NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Domenica, 28 Gennaio 2018 22:48

ESA - Immagine della settimana: il delta dello Yukon (28 gennaio 2018)

Gianluca Pititto
Area del delta del fiume Yukon (Alaska - USA) Area del delta del fiume Yukon (Alaska - USA) Credits: Contains modified Copernicus Sentinel data (2017), processed by ESA

La missione Sentinel-2 del programma europeo Copernicus ci porta  su un’area del delta dello Yukon, nello stato USA dell’Alaska (guardala/scaricala in alta risoluzione).


Il fiume Yukon nasce nel British Columbia in Canada e scorre attraverso il Territorio dello Yukon prima di entrare in Alaska, per poi terminare la sua corsa nel Mare di Bering.

Questa immagine, acquisita il 29 agosto 2017, mostra che il fiume origina diramazioni che si sviluppano con andamento sinuoso attraverso il basso  territorio per poi raggiungere lo sbocco in mare. Il color sabbia di questi canali e dell’acqua in prossimità della costa mostra che tanto sedimento è trasportato dal fiume verso il mare in quel particolare periodo dell’anno.

E’ stato stimato che il 95% di tutti i sedimenti trasportati mediamente durante un anno sono prodotti in realtà tra i mesi di maggio e settembre. Durante i restanti sette mesi risultano basse le concentrazioni di sedimenti e degli altri costituenti che fissano la qualità dell’acqua.

In ogni caso, gli scienziati ritengono che il flusso dei sedimenti sia cresciuto nel corso degli ultimi decenni per il fatto che il permafrost si sta scongelando nel bacino del fiume Yukon e la frattura dei ghiacci avviene in anticipo  nel corso dell’anno a causa dell’aumento delle temperature dell’aria atmosferica. Questa circostanza è molto importante perchè concentrazioni elevate possono incidere in modo diverso sulla fauna acquatica, ostruendo le branchie dei pesci, ricoprendo i siti destinati alla riproduzione ed alterando lo habitat degli organismi che vivono sui bassi fondali. Inoltre, contaminanti organici e metalli tendono a combinarsi con sedimenti a grana fine.

Ciascun satellite Copernicus Sentinel-2 trasporta a bordo una fotocamera ad alta risoluzione che produce immagini della superficie della Terra in 13 diverse bande spettrali. Mentre la missione è principalmente impiegata per individuare sia i cambiamenti nel modo in cui il territorio viene utilizzato sia per monitorare lo stato di salute della nostra vegetazione, tuttavia essa fornisce anche informazioni sulle condizioni in cui versano le acque costiere.


---

Yukon Delta


The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over part of the Yukon Delta in the US state of Alaska.

The Yukon River rises in British Columbia in Canada and flows through Yukon Territory before entering Alaska and finally draining into the Bering Sea.

This image, recorded on 29 August 2017, shows how the river branches off into numerous channels that meander through the low-lying terrain on their way to the sea. The sandy colour of these channels and of the coastal water illustrates how much sediment the river carries to the sea at this time of year.

It is estimated that 95% of all sediment transported during an average year occurs between May and September. During the other seven months, concentrations of sediment and other water-quality constituents are low.

However, scientists also believe that sediment flow has increased over the last few decades because permafrost is thawing in the Yukon River Basin and ice breakup occurs earlier in the year owing to warmer air temperatures. This is important because elevated concentrations can adversely affect aquatic life by obstructing fish gills, covering fish spawning sites, and altering habitat of bottom-dwelling organisms. Metals and organic contaminants also tend to adsorb onto fine-grained sediment.

The Copernicus Sentinel-2 satellites each carry a high-resolution camera that images Earth’s surface in 13 spectral bands. While the mission is mostly used to track changes in the way land is being used and to monitor the health of our vegetation, it also provides information on the condition of coastal waters.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Yukon Delta". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwuqh


Master GEO_GST
Trimble Italia
Trimble Italia
Dronitaly
Dronitaly

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma
Master GEO_GST

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Il pazzesco geoportale della Svizzera

    Stefano Campus 16.02.2018 10:10
    RE: -
    @andrea, puoi spiegare meglio?
     
  • Il Catasto in tasca

    Fintocubano 14.02.2018 09:40
    RE: Project Manager
    Grazie, non sapevo dell'esistenza di questo servizio del MIBACT! Ho provato a cliccare su ''Aggiungi ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo