è sceso a zero.

Mentre la gente si diverte sul ghiaccio, questa immagine di Sentinel-2 consente a noi di osservare dall’alto la bellezza di questo strato di ghiaccio dalla vita breve.

Scarica Immagine MediumRes (4,61 MB - .JPG)

Scarica Immagine HighRes (245.15 MB - .TIF)

 

---

 

Netherlands ice

 

The Dutch are now starting to see their famous spring flowers poke through the winter soil, but a few weeks ago it was a different story as a cold snap took grip.

This Copernicus Sentinel-2 image from 2 March 2018 shows Amsterdam and the IJmeer and Markemeer freshwater lakes covered by a thin layer of ice. As famous as the Netherlands is for flowers, it’s arguably equally renowned for ice skating.

While the cold snap caused havoc throughout much of Europe, the Dutch were busy dusting off their skates and eager to hit the ice.

The ice on these big lakes was much too thin to skate on, but some canals in Amsterdam were closed to boats to give the ice a chance to thicken and skaters took what is now a relatively rare opportunity to enjoy a national pastime.

A possible consequence of climate change, the Netherlands doesn’t see the ice that it used to. The Royal Netherlands Meteorological Institute rates winters using an index: those scoring above 100 are considered cold. Between 1901 and 1980, there were seven winters above 200 – very cold.

The last time the index exceeded the magical 100 mark was in 1997. In fact, this was also the last time the weather was cold enough for an ‘Elfstedentocht’: a 200 km skating race between 11 towns in the north of the country.

In 2014, for the first time since measurements began, the index fell to zero.

While people enjoyed the ice below, this Sentinel-2 image allows us to view the beauty of this short-lived layer of ice from above.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Netherlands ice". Traduzione: Gianluca Pititto)



 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khdk9

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

trasporti 3D qgis cnr oceanografia faro mobile mapping geologia dati storytelling FOIF autocad open source archeologia autonomous vehicle meteorologia asi dati geografici terremoto apr ISPRA terra e spazio terremoti in cantiere Toponomastica geospatial galileo reti tecnologiche catasto termografia interferometria infrastrutture uav scienze della terra app CAD autodesk dissesto idrogeologico open geo data topcon fotogrammetria gps INSPIRE teorema aerofotogrammetria tecnologia sentinel planetek monitoraggio satelitare realtà virtuale top world cantiere drone beni culturali microgeo geoportale osservazione dell'universo eGEOS rilievo 3d tecnologie avanzate satelliti sar open data geomax pianificazione Harris coste intelligenza artificiale modellazione 3d GTER posizionamento satellitare rndt esri italia telerilevamento stazione totale scansione 3D digital geography Stonex ambiente geomatica mare leica smart mobility energia agricoltura ict top formazione geodesia sensore hexagon gestione emergenze mappe urbanistica rischio osservazione della terra codevintec sinergis lidar big data remote sensing uso del suolo droni metadati smart city misurazione territorio utility smartphone numerazione civica terrelogiche trimble geofisica ricevitori sicurezza ortofoto servizi INTERGEO mobilita esa BIM esri Here realta aumentata GIS arcgis leica geosystems copernicus internet of things spazio Bentley topografia geolocalizzazione cosmo skymed catasto europeo progettazione laser scanner monitoraggio 3DTarget technologyforall asita cartografia openstreetmap flytop rilievo nuvole di punti webGIS ingv GNSS protezione civile
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy